AFGHANISTAN: LA BRIGATA SASSARI ALLA GUIDA DEL TAAC WEST

HERAT, 14 DICEMBRE 2017 - Si è svolta questa mattina nell’aeroporto di Herat, la cerimonia di avvicendamento alla guida del Train Advise Assist Command West (TAAC W), il comando Nato multinazionale e interforze a guida italiana che opera nella regione Ovest dell’Afghanistan nell’ambito della Missione Resolute Support (RS). La Brigata Alpina TAURINENSE, dopo sei mesi di addestramento, consulenza e assistenza a favore delle Afghan National Defence and Security Forces (ANDSF) dell’ovest, è stata avvicendata dalla Brigata SASSARI.
Alla cerimonia, presieduta dal vice comandante della missione Resolute Support Generale Richard Cripwell (UK), hanno partecipato l’Ambasciatore d’Italia a Kabul Roberto Cantone, il comandante del Comando Operativo di vertice Interforze (COI) l’Ammiraglio di Squadra Giuseppe Cavo Dragone, e tutte le massime autorità civili e militari afgane della regione ovest.
Il Generale Cripwell, nel suo intervento, ha ringraziato il comandante cedente Generale Massimo Biagini e gli alpini schierati, per gli eccellenti risultati conseguiti e ha formulato al Generale Gianluca Carai e ai soldati della SASSARI gli auguri per il difficile e delicato compito che li attende. Ripercorrendo le numerose attività condotte dal TAAC W nel semestre di responsabilità della TAURINENSE, il vice comandante di RS ha voluto citare alcuni significativi successi, quali i quattro expeditionay advisory package (EAP) svolti a Farah, Shindand e Qala-eye-now, l’impegno a favore delle donne afghane e le iniziative intraprese per il contrasto alla corruzione nella pubblica amministrazione che uniti alle campagne informative nelle scuole e nelle aree rurali contro la minaccia di ordigni improvvisati hanno rappresentato una novità nel Train Advise and Assist (TAA).
Le attività di addestramento (Train) di consulenza (Advise e Assist), che attualmente sono svolte dagli advisors del TAAC West a favore delle ANDSF, hanno il duplice obiettivo di rendere le Forze di Sicurezza locali autonome nella gestione dello sviluppo professionale del proprio personale, e di formare nuovi istruttori (“train the trainers”), oltre che addestrare “specialisti” in materia di intelligence, di contrasto agli ordigni improvvisati, di impiego di mortai ed artiglierie, di controllo dello spazio aereo ed altro ancora, attraverso corsi mirati, seminari e simposi.
Per il Comando della Brigata SASSARI si tratta ormai del quarto mandato in terra afghana, il primo dalla nascita della missione Resolute Support avvenuto il 1° gennaio 2015; contestualmente il 152° Reggimento fanteria “Sassari” ha assunto il comando della Task Force Arena, unità preposta alla sicurezza e al supporto delle attività del contingente italiano avvicendando il 2° Reggimento alpini di Cuneo.
Missione RESOLUTE SUPPORT
Train Advise Assist Command-West
Public Affairs Office

GEN. STANO CEDE COMANDO COMFOPNORD A GEN. SERRA

PADOVA, 14 DICEMBRE 2017 - Questa mattina, nell’aula Magna del Palazzo del “Bo”, sede dell’Università degli studi di Padova, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, ha presieduto la cerimonia di cambio al vertice del Comando Forze Operative Nord (COMFOPNORD). Al Generale di Corpo d’Armata Bruno Stano, 35° comandante della Brigata SASSARI, è subentrato il Generale di Corpo d’Armata Paolo Serra.
Numerose le autorità civili e militari presenti: il Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Ambiente, Barbara Degani, il sindaco della città di Padova Sergio Giordani e il Magnifico Rettore dell' Università, Prof. Rosario Rizzuto.
Il Generale Errico, nel corso del suo intervento, ha ringraziato il Generale Stano per l’impegno dimostrato nel portare a termine la costituzione del Comando Forze Operative Nord. Un processo iniziato nel settembre 2013, nell’ambito della riorganizzazione degli alti comandi della Forza Armata, che ha visto l’accorpamento del 1° Comando Forze di Difesa con il Comando Militare Esercito “Veneto". Il processo è poi continuato, nel corso del 2014 con le assunzioni delle funzioni del Comando Infrastrutture Nord e nel 2015 acquisendo, alle proprie dipendenze, la Divisione “Friuli”. Dal 1° ottobre 2016 il Comando Forze di Difesa Interregionale Nord ha accorpato tutte le funzioni operative, infrastrutturali e territoriali della Forza Armata del centro e nord Italia cambiando la propria denominazione nell’attuale Comando Forze Operative Nord. Il Generale Errico ha, inoltre, evidenziato come la Forza Armata abbia sempre trovato nel Comando delle Forze Operative Nord un interlocutore affidabile, disponibile e propositivo che ha garantito interventi tempestivi e altamente qualificati, a riconferma del ruolo decisivo dell' Esercito quale strumento al servizio della comunità nazionale.
In quest’area, il COMFOPNORD sovrintende a tutti i concorsi che l’Esercito fornisce, in conformità ai propri compiti istituzionali e nel caso di pubbliche calamità, come accaduto per gli eventi sismici che hanno colpito l’Italia centrale il 24 agosto 2016 e successivamente il 30 ottobre, dove il COMFOPNORD ha coordinato nelle prime fasi l’operazione “Sabina”, nella quale sono stati impegnati circa 1500 militari e oltre 500 mezzi (tattici, speciali del genio e commerciali) per la ricerca e il soccorso di superstiti, rimozione delle macerie, ripristino della viabilità stradale e vigilanza anti sciacallaggio di paesi e borghi disabitati.
Il Generale Stano, nel suo intervento, ha ricordato i suoi 44 anni di vita militare e ha evidenziato come la disciplina, l’integrità morale e lo spirito di corpo siano gli elementi fondamentali della professione militare che devono essere perseguiti quotidianamente.
Il Generale Paolo Serra ha recentemente lasciato la carica di Consigliere per la Sicurezza nell’ambito della Missione ONU UNSMIL in Libia.

AEROPORTO CAGLIARI FESTEGGIA TRAGUARDO 4 MILIONI DI PASSEGGERI

CAGLIARI, 14 DICEMBRE 2017 - L’Aeroporto di Cagliari ha festeggiato il traguardo dei quattro milioni di passeggeri transitati dall’inizio dell’anno, la quota la più alta di sempre nella sua storia. A fine 2016 i viaggiatori del principale scalo aereo sardo erano stati 3.686.746; oggi, con due settimane di
anticipo sulla fine dell’anno, viene raggiunto a Cagliari il record
storico dei quattro milioni di viaggiatori.
Il risultato è stato solennizzato da SOGAER con la premiazione del “QUATTROMILIONESIMO PASSEGGERO”, Alessandro De Nicola, ingegnere salernitano di 42 anni, in partenza per Napoli. Il presidente della società di gestione dell’aeroporto Gabor Pinna, con Alberto Scanu, Alessio Grazietti e David Crognaletti – rispettivamente amministratore delegato, direttore generale e direttore commerciale SOGAER – hanno consegnato all'ing. De Nicola un biglietto di andata e ritorno della compagnia aerea olandese KLM per due persone per New York per festeggiare la storica occasione.
I transiti dell’Aeroporto di Cagliari hanno toccato quota 4 milioni conlargo anticipo rispetto a fine anno anche grazie all’ottimo risultato messo a segno dal segmento internazionale che ha registrato un +37% dall’inizio dell’anno. Inoltre, in collaborazione con l’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Autonoma della Sardegna, sono stati offerti sia al 4 milionesimo passeggero, sia ad altri fortunati viaggiatori, alcuni preziosi oggetti di artigianato artistico sardo in vendita nella boutique ISOLA dell’Aeroporto di Cagliari. VEDI IL VIDEO

I LIBRI: "DECIMOMANNU AWTI" di ALESSANDRO RAGATZU con CARLO DEDONI

Dopo la pubblicazione del libro “Sparvieri e Predoni, l’aeroporto di Decimomannu nella 2a Guerra Mondiale 1939/1944” (esaurito), è finalmente disponibile l’atteso secondo volume, “Decimomannu – Air Weapons Training Installation 1957/2016”, dedicato alla storia più recente della base aerea di Decimomannu, che proprio nel 2017 ha compiutp i 60 anni dal primo rischieramento di un reparto operativo, nell’aeroporto appena completato.
Attraverso una inedita documentazione di fonte canadese ed americana ancora in gran parte secretata, ma in parte declassificata e resa disponibile per questo lavoro, e un ricchissimo e raro apparato iconografico inedito, in gran parte a colori, il volume ripercorre in dettaglio i primi anni della base aerea, dai contatti preliminari con le forze aeree canadesi alla contestuale costituzione del CAT, dell’AWU e dell’AWTI, e la successiva attività aerea dei reparti aerei progressivamente rischierati per l’addestramento sui poligoni aria-aria a ovest del golfo di Oristano e aria-suolo di Capo Frasca; di quest’ultimo sono presenti informazioni inedite anch’esse fornite per questo volume; il secondo capitolo introduce ed approfondisce l’arrivo e l’impiego della RAF e dell’USAFE nel 1970, e conduce al terzo capitolo, che descrive l’avvio del programma ACMI di fine anni 70, con ulteriori dettagli tratti da documenti d’archivio resi noti per la prima volta, attraversando quindi gli anni ‘80 fino al successivo abbandono americano; con il capitolo sugli anni 90 si arriva alla partenza della RAF, per ripercorrere infine i fatti salienti dal 2000 ad oggi.
Il volume di 216 pagine su carta patinata, rilegato cartonato, formato 22×24 cm, potrà suscitare l’interesse di storici ed appassionati e rivelarsi utile anche per i modellisti, per via dei tipi, delle livree e delle innumerevoli situazioni presentate.
Il prezzo di copertina è di 38 euro
Il libro sarà disponibile in alcune selezionate librerie di Cagliari e Hinterland e direttamente dall’autore inviando una mail a alessandroragatzu@hotmail.com

RICONOSCIMENTI PER MILITARI COMANDO LEGIONE CARABINIERI SARDEGNA

CAGLIARI, 11 DICEMBRE 2017 - Questa mattina, a Cagliari, nella sede del Comando Legione Carabinieri Sardegna si è svolta una cerimonia di consegna di riconoscimenti al merito per attività di servizio.
In particolare, il Generale di Corpo d’Armata Ilio CicerI, Comandante Interregionale Carabinieri “Podgora” (competente, oltre che per la Sardegna, anche per le Legioni Carabinieri Lazio, Toscana, Marche e Umbria), in arrivo da Roma e ricevuto dal Gen. di Divisione Giovanni Truglio (Comandante della Legione Carabinieri Sardegna), alla presenza di una nutrita rappresentanza di personale in servizio, in congedo (ANC) e del Co.Ba.R. (Organismo di Base della Rappresentanza dei Carabinieri), ha consegnato ad alcuni militari in servizio dei Comandi Provinciali CC di Nuoro e Oristano oltre ad alcuni dello Squadrone Eliportato "Cacciatori di Sardegna", gli attestati di merito che si sono guadagnati in particolari attività di servizio.
Al termine della cerimonia il generale Ciceri ha approfittato dell’imminente arrivo delle Feste Natalizie per rivolgere ai Carabinieri di Sardegna e alle loro famiglie i più sentiti auguri.

TEMPIO OSSARIO DI UDINE: IL TRAMONTO DEGLI EROI NON AVRA' MAI SERA

UDINE, 7 DICEMBRE 2017 -  Nel Tempio Ossario di Udine riposano le salme di 21.874 soldati caduti durante la Grande Guerra soprattutto nel Friuli orientale e sepolti originariamente nei cimiteri di guerra a ridosso della linea del fronte. Secondo i registri dell'Ufficio parrocchiale della Chiesa di San Nicolò -Tempio Ossario,  16.214 sono i Caduti identificati e 5660 quegli ignoti. Le salme dei Caduti identificati sono collocate nei loculi inseriti nelle pareti delle cappelle ai lati della navata centrale, nelle pareti del transetto e dell'abside centrale della Chiesa superiore e nella grande Cripta sottostante. I nomi incisi su lapidi di travertino seguono l'ordine alfabetico. I 5660  Caduti ignoti riposano alla base e su ambo i lati dello scalone d'accesso alla Cripta,  in due ampi settori di muro rivestiti da lastre di marmo grigio sulle quali campeggia la scritta "Et nomen cum sanguine pro Patria dedimus".
Le salme identificate sono elencate in due volumi conservati nell'Ufficio parrocchiale e, dopo la digitalizzazione, sul sito online del Tempio Ossario. Grazie al motore di ricerca è possibile trovare i dati relativi ad ogni Caduto e la sua collocazione nell'Ossario.

CALENDESERCITO PRESENTATO A CAGLIARI

CAGLIARI, 6 DICEMBRE 2017 - IL LUNGO FILO ROSSO DALL’UNITÀ ALLA VITTORIA. È questo il titolo del Calendario 2018 dell’Esercito italiano, presentato a Cagliari, nell’Auditorium del Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II”, dal Comandante del Comando Militare Esercito Sardegna, Generale di Divisione Giovanni Domenico Pintus alla presenza delle autorità civili, ecclesiastiche, e militari della Sardegna nonché delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma e di una rappresentanza di studenti del Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II” di Cagliari.
Sfogliando l’opera, le prime tavole offrono uno scorcio di quella che fu la gioventù dei nostri nonni e bisnonni, con la loro passione, la loro voglia di cambiare e di credere sino in fondo agli ideali d’identità nazionale che hanno costituito le premesse fondanti dell’unificazione italiana. Il paginone centrale è dedicato alla bandiera, simbolo della nostra Patria e vessillo tricolore per il quale sono morti milioni di italiani. Vengono affrontati anche i temi della sanità militare, illustrando quello che fu il lavoro frenetico di migliaia di medici militari che nel corso del primo conflitto mondiale offrirono assistenza e cure ai militari feriti in combattimento, delle donne, del cibo, degli animali, dell’uniforme militare, da secoli segno distintivo di chi difende il proprio Paese.
Nell’ambito della presentazione è stato anche commemorato il 25° anniversario dell’Esercitazione “FORZA PARIS”, con l’intervento del Generale Duilio Mambrini, Comandante del Comando Regione Militare Sardegna nel 1992 e la proiezione di alcune immagini di repertorio che hanno ripercorso i momenti più importanti dell’esercitazione.
La presentazione del “CalendEsercito 2018”, si è conclusa con un concerto della Banda Musicale della Brigata SASSARI, incentrato su alcuni brani musicali della Grande Guerra.

CARABINIERI: ‬‬GEN‭. ‬ ‬TRUGLIO‭ ‬VISITA ‭SQUADRONE ‭ “‭CACCIATORI SARDEGNA‬”‬

ABBASANTA, 5 DICEMBRE 2017 - Il Generale di Divisione Giovanni Truglio, comandante della Legione Carabinieri Sardegna,‭ ha visitato oggi lo ‬Squadrone ‭ ‬Eliportato “Cacciatori Sardegna” ‭di Abbasanta.‬ L’ufficiale generale dell’Arma‭ dei carabinieri, accompagnato dal Colonnello Vincenzo ‬B‭ono, ‬Capo ‭ ‬di ‭ ‬Stato ‭ ‬Maggiore ‭ ‬nonché ‭Vicecomandante ‭ ‬del‭la ‭ ‬‬Legione ‭ ‬Carabinieri Sardegna, ‬è ‬stato‭ ‬ricevuto ‬dal ‬Maggiore ‬Alfonso‭ ‬Musumeci ‬al ‬quale ‬dal ‬30 ‬agosto 2017 è stato affidato il comando dello Squadrone Eliportato ‭“Cacciatori Sardegna”‬.
Il Gen. Truglio ha incont‭rato i militari dello Squadrone Cacciatori, del Nucleo Cinofili ‬e‭ del ‭ ‬distaccamento ‭ ‬dell’11° Nucleo ‬Elicotteri di ‬Cagliari-Elmas, nonché ‬una rappresentanza dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo di Norbello e Abbasanta.  ‭Nel ‬corso ‭ ‬della ‭ visita, ‭ ‬la ‭ ‬prima ‭ ‬dopo ‭ ‬l’insediamento ‭ ‬del ‭ ‬6 ‭ ‬novembre ‭ ‬scorso ‬n‭ell’incarico di comandante della Legione Carabinieri ‭ ‬Sardegna, è ‭ ‬stata ‬analizza‭ta‬ l‭a ‬complessa attività svolta da‭llo speciale Reparto‬.

LA BRIGATA SASSARI PARTE PER NUOVE MISSIONI

SASSARI, 1 DICEMBRE 2017 - Per la prima volta nella sua centenaria storia la Brigata SASSARI si troverà a dover operare contemporaneamente in quattro diverse missioni. Il Comando Brigata, il 152° Fanteria con aliquote del 5° Guastatori e del Reparto Comando e Supporti Tattici, saranno in Afghanistan. Il 151° Fanteria sarà in Iraq, il TERZO Bersaglieri guiderà la task force a protezione dell'ospedale militare in Libia. E infine aliquote dei reggimenti della SASSARI continueranno a dare il loro apporto all'Operazione "Strade Sicure.
Nella Caserma “Gonzaga” di Sassari, sede del 152° Fanteria, si è svolta la cerimonia di saluto a militari in partenza. Sulla piazza d'armi si è schierato un reggimento di formazione, al comando del Col. Francesco Matarrese, 59° comandante del 152°, che, sulle note della Banda della Brigata SASSARI, ha reso gli onori alla Bandiera di Guerra del 152°, decorata di un Ordine militare d'Italia, due Medaglie d'Oro al Valor Militare e una Medaglia d'Oro al Valore dell'Esercito.
La cerimonia è stata presieduta dal Comandante delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano, 37° comandante della SASSARI, accompagnato dal Comandante della Divisione ACQUI, Generale Antonio Vittiglio, presenti il sindaco di Sassari, Nicola Sanna, il presidente del Consiglio regionale della Sardegna, Gianfranco Ganau e le più alte autorità civili, militari e religiose della Regione Autonoma della Sardegna, a testimonianza del legame esistente tra la SASSARI e l'Isola. Nelle allocuzioni del 43° comandante della Brigata SASSARI, Gen. Gianluca Carai, e del Gen. De Leverano è stato trateggiato il quadro complessivo delle missioni affidate ai Sassarini. Il comando del Train Advise Command (TAAC-WEST), a Herat, nella regione ovest dell’Afghanistan, sarà affidato alla SASSARI a partire dalla seconda metà di dicembre, nell’ambito della missione NATO Resolute Support (RS). L’unità isolana schiererà nell’area, oltre al Comando della Brigata, anche il 152° Reggimento Fanteria “Sassari” e componenti sia del 5° Guastatori di Macomer che del Reparto Comando e Supporti Tattici “Sassari”, unitamente al concorso di altre unità specialistiche dell’Esercito. L’operazione Resolute Support ha il compito di fornire un concreto contributo alla stabilizzazione dell’area ed è incentrata sull’addestramento, consulenza e assistenza a favore delle Forze Armate e delle istituzioni afghane.
Il 151° Reggimento Fanteria “Sassari” di Cagliari avrà la responsabilità della Task Force “Praesidium”, l’unità che protegge la diga di Mosul in Iraq. L’importanza della diga, la più grande dell’Iraq, è fondamentale per l’intera area e per l’assetto strategico dello Stato medio-orientale. L’infrastruttura garantisce infatti l’approvvigionamento idrico alla popolazione irachena e un suo sabotaggio metterebbe a rischio la vita di buona parte degli abitanti della regione e implicherebbe una seria minaccia allo sviluppo e all’economia di tutta l’area.
Il 3° Reggimento Bersaglieri, di stanza a Capo Teulada, assumerà invece la guida della Task Force impegnata nella missione “Ippocrate” a Misurata, operazione italiana che vede schierato in Libia un ospedale da campo, necessario a fornire assistenza sanitaria nell’ambito della collaborazione e del supporto umanitario fornito dall'Italia al popolo libico. VEDI I VIDEO

BRIGATA SASSARI: 151° FANTERIA IN APPRONTAMENTO A CAPO TEULADA

Courtesy photo:
Esercito Italiano

CAPO TEULADA, 27 NOVEMBRE 2017 - Il 151° Reggimento Fanteria “Sassari” ha perfezionato nel poligono di Capo Teulada la sua preparazione in vista dei futuri impegni operativi. L’unità della Brigata SASSARI ha infatti sviluppato, durante le ultime tre settimane, manovre addestrative che hanno consentito di riprodurre sul campo diverse situazioni di crisi, di combattimento e di contributo al mantenimento della pace anche avvalendosi degli avanzati sistemi di simulazione del Centro Addestramento Tattico (CAT) che gestisce il nuovo e avveniristico Sistema Integrato per l'Addestramento Terrestre (SIAT).
Nelle attività sono state coinvolte inoltre unità del 3° Reggimento Bersaglieri e del 5° Reggimento Genio Guastatori della SASSARI, del 7° reggimento Difesa NBC “Cremona”, oltre al fondamentale concorso di assetti ad ala rotante, forniti dal 21° Gruppo Squadroni “Orsa Maggiore” di Elmas.
L’esercitazione conclusiva ha visto schierato un intero gruppo tattico, con l’obbiettivo di perfezionare le procedure e l’interoperabilità degli assetti sul terreno. L’unità ha così condotto, mediante l’impiego di formazioni di complesso, una serie di atti tattici compresi quelli finalizzati alla protezione di civili e infrastrutture critiche nonché al mantenimento della sicurezza di un’area, tipica di un intervento in una zona caratterizzata da instabilità e ricostruzione post-conflittuale. Di particolare interesse l'addestramento degli operatori del sistema Hitrole montata sul "Lince", il Veicolo Tattico Leggero Multiruolo. La Torretta Remotizzata "Hitrole Light" è un Sistema d'Arma composto da un affusto non intrusivo sul quale sono integrate un'arma e un'ottica; da un Set di Comando e Controllo formato da un monitor e da due cloches e da una Unità Logica di Controllo "ULC". Ha la possibilità di installare alternativamente mitragliatrice Browning FN HERSTAL cal. 12.7 mm, mitragliatrice MG3 A1 cal. 7,62 mm e lanciagranate automatico MK 19 da 40 mm.
Il 151° Reggimento Fanteria “Sassari”, le cui compagnie sono state impiegate sino all’inizio della scorsa estate a Roma nel quadro dell’Operazione "Strade Sicure", ha così completato un percorso di approntamento durato alcuni mesi, caratterizzato da esercitazioni per posto comando (CPX), lezioni di tiro e approfondimenti relativi ai teatri di impiego dove l’Unità potrebbe essere chiamata ad operare.

MARINA MILITARE: COMMEMORATO A CAGLIARI TV GIOVANNI GARAU MOVM

CAGLIARI, 24 NOVEMBRE 2017 - Nel cimitero monumentale di Bonaria a Cagliari si è svolta la cerimonia di commemorazione della Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria, tenente di vascello Giovanni Garau, alla presenza del comandante del Comando Supporto Logistico della Marina Militare, contrammiraglio Enrico Pacioni, e della rappresentanza della locale sezione ANMI (Associazione Nazionale Marinai d’Italia) intitolata allo stesso Garau.
L'eroica azione intrapresa dall’allora giovane tenente di vascello, imbarcato nel corso del secondo conflitto mondiale sul cacciatorpediniere “Fulmine” che, durante una missione nel Mediterraneo centrale, venne gravemente colpito dal fuoco di una formazione navale inglese. Con l'unità immobilizzata e prossima all'affondamento, Giovanni Garau condusse una decisa reazione di fuoco provvedendo a far porre in salvo il personale.
Per questo motivo, gli venne conferita la Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.
La Marina Militare non ha mai dimenticato il suo giovane eroe e, oltre alla sezione locale dell’ANMI, ha intitolato a Giovanni Garau un molo, un piazzale e una palazzina all’interno della Base Navale di Cagliari. Anche la città di Cagliari ha reso omaggio al suo eroe dedicandogli una piazza.

VIRGO FIDELIS PATRONA CARABINIERI, CERIMONIE A CAGLIARI

CAGLIARI, 21 NOVEMBRE 2017 - L’Arma dei Carabinieri ha celebrato oggi le ricorrenze commemorative della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Istituzione, del “76° Anniversario della Battaglia di Culqualber” e della “Giornata dell’Orfano”. La data del 21 novembre fu scelta dal Papa Pio XII in occasione della proclamazione di Maria "Virgo Fidelis” Patrona dei Carabinieri, per ricordare la presentazione di Maria Vergine al Tempio e la ricorrenza della battaglia di Culqualber (6 agosto-21 novembre 1941), in Africa Orientale. Il 1° Battaglione Carabinieri Mobilitato che resistette strenuamente, in situazioni logistiche disperate, contro le soverchianti forze nemiche inglesi, capitolando solo dopo la morte di quasi tutti i difensori del passo montano che permetteva di raggiungere Gondar ultimo ridotto italiano in Africa Oritentale. Per questo fatto d’armi alla Bandiera dell’Arma fu conferita la seconda Medaglia d’Oro al Valor militare. Tra gli eroi del terribile assedio di Gondar il Carabiniere Giovanni Maria Corda, classe 1907 di Bonnanaro, decorato di Medaglia d’Argento al Valor militare alla memoria e l’Appuntato Luigino Lai, classe 1905 di Jerzu, decorato di Croce al Valor Militare.
Con la Virgo Fidelis, l'Arma celebra anche la Giornata dell'Orfano, istituita nel 1996, che rappresenta per i Carabinieri e per l'Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei militari dell'Arma dei Carabinieri (O.N.A.O.M.A.C.) un'occasione di concreta vicinanza alle famiglie dei colleghi caduti.
La prima parte della cerimonia si è svolta, a partire dalle 8:30, all’interno della Caserma Zuddas di Via Sidney Sonnino, sede del Comando Legione Carabinieri Sardegna, con la deposizione di una corona in onore dei Caduti e con la rievocazione della Battaglia di Culqualber. La cerimonia si è conclusa alle 10 con la Santa Messa, concelebrata dall'arcivescovo di Cagliari Arrigo Miglio, dal parroco e dal cappellano dei Carabinieri, padre Mariano Asunis, nella chiesa di San Lucifero, alla presenza delle Autorità cittadine, dei familiari delle vittime del dovere e di una folta rappresentanza di carabinieri, in servizio, in congedo (Associazione Nazionale Carabinieri) e loro familiari.

LA REGIA MARINA NELLA GRANDE GUERRA, CONFERENZA A CAGLIARI

CAGLIARI, 20 NOVEMBRE 2017 - Il ruolo della Regia Marina nella Grande Guerra è stato illustrato nel corso di una conferenza storica nella Base Navale di Cagliari agli studenti di due classi dell'Istituto Tecnico Economico "Pietro Martini" e dell'Istituto di Istruzione Superiore "Buccari-Marconi". Relatori il comandante di "MariCagliari", contrammiraglio Enrico Pacioni, già responsabile della Pubblica Informazione della Marina Militare, il prof. Aldo Accardo, dell'Università di Cagliari e presidente della Fondazione "Giuseppe Siotto", l'architetto Francesco Scoppola, direttore generale "Belle Arti e Paesaggio" del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT), e il capitano di fregata Marco Sciarretta, dell'Ufficio Storico della Marina Militare.
Dalle relazioni sono emersi spaccati di storia spesso ignorati dai più, ma che a distanza di 100 anni, come ha sottolineato il prof. Accardo, continuano a far sentire il loro effetti sul mondo contemporaneo.VEDI IL VIDEO

EROS IMBIMBO RESPONSABILE NAZIONALE DIFESA DC

VITERBO, 15 NOVEMBRE 2017 - Il generale di brigata (in ausiliaria) Eros Imbimbo è stato nominato responsabile nazionale del Dipartimento Difesa e Sicurezza della Democrazia Cristiana dal segretario politico nazionale DC Angelo Sandri. Pilota di elicotteri, Imbimbo ha prestato servizio per molti anni in Sardegna dove arrivò da tenente nel 21° Gruppo Squadroni "Orsa Maggiore" che ha successivamente comandato da Tenente Colonnello. Al termine del periodo di comando dell'"Orsa Maggiore", guidata anche in una missione di pace in Bosnia, dopo un periodo come ufficiale addetto alla pubblica informazione del Comando Aviazione dell'Esercito (AVES) a Viterbo, da Colonnello Imbimbo è tornato nell'isola per dirigere il Centro di Selezione e Reclutamento Volontari per la Sardegna che aveva sede nella Caserma "Carlo Ederle" di Cagliari.
Imbimbo ha partecipato a missioni all'estero, oltre che nei Balcani, in Libano, Mozambico, India, Pakistan e Malta ed è insignito di onorificenze italiane ed estere. Particolarmente legato alla Sardegna il generale Imbimbo nel nuovo incarico sarà sicuramente molto attento alle problematiche che riguardano la Brigata SASSARI e la presenza militare nell'isola.

13-15 NOVEMBRE 1915: IL DOVERE DI NON DIMENTICARE

9a GIORNATA RICORDO CADUTI MILITARI E CIVILI MISSIONI PACE

CAGLIARI, 12 NOVEMBRE 2017 - Oggi è stata celebrata la 9a Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace. A Roma, alla presenza dei familiari dei Caduti, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha deposto una corona d’alloro all’Altare della Patria, e successivamente ha assistito alla messa celebrata dall’Ordinario Militare per l’Italia, Monsignor Santo Marcianò, nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli. "Se il nostro Paese continua a vivere libero e sicuro - ha detto Pinotti - lo dobbiamo anche al sacrificio dei nostri Caduti, persone straordinarie che hanno servito la Patria"
Nel pomeriggio a Sant'Antioco il parroco di San Pietro Apostolo ha concelebrato col cappellano del 151° Fanteria, Don Marco Zara, una messa in memoria del maresciallo Silvio Olla caduto 14 anni fa a Nassiriya. Accanto al padre di Silvio, Ruggero, i comandanti del 151°, Col. Maurizio Settesoldi, e del 1° Reggimento Corazzato, Col. Fabrizio Giardini, il Comandante del I Battaglione del 151°, Ten. Col. Alessio Argese, rappresentanze del TERZO Reggimento Bersaglieri, Capitaneria di Porto, Carabinieri e Associazioni d'Arma.

BRIGATA SASSARI: TEN. COL. ARGESE NUOVO COMANDANTE I BTG/151°

CAGLIARI, 10 NOVEMBRE 2017 – Il tenente colonnello Alessio Argese è il nuovo comandante del I Battaglione del 151° Reggimento Fanteria "Sassari". L'avvicendamento con il predecessore, ten. col. Vincenzo Tita, è avvenuto durante una cerimonia nella Caserma "Monfenera" presieduta dal 53° Comandante del 151°, col. Maurizio Settesoldi. Davanti al Battaglione schierato il ten. col. Tita, che aveva assunto il comando 12 mesi fa, durante una breve allocuzione ha ringraziato i sassarini per il loro impegno e ne ha sottolineato il valore e lo spessore professionale. Il ten. col. Tita (foto sotto) ha guidato il battaglione nell'operazione Strade Sicure a Roma e nell'addestramento propedeutico alla prossima proiezione del Reggimento in teatro operativo estero. Dopo la pronuncia della formula di riconoscimento Comandante cedente e subentrante con il Col. Settesoldi hanno reso gli onori ai Caduti del Reggimento la cui Bandiera di Guerra è decorata di un Ordine Militare d'Italia, di due Medaglie d'Oro al Valor Militare e una Medaglia d'Oro al Valore dell'Esercito.
Il ten. col. Arcese, 41 anni, originario di Grugliasco (Torino) proviene dalla specialità lagunari. E' sposato e ha due figli. Nel Reggimento "Serenissima" ha svolto gli incarichi di comandante di plotone e di compagnia. Successivamente ha frequentato i corsi di formazione della Marine Corps University, il Command Staff College a Quantico (Virginia - USA) classificandosi tra i primi dieci su 240 ufficiali provenienti da truppe anfibie di tutto il mondo e venendo così ammesso alla prestigiosa "School of Advanced Warfighting" dei Marines, dove si analizzano strategie, nuove tecniche di difesa e i più sofisticati e innovativi sistemi d’arma.  VEDI IL VIDEO

RESIDUATO BELLICO FATTO BRILLARE DA GENIERI BRIGATA SASSARI

CHIARAMONTI, 10 NOVEMBRE 2017 – Gli artificieri del 5° Reggimento Genio Guastatori della Brigata SASSARI hanno concluso oggi le operazioni di bonifica di un proietto d’artiglieria italiana caricato con alto esplosivo. L’ordigno era stato ritrovato nella provincia di Sassari qualche giorno fa a causa del terreno smosso dalle forti piogge, all'interno di una discarica nei pressi di Chiaramonti.
A seguito dell'intervento delle forze dell’ordine, che hanno garantito la sorveglianza dell’ordigno, questa mattina, su richiesta della Prefettura di Sassari, sono intervenuti gli artificieri dell’Esercito che, dopo aver messo in sicurezza il proietto d’artiglieria da 75 mm., hanno proceduto alla bonifica sul posto del residuato bellico.
I Guastatori del 5° Reggimento Genio sono gli unici deputati alla messa in sicurezza e distruzione di ordigni esplosivi rinvenuti in Sardegna: gli artificieri della SASSARI hanno effettuato, nel 2017, ben dodici interventi di bonifica di residuati bellici in tutto il territorio isolano.

CAMBIO AL VERTICE BRIGATA CAVALLERIA POZZUOLO DEL FRIULI

GORIZIA, 10 NOVEMBRE 2017 - Si è svolta nella Caserma “Guella” di Gorizia, sede del Comando Brigata di Cavalleria POZZUOLO DEL FRIULI, l’avvicendamento alla guida della Grande Unità dell’Esercito. Al generale di brigata Ugo Cillo è subentrato il generale di brigata Giovanni Parmiggiani proveniente dal Comando Forze Operative Terrestri di Supporto di Verona. Presenti al cambio il comandante della Divisione FRIULI, generale di Divisione Carlo Lamanna, il prefetto di Gorizia Isabella Alberti e il sindaco Rodolfo Ziberna.
Il generale Cillo ha voluto, nel suo discorso, ricordare tutte le attività operative ed addestrative che in questi due anni di comando hanno interessato la Brigata e i propri reggimenti: dall'operazione “Leonte XXI” in Libano, all’operazione “Strade Sicure”, dal Centenario della Presa di Gorizia al Centenario dei fatti d’arme di Pozzuolo del Friuli.
Due anni intensi che hanno consolidato i rapporti della POZZUOLO DEL FRIULI con il territorio , non solo isontino, ma dell’intera regione e con le città che ospitano le proprie Unità.
Il generale Parmiggiani, 80° comandante della Brigata di Cavalleria, inizierà il suo mandato con numerose attività addestrative in corso e l’impegno dei reggimenti per l’operazione “Strade Sicure “ nel nord e centro Italia. Entrambi gli ufficiali generali hanno comandato il reggimento Lagunari “Serenissima” Unità di manovra della POZZUOLO DEL FRIULI.
Cap. Biagio Liotti
Capo Sezione Pubblica Informazione
Comando Brigata di Cavalleria POZZUOLO DEL FRIULI

CENTENARIO CAPORETTO: CERIMONIE IN FRIULI

UDINE, 7 NOVEMBRE 2017 - Tullio Beltrame, sassarino del 151° (Trieste 1973, ci ha inviato le foto della cerimonia organizzata dalla Sezione di Cividale del Friuli della Associazione Nazionale del Fante per ricordare le Battaglie di Caporetto e Cividale e onorare la memoria dei Caduti. Presente alla cerimonia il Generale di Brigata Emilio Motolese, che prestò servizio nel 76° Reggimento Fanteria "Napoli" ed è stato vicecomandante del Regional Command West di ISAF nel 2011-12 durante la missione a guida Brigata SASSARI comandata dal Gen. Luciano Portolano, e i soci della Sezione che hanno reso omaggio al cippo in granito che ricorda l'ottavo battaglione del 151° Reggimento Fanteria "Sassari".

CARABINIERI: GEN. TRUGLIO NUOVO COMANDANTE LEGIONE "SARDEGNA"

CAGLIARI, 6 NOVEMBRE 2017 - Il Generale di Divisione Giovanni Truglio è il nuovo comandante della Legione Carabinieri "Sardegna". L'assunzione della responsabilità è avvenuta durante una cerimonia, presieduta dal Comandante Interregionale Carabinieri “Podgora”, Generale di Corpo d'Armate Ilio Ciceri, nella Caserma intitolata alla Medaglia d'Oro al Valor Militare Brigadiere Enrico Zuddas.
Il comando della Legione "Sardegna" era retto dal 20 ottobre scorso dal Capo di Stato Maggiore, Colonnello Vincenzo Bono, dopo il trasferimento alla guida della Legione "Liguria" del Gen. Paolo Nardone. Nella sua allocuzione il Gen. Truglio si è detto onorato del nuovo incarico e pronto a conoscere i problemi e le esigenze della Sardegna, regione alla quale l'Arma è particolarmente legata perché proprio nell'isola furono promulgate da Vittorio Emanuele I, Re di Sardegna. le Regie Patenti che segnarono la nascita dei Carabinieri.
Il Comandante Interregionale Carabinieri "Podgora", Gen. CA Ciceri, nel suo intervento ha tracciato il profilo professionale del Gen. Truglio il cui ultimo incarico di servizio è stato quello di consulente giuridico del Capo di Stato Maggiore della Difesa. Nato a Sant'Agata di Esaro (Cosenza) nel 1959, Giovanni Truglio è entrato all'Accademia di Modena nel 1977. Dopo gli incarichi come ufficiale di prima nomina, ha comandato la Compagnia Carabinieri a Trieste fino al 1989. Dal 1989 al 1995 ha prestato servizio al Battaglione paracadutisti "Tuscania". Dopo incarichi di staff al Comando Generale dell'Arma, Truglio ha comandato il Gruppo Operativo "Calabria", l'VIII Battaglione Carabinieri "Lazio". Dal settembre 2004 ha comandato la Multinational Specialized Unit (MSU) e successivamente l'IPU (Integrated Police Unit). Il Gen. Truglio ha partecipato a missioni in Somalia, Albania e Iraq. Tra il 2007 e il 2009 ha comandato la Forza di gendarmeria europea (Eurogendfor). Dopo aver comandato in Bosnia l'unità multinazionale di polizia e la prima Brigata Mobile dei Carabinieri il Gen. Truglio è stato a capo del 1° Reparto della Direzione Investigativa Antimafia e, infine, Capo Ufficio Affari Giuridici dello Stato Maggiore Difesa e consulente giuridico del Capo di SMD.

4 NOVEMBRE: CELEBRAZIONI IN SARDEGNA

CAGLIARI, 4 NOVEMBRE 2017 – Con la deposizione di due corone d’alloro al Monumento ai Caduti nel Parco delle Rimembranze di Cagliari, il più grande monumento dedicato in Sardegna alla Brigata SASSARI e a tutti i combattenti della Grande Guerra, sono cominciate nell'Isola le cerimonie per commemorare il 99° anniversario della vittoria nella prima guerra mondiale che coincide col “Giorno dell’Unità Nazionale" e la "Giornata delle Forze Armate”. Davanti al Monumento sono stati resi gli onori ai Caduti alla presenza del prefetto di Cagliari, Tiziana Giovanna Costantino, del Comandante Militare Esercito Sardegna, Generale di Divisione Giovanni Domenico Pintus, e di autorità civili sulle note dell'Inno del Piave eseguito dalla Banda della Brigata SASSARI.
Le note della formazione musicale della SASSARI hanno caratterizzato anche la cerimonia che si è svolta successivamente nella Caserma “Monfenera”, sede del 151° Reggimento fanteria “Sassari", dove dopo l'alzabandiera sono stati letti i messaggi istituzionali del Presidente della Repubblica e del Ministro della Difesa. Dopo una breve allocuzione del Gen. Pintus, lo stesso Comandante dell'Esercito in Sardegna e il prefetto Costantino hanno consegnato ad una rappresentanza di studenti dell’IPSAR “A. Gramsci” di Monserrato il tricolore, quale segno di coesione e integrazione sociale fra le Forze Armate, i giovani e la collettività metropolitana. Al termine è stata inaugurata la mostra statica di mezzi, materiali ed equipaggiamenti dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.
A chiusura delle celebrazioni per il “Giorno dell’Unità Nazionale - Giornata delle Forze Armate”, la Banda musicale della Brigata SASSARI, ha tenuto un concerto nel palazzo "Ottone Bacaredda", sede dell'Amministrazione comunale della città di Cagliari.

 

TEULADA

TEULADA, 4 NOVEMBRE 2017 - La celebrazione della Giornata dell'Unità nazionale e delle Forze Armate è stata caratterizzata a Teulada dall'inaugurazione di una scultura dedicata a Greca Loi, madre di Francesco, Antioco e Ferdinando Frongia caduti nella Grande Guerra. Il sindaco Daniele Serra ha presieduto la cerimonia alla presenza di un picchetto in armi del TERZO Bersaglieri, dell'83° Comandante del Reggimento, Col. Gabriele Cosimo Garau, e di quello del 1° Reggimento Corazzato, Col. Fabrizio Giardini. Nelle foto di Enrico Cambedda alcuni momenti della cerimonia.

RASSEGNA VIDEO - IL SERVIZIO DI CANALE 12 SULLA CERIMONIA A SASSARI
 

SANT'ANNA ARRESI

SANT'ANNA ARRESI, 4 NOVEMBRE 2017 - Il Comune di Sant'Anna Arresi ha solennizzato la Giornata dell'Unità nazionale e delle Forze Armate con una cerimonia davanti al monumento dedicato ai Caduti del comune sulcitano. Il sindaco Teresa Pintus ha presieduto la cerimonia alla presenza di un picchetto d'onore del TERZO Bersaglieri e del 1° Reggimento Corazzato e dei Comandanti dei due reparti, i Colonnelli Gabriele Cosimo Garau e Fabrizio Giardini. La cerimonia è stata seguita da una rappresentanza delle scolaresche di Sant'Anna Arresi.

SAN GIOVANNI SUERGIU

SAN GIOVANNI SUERGIU, 4 NOVEMBRE 2017 - Il Comune di San Giovanni Suergiu  ha celebrato la Giornata dell'Unità nazionale e delle Forze Armate con una cerimonia davanti al monumento dedicato ai Caduti. Nella foto il sindaco Elvira Usai col Comandante del TERZO Bersaglieri, Col. Gabriele Cosimo Garau, e il bersagliere Giancarlo Scarteddu, presidente regionale dell'Associazione Nazionale Bersaglieri

2 NOVEMBRE: COMMEMORAZIONI IN SACRARI MILITARI SARDEGNA

CAGLIARI, 2 NOVEMBRE 2017 - Nel Sacrario Militare del cimitero San Michele di Cagliarisi si è svolta la cerimonia di commemorazione dei Caduti di tutte le guerre. La solenne funzione religiosa è stata officiata dall’Arcivescovo di Cagliari, Monsignor Arrigo Miglio, in suffragio dei 1.041 caduti - di cui 50 ignoti - che riposano nel Sacrario Militare, alla presenza del Comandante del Comando Militare Esercito Sardegna, Generale di Divisione Giovanni Domenico Pintus, delle massime autorità regionali civili, ecclesiastiche, consolari e militari della Sardegna nonché delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma.
Una Compagnia Interforze ha reso gli onori in armi, sulle note dell’Inno del Piave eseguito dalla Banda Musicale della Brigata SASSARI. Dopo la Messa, le commemorazioni sono proseguite nel Campi britannico e germanico con la deposizione di due corone sui rispettivi “cippi”, in onore dei militari stranieri caduti nel corso del 2° conflitto mondiale.

SASSARI, 2 NOVEMBRE 2017 - Questa mattina, nel Sacrario Militare all’interno del Cimitero di Sassari, in occasione della giornata dedicata alla commemorazione dei defunti, ha avuto luogo una cerimonia durante la quale è stata onorata la memoria dei Caduti di tutte guerre.
La Brigata SASSARI, memore del suo motto “Sa vida pro sa Patria”, ha reso omaggio ai “Sassarini” di ogni tempo che hanno perso la vita nell’adempimento del loro dovere.
Oltre al Comandante della Brigata Sassari, Generale Gianluca Carai, alla solenne cerimonia erano presenti le massime cariche istituzionali del territorio, tra le quali il sindaco di Sassari Nicola Sanna, il presidente del Consiglio Regionale della Sardegna Gianfranco Ganau, il Prefetto di Sassari Giuseppe Marani ed altre autorità militari e civili. Il nuovo arcivescovo metropolita del capoluogo turritano Mons. Gianfranco Saba ha presieduto la Santa Messa, concelebrata dal Cappellano Militare della Brigata SASSARI e la deposizione delle corone d’alloro ai Caduti di tutte le guerre.
COMANDO BRIGATA SASSARI
SEZIONE PUBBLICA INFORMAZIONE

BRIGATA SASSARI: 1° SIMPOSIO PER COMANDANTI MINORI UNITÀ

SASSARI, 2 NOVEMBRE 2017 - Si è concluso nei giorni scorsi il "Primo Simposio di Pianificazione per Comandanti di plotone", tenuto nella caserma "Gonzaga", con il supporto della Scuola Sottufficiali dell'Esercito di Viterbo, in favore dei Comandanti delle minori unità appartenenti ai reggimenti della Brigata SASSARI.
Il seminario nasce da un'iniziativa del 152° reggimento che individua nei giovani Ufficiali e Sottufficiali inquadrati nei reparti operativi, le pedine fondamentali per il successo delle operazioni sia nazionali che fuori area.
Gli istruttori, provenienti dalla Scuola Sottuficiali dell'Esercito, responsabile della formazione dei Sottufficiali Comandanti di plotone, hanno sviluppato un programma articolato su lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche che hanno consentito ai frequentatori di misurarsi sullo studio del terreno, sulle procedure di comunicazione adottate in ambito della NATO e nell'emanazione degli ordini in forma grafica.
COMANDO BRIGATA “SASSARI”
SEZIONE PUBBLICA INFORMAZIONE

CERIMONIA PER CENTENARIO BATTAGLIA POZZUOLO DEL FRIULI

POZZUOLO DEL FRIULI (UDINE), 30 0TTOBRE 2017 - Una piazza Julia gremita di gente ha accolto le celebrazioni per il Centenario della Battaglia di Pozzuolo del Friuli del 30 ottobre 1917. Davanti agli Stendardi di tutti i reggimenti (di cavalleria di linea e corazzata) e della Scuola di Cavalleria, reparti schierati, fra i quali due squadroni del reggimento “Genova Cavalleria”, due squadroni dei “Lancieri di Novara” ed una compagnia del 32° reggimento carri, il generale Ugo Cillo, comandante della Brigata POZZUOLO DEL FRIULI, ha ricordato una delle pagine più importanti della Grande Guerra.
A cento anni esatti da quegli episodi che videro le vie di Pozzuolo teatro di duri scontri, sono stati ricordati: i cavalieri, i fanti della Brigata BERGAMO e i cittadini che immolarono le loro vite per arrestare l’avanzata austro-tedesca e permettere al Regio Esercito di ripiegare oltre il Tagliamento e riorganizzarsi per sferrare il contrattacco che portò alla vittoria della Prima Guerra mondiale. Momenti di profonda commozione sono stati vissuti nel ricordo di quanti perirono in quelle giornate ed in particolare nel momento in cui il generale Cillo ha pronunciato gli ordini per la carica.
A fare gli onori di casa è stato il sindaco Nicola Turello che ha ringraziato il generale di corpo d’armata Amedeo Sperotto, comandante del comando delle forze operative di supporto, in rappresentanza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Danilo Errico, per la sua presenza e sottolineato il saldo legame fra la comunità locale e la Forza Armata. Il generale Sperotto ha rivolto un caloroso saluto ed un sentito ringraziamento a nome del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito: “Un episodio- quello di Pozzuolo del Friuli – straordinario e singolare della Grande Guerra, l’assalto della cavalleria in tempi in cui ormai si combatteva e si moriva nelle trincee, che assume al contempo un aspetto tragico e romantico, ove gli atti di eroismo dei Lancieri scrivono pagine memorabili, pagine che colpiscono, che insegnano, che sono spunto e stimolo per riflessioni e considerazioni che fanno crescere anche a distanza di anni". Il generale Sperotto ha voluto ricordare anche i caduti recenti nelle missioni internazionali esprimendo tutta la sincera ed affettuosa vicinanza: “della Grande Famiglia dell’Esercito che porterà sempre impressi, nel cuore e nella mente, i volti dei propri Fratelli scomparsi”. Il generale Cillo nel suo discorso, rivolgendosi allo Stendardo dell’Arma di Cavalleria e di tutti i reggimenti di cavalleria di linea e carristi dell’Esercito: “Essi sono il simbolo dell’Onore Militare dello spirito di coesione e di sacrificio che rappresenta, altresì, la nostra nazione, la nostra terra , la nostra gente, e rappresentano i Valori cui ci ispiriamo e che ci guidano nel quotidiano operare”.
Hanno preso parte alla cerimonia militare gli stendardi: della Scuola di cavalleria di Lecce, del Reggimento “Nizza Cavalleria” (1°), del Reggimento “Piemonte Cavalleria”(2°), del “Genova Cavalleria”(4°), dei “Lancieri di Novara”(5°), dei “Lancieri di Aosta”(6°) , dei “Cavalleggeri Guide”(19°), del 1° Reggimento Corazzato, del 4°, 31°, 32° e 132° Reggimento carri e del Centro Militare di Equitazione. Presenti, inoltre: i Gonfaloni della città di Gorizia e Vittorio Veneto decorati di Medaglia d’Oro al Valor Militare, i Comandanti e Sottufficiali di Corpo delle Unità che costituiscono la Brigata POZZUOLO DEL FRIULI: Reggimento Lagunari, Reggimento “Genova Cavalleria” (4°) – il cui comandante colonnello Angelo Di Domenico ha comandato il reggimento di formazione durante la cerimonia - 3° Reggimento Genio Guastatori, Reggimento Artiglieria a Cavallo, Reggimento Logistico e Reparto Comando e Supporti Tattici “Pozzuolo del Friuli”.
Fra le numerose autorità presenti: la Medaglia d’Oro al Valor Militare Paola Del Din Carnielli, la dottoressa Mariagrazia Santoro assessore alle infrastrutture e territorio della Regione Friuli Venezia Giulia, in rappresentanza della presidente Debora Serracchiani, la dottoressa Cavalieri in rappresentanza del prefetto di Udine Vittorio Zappalorto, l’onorevole Pietro Fontanini presidente della provincia di Udine, il generale di corpo d’armata Paolo Gerometta, il generale di Divisione Giuseppenicola Tota capo del quinto reparto dello Stato Maggiore dell’Esercito e il generale di Divisione Carlo Lamanna comandante della Divisione FRIULI .
Fra i discendenti dei soldati immolatisi nella battaglia : Giordano Emo Capodilista, pronipote del generale Emo Capodilista comandante della II Brigata di Cavalleria, Marina Calosso discendente del capitano Ettore Lajolo e Alessandro Gradenigo pronipote del colonnello Carlo Campari.
Numerosi i labari e gagliardetti delle associazioni combattentistiche e d’arma, in particolare quelli dell’Associazione Nazionale Arma di Cavalleria, provenienti da tutta Italia e rappresentati sul palco delle autorità dal presidente nazionale Alipio Mugnaioni. Numerosi anche gli ufficiali, sottufficiali e graduati di cavalleria che hanno voluto raggiungere la cittadina friulana per non mancare all’importante ricorrenza.
Cap. Biagio LIOTTI
Capo Sezione Pubblica Informazione
Comando Brigata di Cavalleria POZZUOLO DEL FRIULI

ADDESTRAMENTO IN POLONIA PER LA BRIGATA SASSARI
NEL NATO "JOINT FORCE TRAINING CENTER" (JFTC) DI BYDGOSZCZ

SASSARI, 27 OTTOBRE 2017 - Continuano le intense attività addestrative della Brigata SASSARI che dal 16 al 27 ottobre ha schierato il proprio comando nel Joint Force Training Center (JFTC) della NATO a Bydgoszcz in Polonia.
L’attività internazionale, che coinvolge oltre ai militari della SASSARI anche le rappresentanze di 25 nazioni, ha lo scopo di preparare il personale partecipante ad operare secondo la recente dottrina della Security Force Assistance (SFA) applicata per l’addestramento, la consulenza e l’assistenza alle Forze di Sicurezza degli stati che hanno superato la fase di stabilizzazione post conflitto, e perseguono l’auto sostenibilità.
In tale ottica vengono illustrate ai frequentatori le procedure in vigore utilizzate nei teatri operativi, indispensabili per addestrare le Forze Armate e le Forze di Polizia, monitorare i progressi e valutare il livello di competenza raggiunto e la capacità di poter operare, autonomamente, garantendo al proprio paese la necessaria cornice di sicurezza. L’intera fase addestrativa si sviluppa attraverso lezioni teoriche e videoconferenze con personale esperto operante in teatro operativo, ed esercitazioni pratiche durate le quali i “Sassarini” hanno l’opportunità di calarsi nei possibili incarichi che potranno essere ricoperti in un eventuale impiego estero.
L’esercitazione ha completato un intenso ciclo addestrativo, avviato nel mese di settembre, necessario per mantenere la Brigata SASSARI ad elevati livelli di prontezza operativa, indispensabili per poter rispondere con immediatezza a qualsiasi compito le venisse affidato.
SEZIONE PUBBLICA INFORMAZIONE
COMANDO BRIGATA SASSARI

AMMIRAGLIO PACIONI NUOVO COMANDANTE MARISUPLOG CAGLIARI

CAGLIARI, 25 OTTOBRE 2017 - Il‭ ‬Contrammiraglio‭ ‬ ‭ ‬Enrico Pacioni è il nuovo comandante del Comando Supporto‭ ‬ ‭ ‬Logistico‭ ‬ ‭ ‬Marina‭ ‬ ‭ ‬Militare‭ ‬(MARICAGLIARI). La cerimonia di avvicendamento col predecessore Contrammiraglio‭ ‬ ‭ ‬Francesco‭ ‬ ‭ ‬Sollito‭ ‬ si è svolta alla presenza del Comandante di Marina Nord, Ammiraglio di Divisione Giorgio Lazio.
Il Contrammiraglio‭ ‬ Sollito, nella sua allocuzione di commiato, ha ringraziato‭ ‬ tutto‭ ‬ ‭ ‬il‭ ‬ ‭ ‬personale militare e civile della Marina che opera a Cagliari, sottolineando come nell’isola sia stato dato particolare impulso alle attività dual use, in sinergia con gli Enti e le Istituzioni locali, nell’ambito delle quali sono state valorizzate le eccellenze di Forza, indirizzate allo sviluppo della blue economy, della cultura marittima e della solidarietà. Particolare accento è stato dato all’ottima cooperazione con gli enti locali e le realtà culturali dell’Isola‭.‬ Tale risultato è stato, altresì, ‭ ‬evidenziato dal ‭ ‬Comandante di Marina Nord, Ammiraglio Lazio che, ringraziando per la presenza, le principali autorità locali, ha riconosciuto come MARICAGLIARI abbia interpretato in maniera eccelsa ‭ ‬l’azione‭ ‬ dual use, portando avanti importanti iniziative‭ ‬ ‭ ‬nel‭ ‬ ‭ ‬sociale‭ ‬ ‭ ‬e‭ ‬ ‭ ‬mettendo‭ ‬ ‭ ‬a‭ ‬ ‭ ‬disposizione‭ ‬ ‭ ‬del‭ ‬ ‭ ‬tessuto‭ ‬ ‭ ‬locale ‭ ‬le proprie‭ ‬ ‭ ‬strutture‭ ‬ ‭ ‬e‭ ‬ ‭ ‬le‭ ‬ ‭ ‬proprie‭ ‬ ‭ ‬competenze,‭ ‬ ‭ ‬in‭ ‬ ‭ ‬modo‭ ‬ ‭ ‬da‭ ‬ ‭ ‬rendere fondamentale il rapporto con il territorio.
L’Ammiraglio‭ ‬ ‭ ‬Pacioni‭ ‬ha ricoperto importanti incarichi tra i quali quello di comandante delle Forze di Contromisure mine (Maricodrag)‭, dell’Operazione Mare Sicuro e responsabile della Pubblica Informazione della Marina.

COMANDANTE DIV. ACQUI ASSISTE A ESERCITAZIONE 152° RGT SASSARI

CAPO TEULADA, 17 OTTOBRE 2017 - Il comandante della Divisione Acqui, gen. Antonio Vittiglio, ha assistito a Capo Teulada ad una esercitazione a livello Gruppo Tattico del 152° Reggimento fanteria “Sassari”. Presente all'attività addestrativa anche il Comandante dell'Aviazione Esercito, Generale di Brigata Paolo Riccò.
L'addestramento è stato sviluppato attraverso una serie di attività propedeutiche all'impiego nell'ambito dei possibili scenari operativi di intervento, in modo da perfezionare e testare le procedure messe in atto dall'Unità nella pianificazione e condotta di azioni tattiche volte alla stabilizzazione di un’area, nell'ambito di una campagna con tema predominante la “sicurezza”.
Nel corso dell'esercitazione si sono succeduti una serie di atti tattici – tra i quali quelli specifici finalizzati all'incremento della capacità delle forze locali di sicurezza – tipici di un intervento in una zona caratterizzata da crisi, che hanno coinvolto il 152° Reggimento della SASSARI, oltre ad unità del 66° Reggimento aeromobile “Trieste”, del 41° Reggimento “Cordenons” e della componente elicotteri fornita dall'Aviazione dell'Esercito, in particolare dal 5° Reggimento “Rigel” e dal 21° Gruppo Squadroni “Orsa Maggiore”.

TEN. MARCIAS NUOVO COMANDANTE "DIAVOLI" 151° FANTERIA

CAGLIARI, 13 OTTOBRE 2017 - Il tenente Emanuele Marcias è il nuovo comandante della Compagnia Comando e Supporto Logistico "Diavoli" del 151° Reggimento Fanteria "Sassari". L'avvicendamento col predecessore capitano Nicola Deidda è avvenuto alla presenza del 53° Comandante del Reggimento, Col. Maurizio Settesoldi, del personale della Compagnia, della Banda della Brigata SASSARI, che è organicamente inserita nella Compagnia, e di tutti i comandanti di Compagnia e dello stato maggiore del Reggimento. Il tenente Marcias è in forza al 151° dall'agosto 2014 e nel Reggimento è stato comandante di plotone e vicecomandante della seconda compagnia. Durante la missione Leonte XX in Libano, quando il 151° era la pedina operativa del contingente italiano del Sector West di UNIFIL, il ten. Marcias è stato impiegato nella sala operativa di ITALBATT.
Il cap. Deidda è stato assegnato ad un nuovo importante incarico in seno al reggimento in vista dei prossimi impieghi operativi del 151°.  VEDI IL VIDEO

COMANDANTE DIVISIONE ACQUI VISITA 151°

CAGLIARI, 12 OTTOBRE 2017 - Il Comandante della Divisione ACQUI, Generale di Divisione Antonio Vittiglio, ha incontrato oggi gli uomini e le donne del 151° Reggimento Fanteria "Sassari". Accolto nella Caserma "Monfenera" dal 53° Comandante del Reggimento, Col. Maurizio Settesoldi, il gen. Vittiglio ha parlato al personale, schierato sulla piazza d'armi Col Del Rosso, dei prossimi impegni operativi che attendono il 151°. Il 13 settembre scorso il Comandante della Divisione ACQUI aveva incontrato a Civitavecchia, nel Centro di Valutazione e Simulazione dell’Esercito (CESIVA), il personale della Brigata SASSARI impegnato in esercitazione.
Il generale Vittiglio, che ha comandanto il I Battaglione del 151°, parlando con i Sassarini all’opera, ha espresso la propria soddisfazione per il lavoro svolto e dai risultati conseguiti dai Reggimenti dalla Brigata SASSARI nel corso dell’intenso periodo di addestramento iniziato da alcuni mesi e che consentirà ai Dimonios di affrontare al meglio i prossimi impegni.

UN SASSARINO TRA CADUTI RONCAGLIA (PESARO)

PESARO, 2 OTTOBRE 2017 - La lapide che a Roncaglia, una frazione di Pesaro ricorda i Caduti nella prima guerra mondiale. Tra di essi Luigi Del Prete (152° Reggimento Fanteria "Sassari") zio di un nostro lettore, Kevin Falcioni. Del Prete, classe 1890, morì il 13 novembre 1915 per le ferite riportate nei combattimenti di Monte San Michele.

TEN. COL. ALESSANDRO LATINO NUOVO COMANDANTE
 XVIII BATTAGLIONE "POGGIO SCANNO" DEL 3° BERSAGLIERI

CAPO TEULADA, 22 SETTEMBRE 2017 - Il Tenente Colonnello Alessandro Latino è il nuovo comandante del XVIII Battaglione "Poggio Scanno" del 3° Reggimento Bersaglieri. L'avvicendamento col predecessore Ten. Col. Marco Pelliccioni, è avvenuto durante una cerimonia, presieduta dall'83° Comandante del Glorioso TERZO, Col. Gabriele Cosimo Garau, nella Caserma "Salvatore Pisano" di Capo Teulada, alla presenza dei Gonfaloni e dei sindaci del Comuni di Sant'Anna Arresi e Teulada, autorità militari e civili del Basso Sulcis.
Nell'allocuzione pronunciata prima di cedere il comando, assunto un anno fa a Roma dove il XVIII "Poggio Scanno" era schierato per l'operazione "Strade Sicure", il Ten. Col. Pelliccioni ha ricordato l'intensa attività svolta dai bersaglieri nell'ultimo anno: addestramento, esercitazioni e nuovo impiego a Napoli sempre per "Strade Sicure". Pelliccioni ha elogiato i suoi bersaglieri per l'alta professionalità che ha portato anche alla conquista del terzo posto nel Trofeo Capo di SME e ha ricordato con orgoglio che la Bandiera di Guerra del Glorioso TERZO è sfilata il 2 giugno in via del Fori Imperiali con la 2a compagnia. Il Glorioso TERZO ha 156 anni di storia che coincide con quella dell'Italia unita e vanta la Bandiera di Guerra più decorata di tutte le Forze Armate italiane: due Ordini Militari d'Italia, tre Medaglie d'Oro e tre d'Argento al Valor Militare, una d'Argento al Valore dell'Esercito, tre Medaglie di Bronzo al Valor Militare ed una di Bronzo al Merito Civile. Dal 1 Dicembre 2009 il TERZO Bersaglieri è entrato a far parte della Brigata SASSARI.
Il Ten. Col. Marco Pelliccioni è stato destinato dallo Stato Maggiore Esercito al comando di Battaglione del reggimento addestramento volontari (RAV) di Capua. Il Ten. Col. Alessandro Latino proviene dallo Stato Maggiore Esercito e a lui spetterà il compito di guidare il XVIII Battaglione "Poggio Scanno" nei nuovi futuri e numerosi impegni addestrativi e operativi. Nelle foto lo vediamo durante la cerimonia e dopo il passaggio della "stecca" da parte del predecessore. vedi il video completo sulla cerimonia di avvicendamento

7° MEMORIAL "SILVIO OLLA" AL 3° BERSAGLIERI CHE BATTE AI RIGORI IL 152°

SANT'ANTIOCO, 20 SETTEMBRE 2017 - Battendo ai rigori il 152° Reggimento fanteria "Sassari", il 3° Reggimento Bersaglieri si è aggiudicato la settima edizione del Memorial "Silvio Olla", il torneo di calcio, organizzato dall'assessorato allo sport di Sant'Antioco, dedicato al maresciallo del 151° caduto a Nassiriya nell'attentato terroristico del 12 novembre 2003.
Nella finale per il terzo e quarto posto il 5° Reggimento Genio Guastatori di stanza a Macomer, vincitore della quinta edizione del Memorial "Silvio Olla", si è imposto sul 151° Reggimento Fanteria "Sassari", vincitore di quattro delle sette edizioni finora disputate.
Recentemente rientrato dal Libano del Sud, dove ha partecipato alla solenne cerimonia di gemellaggio tra la sua città e la municipalità di Tiro patrocinato dal generale Francesco Olla attuale comandante del settore ovest della missione UNIFIL, il sindaco di Sant'Antioco Ignazio Locci ha premiato la squadra vincitrice assieme col padre di Silvio, Ruggero Olla.
Il 19, prima dell'inizio del torneo, i partecipanti avevano reso omaggio al Caduto, deponendo una corona sulle note dell'Inno del Piave e del silenzio eseguiti dalla Banda della Brigata SASSARI, che ha aperto anche la manifestazione sportiva con Dimonios, l'inno della Brigata.

COMANDANTE DIVISIONE ACQUI VISITA BRIGATA SASSARI
IN ESERCITAZIONE AL CESIVA DI CIVITAVECCHIA

CIVITAVECCHIA, 14 SETTEMBRE 2017 - Il Comandante del Divisione Acqui, Generale Antonio Vittiglio, ha incontrato ieri a Civitavecchia, presso il Centro di Valutazione e Simulazione dell’Esercito (CESIVA), il personale della Brigata SASSARI impegnato in esercitazione.
Il Posto Comando della Brigata SASSARI unitamente ad una componente del 152° Reggimento fanteria, si è infatti schierato nella città laziale per due settimane con lo scopo di affinare l’addestramento propedeutico ad un prossimo impiego in operazione all’estero. Di fondamentale importanza anche l'attività di “Team Building”, effettuata la scorsa settimana presso la base logistica di S. Agostino, volta a migliorare la capacità di lavorare in gruppo del personale che sarà impiegato in operazione, migliorando contestualmente sia l’affiatamento all’interno dello staff, sia i risultati conseguiti dallo stesso.
Il periodo trascorso al CESIVA è incentrato sull’effettuazione di un’esercitazione particolarmente complessa, grazie ai sistemi informatici tecnologicamente avanzati di simulazione e di comando e controllo in dotazione al centro, che consente di ottimizzare la preparazione del personale della Brigata, con elevato grado di realismo, nella condotta delle operazioni militari, consolidando i flussi di comunicazione e procedurali previsti dagli standard NATO.
Il generale Vittiglio, osservando i Sassarini all’opera, si è mostrato particolarmente soddisfatto del lavoro svolto dalla Brigata SASSARI e dai risultati conseguiti nel corso dell’intenso periodo di addestramento iniziato ormai da alcuni mesi, che consentirà ai Dimonios di affrontare con piena competenza i nuovi futuri impegni.

ORO MASTER OPEN ITALIA JUDO PER CMCS MARCO CORONGIU

SASSARI, 14 SETTEMBRE 2017 - Il Caporal Maggiore Capo Scelto Marco Corongiu, graduato del Reparto Comando e Supporti Tattici “Sassari”, è salito sul gradino più alto del podio al 9° Open d’Italia Master, una gara internazionale di Judo maschile e femminile, che ha avuto luogo nella mattinata di domenica scorsa a Follonica, in provincia di Grosseto.
Marco Corongiu ha conquistato la medaglia d’oro in questa tipologia di competizioni, che prevedono la partecipazione di atleti che abbiano superato i 30 anni di età, dopo aver battuto brillantemente gli avversari sfidati in tre diversi combattimenti, azione che gli è valsa la qualificazione ai prossimi mondiali master.
Inoltre, il graduato della Brigata SASSARI ha continuato con successo i combattimenti nel pomeriggio di domenica, come componente della rappresentativa della Sardegna, consentendo al team isolano di ottenere il secondo posto nella gara valida per il Campionato Italiano Master di Judo Maschile e Femminile a squadre.

CERTIFICAZIONE EUROPEA PER L’AEROPORTO DI CAGLIARI

CAGLIARI, 14 SETTEMBRE 2017 - L’Aeroporto di Cagliari ha conseguito la Certificazione di Aeroporto ai sensi del Regolamento UE 139/2014. Il certificato è stato consegnato oggi a SOGAER dal direttore entrale dell’ENAC, dott. Roberto Vergari, nel corso della riunione del Consiglio di Amministrazione. Il successo del percorso di conversione della certificazione aeroportuale dalle norme nazionali a quelle comunitarie è attestato dall’ENAC che ha verificato la congruità dei
requisiti tecnici e delle procedure amministrative del ‘Mario Mameli’ rispetto alle prescrizioni.
Per SOGAER, la società di gestione dell’Aeroporto di Cagliari, si tratta di un altro importante risultato conseguito nella stagione dei record che ha visto il traffico passeggeri crescere in doppia cifra, supportato da un sempre maggiore flusso di viaggiatori sulle rotte internazionali. “La nuova certificazione -  ha dichiarato il presidente SOGAER Gabor Pinna - testimonia la rispondenza del nostro aeroporto agli stringenti requisiti previsti dal Regolamento Europeo n. 139 del 2014 per le organizzazioni delle società concessionarie, le procedure operative e tutte le infrastrutture e gli impianti aeroportuali in ambito comunitario”.
Pinna ha inoltre tenuto a sottolineare che “riuscire a centrare l’obiettivo terminando l’iter di conversione con diversi mesi di anticipo rispetto al termine ultimo del 31 dicembre 2017, è motivo di grande soddisfazione per la nostra società. La nuova certificazione ENAC premia i nostri sforzi, tesi al costante miglioramento e rappresenta un ulteriore step di crescita dei nostri standard operativi”. SOGAER, costantemente impegnata nel miglioramento delle Infrastrutture e dei servizi per soddisfare una clientela aeroportuale sempre più attenta ed esigente, ha recentemente ampliato sia il network di collegamenti, che l’offerta commerciale all’interno dello scalo. Sul fronte aviation, la società ha portato a Cagliari i 36 vettori che durante la Summer ’17 operano su 78 rotte, di cui 55 internazionali. Il versante non aviation ha invece visto lo sviluppo di nuove e interessanti partnership commerciali che hanno letteralmente cambiato il volto dello scalo cagliaritano.
La certificazione appena conseguita riguarda sia la conformità delle infrastrutture aeroportuali alle normative aeronautiche europee, sia l'organizzazione dei settori aziendali preposti al mantenimento delle condizioni di safety in tutte le attività e operazioni aeroportuali. “È un risultato importante che ci gratifica e ci inorgoglisce - ha dichiarato Alessio Grazietti, accountable manager e DG SOGAER, - che non giunge inaspettato. Possiamo dire che, anzi, è il frutto dell'attenzione da sempre rivolta dalla società di gestione dell’aeroporto del capoluogo sardo alle tematiche della sicurezza del volo e della movimentazione a terra degli aeromobili. Questa attenzione ci ha consentito di rinnovare tutte le infrastrutture aeroportuali: piste, vie di rullaggio e piazzali, oltre, naturalmente, all’aerostazione, secondo i più elevati standard di servizio nazionali e internazionali che ci collocano ai vertici del settore tra gli aeroporti strategici di livello comunitario. Un ringraziamento particolare va al team di certificazione ENAC che ha seguito da vicino e con particolare attenzione tutte le fasi di messa a punto del nuovo assetto organizzativo e infrastrutturale. L'auspicio, che è anche una certezza, è che questo successo sia propedeutico ad altri altrettanto importanti, come lo sviluppo del network, del traffico e delle attività commerciali”.

7° MEMORIAL "SILVIO OLLA" IL 19 SETTEMBRE A S.ANTIOCO

SANT'ANTIOCO, 11 SETTEMBRE 2017 - Prenderà il via il 19 settembre a Sant'Antioco la settima edizione del Memorial "Silvio Olla", il torneo di calcio dedicato al maresciallo del 151° Reggimento fanteria della Brigata SASSARI caduto a Nassiriya nell'attentato terroristico del 12 novembre 2003. La manifestazione è organizzata dall'ASD Antiochense 2013 in collaborazione con l'amministrazione comunale e il contributo della Fondazione di Sardegna.
I primi a scendere in campo nello stadio comunale, alle 17:45, il 152° Reggimento Fanteria e il 5° Reggimento Genio Guastatori. Al torneo partecipano anche le squadre del 3° Bersaglieri, del 151° Fanteri (vincitore di quattro delle edizioni disputate), del Comando Militare Esercito Sardegna, la Compagnia Carabinieri Carbonia, della ASD Antiochense 2013 e della squadra allievi del Cagliari Calcio.
Prima dell'inizio del torneo, alle 16, i giocatori del 151° e delle altre formazioni renderanno omaggio alla tomba di Silvio Olla. Subito dopo, nello stadio comunale avverrà la presentazione delle squadre partecipanti e si esibirà la Banda della Brigata SASSARI.
Il 20 settembre, alle 16:30, finale per il terzo e quarto posto e, alle 19, finale per il primo e secondo. Alle 20 le premiazioni.

MARINA MILITARE: USAI AL COMANDO SCUOLA SOTTUFFICIALI LA MADDALENA

LA MADDALENA, 6 SETTEMBRE 2017 - Il Capitano di Vascello Domenico Usai è il nuovo comandante della Scuola Sottufficiali della Marina Militare “MOVM Domenico Bastianini”. La cerimonia di avvicendamento col predecessore e pari grado Roberto Fazio si è svolta alla presenza dell'Ammiraglio di Divisione Alberto Bianchi, comandante delle Scuole Militari della Marina Militari, delle massime autorità civili, militari e religiose della Sardegna, e delle rappresentanze delle associazioni combattentistiche e d’arma. Le varie fasi della cerimonia sono state caratterizzate dalle musiche della Banda della Brigata SASSARI.
Nel periodo di comando del Comandante Fazio si sono avvicendati nella scuola quasi 1000 allievi tra cui allievi marescialli della Scuola Sottufficiali di Taranto, per la frequenza di moduli costieri di vela, volontari in ferma prefissata quadriennale ed in servizio permanente, allievi sergenti e marescialli della Marina Militare e di altre Forze Armate - Corpi dello Stato, quali frequentatori dei corsi di aggiornamento più avanzati e di moduli basici e costieri di vela.
Oltre 600 i brevetti di abilitazione alla guardia in plancia e alla condotta di mezzi minori concessi grazie all’attività formativa svolta a bordo dei mezzi navali assegnati alla scuola. Circa 250 gli attestati di frequenza per gli stage velico marinareschi svolti a favore delle scolaresche e attivata la collaborazione con l’Università di Sassari.

AEROPORTO CAGLIARI: NUOVO RECORD STORICO, 548.514 PASSEGGERI AD AGOSTO

CAGLIARI, 2 SETTEMBRE 2017 - Miglior risultato di sempre per l’Aeroporto di Cagliari: il mese di agosto ha fatto registrare 548.514 passeggeri tra arrivi e partenze, nuovo record storico che bissa il successo ottenuto a luglio con 537.045. È la prima volta che il ‘Mario Mameli’ vede il transito di quasi 1 milione e 100.000 passeggeri nei due mesi più caldi dell’estate.
Il picco massimo di viaggiatori è stato raggiunto nella giornata del 19 agosto, con 23.069 transiti nello scalo aereo cagliaritano. Nel mese del record, in evidenza il trend positivo di Ferragosto: dall’11 al 20 agosto i passeggeri sono stati in totale 182.208, per una crescita del 12,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In doppia cifra anche l’incremento dei posti offerti (+14,3%) e dei movimenti degli aeromobili (+13%).
Siamo estremamente soddisfatti per il risultato appena raggiunto”, ha dichiarato il presidente SOGAER Gabor Pinna (nella foto). “La perfomance ampiamente positiva del mese di agosto è dovuta - ha continuato Pinna - soprattutto alla crescita dei passeggeri internazionali che sono stati 155.310, ovvero il 48,7% in più rispetto al 2016. Il volume dei viaggiatori sulle rotte nazionali, che in agosto è arrivato a quota 393.204, è invece salito del 3,1%. L’obiettivo del nostro aeroporto ora è quello di consolidare il traffico su tutti i 12 mesi e battere un altro record storico superando la soglia dei 4 milioni di passeggeri annui”.
Dal primo gennaio al 31 agosto 2017, tra arrivi e partenze, i viaggiatori transitati nel principale scalo aereo sardo sono stati 2.837.095, ben 313.823 in più rispetto ai primi otto mesi del 2016, per una crescita percentuale del +12,4%. Nello stesso periodo, in evidenza l’incremento dei passeggeri trasportati su voli internazionali: +38,3% rispetto al 2016, per un totale di 616.596 unità. Sui voli nazionali, i numeri parlano di un +6,9%, (2.220.499 il totale passeggeri); i movimenti degli aeromobili salgono, invece, del +9,7%.
Grazie ai 36 vettori che operano attualmente al ‘Mario Mameli’, durante la stagione estiva 2017 il network collegamenti dell’Aeroporto di Cagliari offre un ventaglio di 78 destinazioni, incluse le 55 internazionali distribuite su 19 Paesi. L’offerta di posti sui mercati esteri è aumentata del +41% rispetto alla stagione estiva 2016.

TEN.COL. FRANCESCO PERSICHETTI AL COMANDO DEL 21° “ORSA MAGGIORE”

ELMAS, 1 SETTEMBRE 2017 - Il Ten. Col. pilota Francesco Persichetti è il nuovo comandante del 21° Gruppo Aviazione dell’Esercito “Orsa Maggiore”. La cerimonia di avvicendamento col predecessore, Ten. Col. pilota Gianmaria Cianciolo, si è svolta nella base AVES di Elmas alla presenza di autorità locali e del Colonnello Luigi Sambin, Comandante del 2° Reggimento “Sirio” da cui il Gruppo di volo sardo dipende. La cerimonia è cominciata con lo schieramento del reparto e con la resa degli onori ai Caduti e la deposizione di una corona da parte della Sezione "Agostino Sanna" dell'Associazione Nazionale Aviazione dell’Esercito.
Il Comandante di Gruppo cedente, Ten. Col. Cianciolo, nella sua allocuzione ha sottolineato il legame che da oltre quarant’anni unisce il reparto alla città di Cagliari ed alla Sardegna. Cianciolo ha ricordato brevemente la storia del reparto protagonista della nascita della lotta agli incendi boschivi con l'uso degli elicotteri Prima della lettura della formula di cessione del comando, il Ten. Col. Cianciolo ha ringraziato gli uomini e le donne del 21° “Orsa Maggiore” per il notevole impegno profuso nelle numerose attività operative svolte, augurando le migliori fortune al Reparto ed al Comandante subentrante.
Il Comandante del 2° Reggimento "Sirio", Col. Sambin, nel suo intervento ha ricordato l'attività svolta dal 21° negli oltre due anni di comando del Ten. Col. Cianciolo e ha annunciato il passaggio, che sarà completato entro l'anno, dal glorioso AB 205 "Huey" (il bipala tuttofare in servizio dagli anni '60) al quadripla AB 412.
Il 21° Gruppo “Orsa Maggiore” svolge compiti istituzionali a carattere militare nella Regione, assicurando inoltre numerosi servizi, quali quello antincendio nell’ambito della Protezione Civile. Il personale in servizio è impiegato anche nelle principali missioni internazionali. VEDI IL VIDEO DELLA CERIMONIA

MARINA MILITARE: PALOMBARI NUCLEO SDAI CAGLIARI
 NEUTRALIZZANO MINA ANTICARRO SECONDA GUERRA MONDIALE

CAGLIARI, 30 AGOSTO 2017 - Tra ieri, 29 agosto, e oggi i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare distaccati presso il Nucleo S.D.A.I. di Cagliari (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi), hanno condotto una delicata operazione subacquea nelle acque antistanti la Spiaggia di Portopaglietto, nel comune di Portoscuso tesa a neutralizzare un pericoloso ordigno esplosivo.
A seguito di una segnalazione da parte da un bagnante della presenza di un probabile manufatto esplosivo, l’ufficio Circondariale Marittimo di Portoscuso ha provveduto ad interdire la navigazione nel tratto di mare interessato alla bonifica ed allo sgombero della spiaggia piena di turisti per motivi di sicurezza, informandone la Prefettura di Cagliari che ha richiesto un intervento di bonifica d’urgenza al Gruppo Operativo Subacquei (GOS) della Marina Militare.
I Palombari si sono immersi il 29 agosto per ricercare ed effettuare il riconoscimento dell’oggetto segnalato che, trovato a 4 metri di profondità ed a 50 metri dalla spiaggia, è stato identificato come una mina anticarro risalente alla seconda guerra mondiale ed è stato posto in zona di sicurezza.
Oggi i Palombari hanno provveduto ad imbragare l’ordigno per farlo rimorchiare da una motovedetta della CP, tenendolo a distanza di sicurezza, fino a giungere nell’area individuata dall’Autorità Marittima dove gli uomini del GOS hanno condotto le operazioni subacquee che ne hanno permesso la distruzione.
Questo intervento rappresenta una delle tante attività che i Reparti Subacquei della Marina conducono a salvaguardia della pubblica incolumità in moltissimi porti e coste italiane, svolgendo operazioni subacquee ad alto rischio volte a ripristinare le condizioni di sicurezza della balneabilità e della navigazione.
Lo scorso anno i Palombari della Marina Militare hanno distrutto un totale di 12.400 ordigni esplosivi residuati bellici, mentre dal 1 gennaio 2017 ne hanno già neutralizzati 10.948 dai mari, fiumi e laghi italiani.
Agli appassionati del mare, che con l’estate incrementano la loro attività subacquea ricreativa, si consiglia di non toccare assolutamente gli oggetti eventualmente rinvenuti che possano essere ritenuti pericolosi, la cui forma possa ricordare o meno un ordigno esplosivo o parti di esso.
Quello che invece è doveroso fare, per l’incolumità di tutti, è di identificarne il sito di ritrovamento, fotografare l’ipotetico ordigno (qualora si abbia con se una macchina fotografica subacquea) e denunciarne immediatamente il rinvenimento alla locale Capitaneria di Porto o stazione dei Carabinieri, che richiederà l’intervento dei Palombari del Gruppo Operativo Subacquei di COMSUBIN al fine di ristabilire la fruibilità in piena sicurezza di quel tratto di mare.
MARINA MILITARE
Ufficio Pubblica Informazione
SCARICA FOTO E VIDEO – Copyright Marina Militare

RESIDUATO 2a GUERRA MONDIALE SU SPIAGGIA, 5° GUASTATORI A OLBIA

SASSARI, 28 AGOSTO 2017 - Domani, all’interno di una cava ubicata nell’agro di Olbia, gli artificieri del 5° Reggimento Genio Guastatori della Brigata SASSARI procederanno al brillamento di una granata d’artiglieria italiana, caricata con alto esplosivo, risalente al Secondo conflitto mondiale.
L’ordigno è stato rinvenuto qualche giorno fa sulla spiaggia “Punta Le Saline” ad Olbia. I bagnanti, insospettiti dal'oggetto affiorato dalla sabbia, hanno avvertito le forze dell’ordine. Sul sito sono intervenuti Carabinieri e Capitaneria di Porto di Olbia, che hanno fatto sgombrare l’area e presidiato il sito fino all’arrivo degli artificieri dell’Esercito.
Gli artificieri del 5° Reggimento Genio Guastatori, nel corso di un primo intervento, hanno messo l’ordigno in sicurezza, per trasportarlo successivamente in una cava di pietra nelle vicinanze di Olbia, dove sarà custodito dai Carabinieri fino al momento del brillamento.
Si tratta del sesto ritrovamento di residuati bellici, dall’inizio del 2017, che richiede l’intervento specializzato degli artificieri della Brigata SASSARI, competenti per tutta l’area della Sardegna per questo genere di operazioni di bonifica. Il Reggimento Genio di stanza a Macomer esprime infatti al meglio la capacità “dual-use” dell’Esercito, impiegando i propri militari, oltre nei classici compiti istituzionali, anche nel corso di operazioni di supporto alla collettività, come le bonifiche di ordigni inesplosi ed il supporto alle popolazioni in caso di pubbliche calamità.

SALUTO CANDELIERI A MONUMENTO SASSARINI CADUTI

SASSARI, 17 AGOSTO 2017 - Anche quest’anno la Brigata SASSARI è stata coinvolta nella tradizionale "faradda di li candareri" (discesa dei candelieri), che si svolge a Sassari da oltre tre secoli la sera precedente la festa della Madonna Assunta. La festa è incentrata su una processione religiosa nella quale sfilano e “danzano” per la città “i candelieri”, ceri simbolici costituiti da grandi colonne di legno e portati a spalla da rappresentanti delle varie corporazioni (gremi).
Per la prima volta, tutti gli undici candelieri appartenenti all’Intergremio (l’organizzazione che rappresenta e valorizza tutte le corporazioni cittadine) hanno danzato, in segno di saluto, davanti al monumento ai “Sassarini” caduti in guerra, recentemente posizionato nella centralissima piazza Castello dove ha sede il Comando della SASSARI.
Secondo la tradizione, la festa deriva da un voto fatto alla Madonna Assunta, che avrebbe salvato la città dalla peste del 1652. La manifestazione, che riveste notevole importanza nel panorama isolano, è stata inserita dall'Unesco, a partire dal 2013, nel Patrimonio immateriale dell'Umanità nella rete delle grandi macchine a spalla che oltre a Sassari, vede inserite Viterbo ("Macchina di Santa Rosa"), Nola ("i Gigli") e Palmi ("la Varia").
Alla "faradda di li candareri" partecipa anche il gremio dei Viandanti, corporazione posta sotto la protezione, insieme con la Brigata SASSARI, della Madonna del Buoncammino. Per questo motivo, il candeliere reca l'effigie della Vergine e lo stemma della Brigata. Gli appartenenti al gremio dei Viandanti trasportano e fanno danzare il cero portando al collo i colori bianco-rossi.

FERRAGOSTO: 18.000 MILITARI ESERCITO AL LAVORO

ROMA, 14 AGOSTO 2017 - Oltre 18.000 soldati dell’Esercito saranno impegnati anche a Ferragosto in attività operative, in Italia e all’estero. A loro e alle loro famiglie, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d'Armata Danilo Errico, ha rivolto il proprio ringraziamento e plauso per i sacrifici, la dedizione, il senso di responsabilità e la professionalità con cui affrontano, anche in questi giorni, il proprio compito.
Settemila militari presidiano il territorio, in concorso alle Forze dell’Ordine, nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure, contribuendo alla sicurezza della popolazione. Dall’inizio dell’Operazione, il 4 agosto 2008, hanno consentito l’arresto di oltre 15.500 persone di cui 280 dall’inizio dell’anno, ne hanno controllato e identificato quasi 2.930.000, circa 290.000 solo quest’anno e sequestrato oltre 2,2 tonnellate di sostanze stupefacenti, oltre 30 kg nell’anno corrente. Oltre 4.000 soldati, invece, sono impegnati all’estero, in 14 Paesi, in missioni sotto egida ONU, UE e NATO, in particolare in attività di assistenza delle Forze Armate e di Sicurezza locali volte alla stabilizzazione delle aree di interesse strategico nazionale. A questi 11.000 soldati si aggiungono altri 7.000 che si trovano in stato di prontezza per esigenze nazionali e di coalizioni internazionali, per un totale di 18.000 militari. Tra questi, particolarmente attivi in questo periodo sono gli assetti dell’Aviazione dell’Esercito che in concorso alla Protezione Civile, sono impegnati nella campagna antincendio boschiva. Ad oggi, gli elicotteri dell’Esercito hanno effettuato oltre 1.200 lanci di acqua per un totale di circa 2.800.000 litri e oltre 200 ore di volo.

www.esercito.difesa.it

GUASTATORI BRIGATA SASSARI IN ADDESTRAMENTO AL PISQ

ROMA, 7 AGOSTO 2017 - I guastatori del 5° Reggimento genio, nell'ambito delle attività di approntamento che sta affrontando la Brigata SASSARI, hanno portato a termine dopo due intense settimane, una serie di attività addestrative presso il PISQ, Poligono Sperimentale di addestramento Interforze del Salto di Quirra a Perdasdefogu. Il poligono, sito in un'ampia zona montuosa nella provincia di Nuoro, ha consentito ai guastatori di Macomer di effettuare l'addestramento sfruttando gli aspri scenari tipici della zona dell'Ogliastra che caratterizzano il territorio del poligono, rendendo verosimile la simulazione di zone desertiche attività come l'elisbarco, il corso di "sopravvivenza evasione resistenza e fuga" ed il modulo "Route Clearance", che permette di rendere sicuro un itinerario prima del passaggio di un convoglio.
Nello specifico, per il modulo "Route Clearance", in seguito alla sempre aggiornata preparazione tecnica del personale, alle attrezzature tecnologicamente all'avanguardia in uso al reggimento e sulla base delle esperienze maturate nei vari teatri operativi dove la Brigata SASSARI ha operato, i guastatori del 5° si sono addestrati simulando di pattugliare un percorso stradale al fine di scongiurare la presenza di ordigni esplosivi improvvisati (IED) che spesso sono occultati sotto la sede stradale o nelle immediate vicinanze.
I genieri della Brigata SASSARI svolgono regolarmente significative operazioni sul territorio nazionale: il Reggimento genio grazie alla capacità "dual-use" dell'Esercito garantisce tempestivi interventi in operazioni di supporto alla collettività in tutta la Sardegna, come ad esempio nelle bonifiche di residuati bellici inesplosi, nel supporto alla popolazione in caso di pubbliche calamità, nella collaborazione con gli enti locali per la prevenzione della propagazione degli incendi boschivi.
www.esercito.difesa.it

MOTOVEDETTA ESERCITO SALVA 7 NAUFRAGHI A PORTO ZAFFERANO

TEULADA, 7 AGOSTO 2017 - Nella mattinata di ieri, durante l’attività di pattugliamento nel tratto di mare antistante l’area addestrativa di Capo Teulada, la motovedetta dell'Esercito in servizio al 1° Reggimento Corazzato, veniva inviata dalla Capitaneria di Porto di Cagliari in soccorso ad un’imbarcazione civile nelle acque di Porto Zafferano.
La motovedetta dell’Esercito è giunta in poco tempo sul posto e l'equipaggio ha prestato soccorso ai diportisti, sei adulti e un minore. Dopo essersi sincerati delle loro buone condizioni fisiche, gli uomini dell'Esercito li hanno presi a bordo e trasportati al porticciolo di Teulada, dopo aver messo in sicurezza l'imbarcazione in avaria. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di porto di Sant’Antioco, che ha provveduto a recuperare l’imbarcazione e a trainarla sino a Sant'Antioco. Al termine delle attività di soccorso, la motovedetta dell'Esercito ha ripreso la propria attività di controllo delle acque prospicienti l'area addestrativa di Capo Teulada.

ESERCITO: 9 ANNI DI “STRADE SICURE”

ROMA, 4 AGOSTO 2017 - L'Operazione "Strade Sicure" ha compiuto oggi nove anni: fu avviata, infatti, il 4 agosto 2008, impiegando i militari dell’Esercito in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia, per il presidio del territorio e delle principali aree metropolitane e la sorveglianza dei punti sensibili. Attualmente settemila uomini e donne dell’Esercito sono impiegati in 48 località distribuite su tutto il territorio nazionale, con oltre 1100 mezzi.
Dall’inizio dell’Operazione “Strade Sicure” i soldati hanno garantito costantemente il proprio apporto alla sicurezza della popolazione, contribuendo all’arresto di oltre 15.500 persone di cui 280 dall’inizio dell’anno, controllando e identificando quasi 2.930.000, (circa 290.000 solo quest’anno) e sequestrando oltre 2,2 tonnellate di sostanze stupefacenti (oltre 30 kg nell’anno corrente). Dati concreti che si aggiungono all’“effetto deterrenza” che la presenza dei militari esercita sulla microcriminalità. Questi risultati sono frutto sia del continuo addestramento effettuato per questa specifica attività, sia dell’esperienza maturata dai militari nelle missioni internazionali, durante le quali hanno acquisito la capacità di individuare la minaccia e di intervenire in maniera discriminata rapidamente in condizioni di stress psico-fisico.
Nell’ultimo anno, sempre in ambito “Strade Sicure”, l’Esercito è intervenuto con compiti specifici per il Giubileo Straordinario della Misericordia, mentre dal 24 agosto 2016, a seguito del terremoto che ha colpito l’Italia centrale, tuttora concorre alla sicurezza delle aree evacuate nei centri urbani maggiormente colpiti. Altro grande evento che ha visto l’Esercito cooperare con le Forze di Polizia è stato il G7 a Taormina, dove per esigenze connesse con la sicurezza dell’evento, nel mese di maggio il dispositivo di “Strade Sicure” è stato incrementato di 2.400 soldati.
Dal 2008 ad oggi si è passati da 3.000 soldati agli attuali 7.000 che presidiano il territorio in sinergia con le Forze di Polizia. In questi 9 anni, sempre in ambito “Strade Sicure”, l’Esercito è intervenuto con compiti specifici a L’Aquila per il terremoto del 2009, a Milano per l’EXPO 2015 contribuendo alla sicurezza interna ed esterna dell’area espositiva ed ha fornito una cornice di sicurezza ai principali eventi del 2016 e a quelli tuttora in corso, concorrendo alla sorveglianza delle frontiere e all’attività di prevenzione, ricerca di discariche illegali e roghi di rifiuti dolosi, in Campania, nella cosiddetta “Terra dei fuochi”.
L’Operazione Strade Sicure dimostra come l’Esercito sia una risorsa duale al servizio del Paese, in grado di mutuare capacità prettamente militari in capacità al servizio della collettività per pubblica utilità, e nei casi di calamità naturali come il concorso fornito alla Protezione Civile di elicotteri dell’Aviazione dell’Esercito nella campagna antincendio boschiva e l’impiego di assetti del Genio nel recente terremoto per il ripristino della viabilità, sgombero macerie e lavori di urbanizzazione.

AEROPORTO CAGLIARI: LUGLIO RECORD CON 537.045 PASSEGGERI

CAGLIARI, 3 AGOSTO 2017 - Miglior risultato di sempre per l’Aeroporto "Mario Mameli" di Cagliari con 537.045 passeggeri nel mese di luglio 2017. Ampiamente superata la quota di 513.029 presenze registrata nell’agosto 2014, precedente record. Il mese appena trascorso si è chiuso con un incremento del 13,80% rispetto al luglio dello scorso anno.
Il picco massimo è stato raggiunto nella giornata del 29 luglio con 22.565 passeggeri; in altre due giornate ci si avvicinati di molto alla stessa cifra. Dal primo gennaio al 31 luglio 2017, tra arrivi e partenze, i viaggiatori transitati nel principale scalo aereo sardo sono stati 2.288.581, ben 251.043 in più rispetto ai primi sette mesi del 2016, per una crescita di traffico pari a +12,32%. Nello stesso periodo, in evidenza l’incremento dei passeggeri trasportati su voli internazionali: +35,10% rispetto al 2016, per un totale di 461.286 unità. I transiti sui voli nazionali crescono del 7,74% (1.827.295 passeggeri); i movimenti degli aeromobili registrano un +8,99%.
La performance altamente positiva del luglio 2017 all’Aeroporto di Cagliari è dovuta alla crescita dei passeggeri internazionali che sono stati 149.862, ovvero +38,75% rispetto al luglio dello scorso anno, e al volume dei viaggiatori sulle rotte nazionali salito del +6,39%.
Siamo estremamente soddisfati per il risultato storico raggiunto - ha dichiarato Gabor Pinna (nella foto), presidente SOGAER, la società che gestisce l'aeroporto dal 1992 - ora dobbiamo lavorare per consolidare il traffico su tutti i 12 mesi. Siamo certi che il bando per la destagionalizzazione che l’Assessorato Regionale al Turismo sta per lanciare rappresenti un’ottima base di partenza per creare i presupposti di una ulteriore crescita dell’Aeroporto di Cagliari e di tutta la Sardegna. All’Assessorato Regionale al Turismo va tutto il nostro apprezzamento per il lavoro svolto in tempi rapidi”.
Il trend positivo del ‘Mario Mameli’, che punta a raggiungere i quattro milioni di passeggeri nel 2017, è frutto di un’accorta programmazione del network collegamenti che ha portato a Cagliari 36 vettori per la stagione estiva 2017, caratterizzata da voli per un totale di 78 destinazioni, di cui 55 internazionali distribuite su 19 Paesi. L’offerta di posti sui mercati internazionali è aumentata del 41% rispetto allo stesso periodo del 2016.

AEROPORTO CAGLIARI PRIMO AL MONDO CON PARETE INTERATTIVA

CAGLIARI, 25 LUGLIO 2017 - E' stato presentato nell'aeroporto "Mario Mameli" di Cagliari-Elmas il CRS4 Social Wall, una parete interattiva di sei metri in grado di fornire servizi ai viaggiatori, soprattutto anziani, famiglie con bambini e disabili, soprattutto quelli con disabilità uditiva. Il progetto "Airport4All" è stato realizzato da Confcommercio Sardegna, Enac e CRS4, con l’adesione dei gestori dell'aeroporto di Cagliari, Sogaer, di Olbia, Geasar, e di Alghero, Sogeaal, con la collaborazione di Sara Giada Gerini, l'ex pallavolista azzurra non udente promotrice della campagna #facciamocisentire, per garantire immediata visibilità alle informazioni sui voli, essenziali per chi viaggia. L'applicazione "Airport4All" utilizzata dal Social Wall è disponibile in rete anche per gli smartphone con sistema Android e iOS. In contemporanea con la presentazione a Cagliari, sui monitor delle aerostazioni di Alghero e Olbia è il proiettato un video che invita a scaricare ed utilizzare la nuova applicazione.
Questa forte collaborazione tra i tre scali nel nome dell'accessibilità fa della Sardegna l'apripista in Italia e potrebbe rappresentare un modello esportabile – ha detto il presidente di Confcommercio Sardegna, Alberto Bertolotti - il tema dell'accessibilità si rivolge ad un mercato importante fatto di turisti disabili, almeno 10 milioni di passeggeri stimati, ma non solo: queste nuove tecnologie, come abbiamo visto oggi, sono utilizzabili da tutti, dai bambini agli adulti”.
E' un’occasione interessante per mettere a disposizione di un territorio alcune tecnologie che sono state create in laboratorio – ha aggiunto la presidente del CRS4, Annalisa Bonfiglio - il social wall appare per la prima volta in un aeroporto: Cagliari è il primo aeroporto al mondo ad avere questo strumento”. “Il valore di questa iniziativa va oltre questo aeroporto, visto che i tre scali sardi promuovono la stessa azione – ha sottolineato Gabor Pinna, neo presidente della Sogaer, la società di gestione dello scalo di Cagliari - è la testimonianza più evidente che i gestori aeroportuali, che operano in un mercato altamente competitivo, non si fanno la guerra in uno stesso territorio, perché non ha senso. E' quindi un segnale importante che ci piace sottolineare al di là dell'importante tema dell'accessibilità”. VEDI IL VIDEO

AEROPORTO DI CAGLIARI: GABOR PINNA NUOVO PRESIDENTE SOGAER

CAGLIARI, 24 LUGLIO 2017 - L’Assemblea dei Soci SOGAER ha conferito al dott. Gabor Pinna l’incarico di presidente della società di gestione dell’Aeroporto di Cagliari. L’elezione è avvenuta durante l’Assemblea dei Soci, svoltasi in mattinata, e alla quale ha partecipato anche l’Ing. Maurizio De Pascale, presidente della Camera di Commercio di Cagliari, socio di maggioranza di SOGAER.
L’attribuzione dell’incarico al dott. Pinna, già vice presidente del più importante gestore aeroportuale della Sardegna, è stata motivata con le significative esperienze maturate
nel settore dal neo presidente che ha operato in passato anche nell'aeroporto di Alghero. Individuati anche gli altri quattro componenti del Consiglio di Amministrazione SOGAER, tutti in possesso delle necessarie competenze nel trasporto aereo, nei servizi o nella gestione di aziende di grandi dimensioni. Sono Alberto Scanu (presidente di Confindustria Sardegna), Alberto Bertolotti (presidente di Confcommercio Sardegna), Monica Pilloni e Marina Rubini. Per il dott. Scanu è stata proposta la carica di amministratore delegato.
Il nuovo Consiglio d'aministrazione resterà in carica fino all'approvazione del bilancio 2018. L’Assemblea dei Soci SOGAER ha nominato oggi anche il nuovo Collegio Sindacale della società di gestione: Giuseppe Farese (presidente), Rita Manca, Marinella Mascia, Mario Salaris e Andrea Dore. Sindaci supplenti sono, invece, Alberto Pili e Monica Caria. Il collegio sindacale appena nominato sarà in carica fino all’approvazione del bilancio 2019. Il neo presidente Pinna ha dichiarato di sentirsi onorato della fiducia accordatagli dall’Assemblea degli Azionisti SOGAER e ha ribadito il proprio impegno per lo sviluppo del traffico e dei servizi offerti nel principale aeroporto sardo, asset di fondamentale importanza per l’economia dell’Isola. L’auspicio del presidente Pinna è che l’Aeroporto di Cagliari possa contribuire in maniera sempre più fattiva sia alla crescita del comparto turistico, sia all’indotto di tutti i settori produttivi in cui la mobilità gioca un ruolo decisivo in un collegamento sempre più stretto con il territorio.
SOGAER gestisce l’Aeroporto di Cagliari dal 1992 e il management aziendale è costantemente impegnato nell’ampliamento del network di voli e nella realizzazione di opere infrastrutturali che miglioreranno sensibilmente l’efficienza dell’aeroporto., L’Aeroporto di Cagliari-Elmas intitolato alla Medaglia d'Argento al Valor Militare Mario Mameli, è la più importante aerostazione della Sardegna sia per volumi di traffico, sia per dimensioni. Nel 2016 il traffico passeggeri è stato pari a 3.686.746 unità, mentre quello aeromobili ha raggiunto quota 28.509 movimenti. Attualmente Cagliari è collegata con voli diretti di linea alle principali destinazioni europee e nazionali.

 SPECIALE

 SPECIALE

PRESIDENTE ROTARY INTERNATIONAL IAN RISELEY
VISITA COMANDO E MUSEO STORICO BRIGATA SASSARI

SASSARI, 12 LUGLIO 2017 - Il presidente del Rotary International, l’australiano Ian Riseley, nel corso della visita ufficiale al Distretto 2080 del R.I. in Sardegna, ha visitato nei giorni scorsi la caserma La Marmora, sede del Comando e del Museo Storico della Brigata SASSARI. Accompagnato da Salvina Deiana, governatore del Distretto Rotariano 2080 che comprende Lazio e Sardegna, e dal past governor Pier Giorgio Poddighe, il presidente Riseley è stato accolto dal Comandante della Brigata. Nel corso del colloquio sono state illustrate le attività svolte dalla Brigata, in particolare quelle compiute all'estero, che hanno suscitato notevole interesse da parte dei convenuti. L’accento è stato posto sul necessario studio dell’ambiente culturale delle varie aree di operazione, fondamentale per l’assolvimento della missione in quanto garantisce il rispetto della popolazione locale. Focus anche sull’assoluta esigenza della cooperazione tra le forze militari e la componente civile, all'interno della quale operano grandi organizzazioni come il Rotary. Una cooperazione che va tutta a vantaggio della cittadinanza presente sul territorio.
Il governatore Salvina Deiana, nel corso della visita, ha illustrato lo spirito del suo mandato. Ha ricordato la collaborazione prestata nel recente passato con la Brigata SASSARI in occasione dell’Operazione Leonte in Libano e ha assicurato il sostegno del Rotary anche in futuro: “Forza Paris è il motto che mi accompagnerà durante quest’anno nel quale rivesto la carica di governatore. Per noi sardi, la Brigata SASSARI è un segno identitario fortissimo e il motto dell’unità si coniuga e ricollega perfettamente all’incitamento del Presidente Internazionale, che invita a 'Fare la differenza'. Noi possiamo fare la differenza soltanto con l’unità, non da soli, lavorare insieme e andare avanti uniti. La Brigata SASSARI rappresenta quel segnale identitario di storia, fatto di persone semplici e unite, che insieme hanno dato la vita per la Patria, cosi come riportato nello stemma dell’unità. E per noi questo è una lezione di vita”.
La visita è proseguita lungo il percorso espositivo del Museo Storico della Brigata SASSARI dove gli ospiti sono venuti a conoscenza delle gesta eroiche dei Sassarini, a partire dal primo conflitto mondiale, periodo nel quale l’unità è nata, sino ai recenti impegni nel corso delle missioni internazionali.

NAVE ITALIA: AL VIA DA OLBIA 'TALENTI TRA LE NUVOLE'

OLBIA, 11 LUGLIO 2017 - Sono 17 i ragazzi di Talenti fra le Nuvole Onlus che oggi 11 luglio sono salpati da Olbia a bordo di Nave ITALIA, il brigantino a vela più grande al mondo di proprietà della Marina Militare e dello Yacht Club Italiano, soci fondatori della Fondazione Tender to Nave ITALIA Onlus. La Fondazione, che realizza progetti sociali e didattici che mirano a superare le differenze, sarà impegnata quindi anche questa settimana con un nuovo progetto nelle splendide acque della Sardegna. I ragazzi di Talenti fra le Nuvole, onlus di Milano specializzata in servizi socio sanitari e educativi nel campo dei Bisogni Educativi Speciali, hanno caratteristiche come dislessia, disortografia, disgrafia, disturbi del linguaggio, difficoltà di attenzione, che spesso rendono il loro percorso di studi più difficoltoso e in salita.
Da alcuni anni la collaborazione tra Talenti fra le Nuvole e Fondazione Tender to Nave ITALIA Onlus consente di realizzare ogni estate il progetto ‘Ognuno a suo modo, sulla stessa rotta’, che permette a adolescenti con disturbi specifici dell’apprendimento di mettersi alla prova con la vita di mare. Vivere il mare significa affrontare acque calme e acqua agitate, imparando a fronteggiarle proprio come si impara a fronteggiare le difficoltà scolastiche e della vita quotidiana. La forza del gruppo consente di non sentirsi soli nell’affrontare i momenti più critici, anzi di confrontarsi per scoprire le proprie caratteristiche e il proprio modo di vivere ogni situazione. Il progetto è un laboratorio di sperimentazione per scoprire, grazie alla metafora del mare, strumenti e strategie che poi i ragazzi porteranno nella loro realtà di vita. “ La navigazione didattica con Nave ITALIA consente di vivere la sfida del mare e di sperimentare la forza del gruppo per vincerla. I ragazzi imparano i rudimenti teorici della navigazione e si cimentano con tante attività quotidiane, dalle manovre alle vele, alla gestione della cucina di bordo”, spiegano Davide Ferrazzi e Giulia Lampugnani, rispettivamente Presidente e Vice presidente della Onlus Talenti fra le Nuvole, “ al tempo stesso hanno l’opportunità di usare gli strumenti tecnologici, in modo da scoprire le proprie specifiche caratteristiche di apprendimento, smettere di considerare il DSA o le proprie difficoltà ‘un problema’, riprogettare la propria rotta scolastica”. Alcune delle attività di cui i ragazzi saranno protagonisti a bordo sono: carteggio e conoscenza della strumentazione di bordo, snorkeling, scoperta e studio del patrimonio naturale della Sardegna, esercitazioni con radio di bordo, realizzazione di video e interviste con reportage - diario di bordo.
La rotta della settimana prevede dopo la partenza da Olbia martedì 11 luglio, un tragitto di esplorazione sulle coste della Sardegna e il ritorno, sempre ad Olbia sabato 15 luglio. A bordo del brigantino lo staff di Talenti fra le Nuvole e l’equipaggio della Marina Militare, guidato dal Comandante Giovanni Tedeschini e il Project Manager di Fondazione Elena Paloscia, accompagneranno i ragazzi in questa avventura.

CONTRATTO DA 11 MILIONI DOLLARI A CUBIC GD PER SUPPORTO A JMRC

SAN DIEGO (CALIFORNIA), 11 LUGLIO 2017 - Cubic Global Defense ha annunciato oggi la conclusione di un contratto di valore superiore a 11 milioni di dollari per fornire all'esercito degli Stati Uniti servizi di supporto alla progettazione di scenari (Rotational Exercise Design Support Services - REDSS ) per il Centro multinazionale di prontezza operativa (JMRC), con sede nella Hohenfels Training Area (HTA) in Germania. Il contratto di durata quinquennale consente a Cubic di fornire servizi di supporto per gli ambienti operativi di JMRC, audiovisivi e visivi di ambienti operativi, affari pubblici, operazioni speciali e interoperabilità multinazionale.
Le esercitazioni del JMRC, condotte con l'Instrumented-Multiple Integrated Laser Engagement System (I-MILES), che costituisce il "cuore" del Sistema Integrato per l'Addestramento Terrestre (SIAT) , presente anche a Capo Teulada, consentono ai militari Usa e agli alleati e partner europei di addestrarsi in ambienti operativi realistici e complessi equivalenti a quelli del mondo reale.
"Come unico centro di addestramento di combattimento militare al di fuori degli Stati Uniti continentali, la posizione di JMRC presenta diverse sfide operative come la distanza dall'infrastruttura statunitense, i requisiti linguistici multilingue e le leggi e le abitudini locali - ha dichiarato Dave Buss, presidente della Cubic Global Defense - l'esperienza internazionale di Cubic e la comprensione approfondita degli esercizi di JMRC, combinati con la nostra agile gestione e risorse on-site, ci permetteranno di soddisfare con successo i requisiti dinamici di pianificazione e di formazione del nostro cliente".

SOTTOSCRITTO ACCORDO COLLABORAZIONE SOGAER-CRS4
PER PROGETTI INNOVATIVI IN AEROPORTO CAGLIARI

CAGLIARI, 6 LUGLIO 2017 - Un accordo di collaborazione tra SOGAER, la società che gestisce l’Aeroporto di Cagliari, e il CRS4, il centro di ricerca del Parco tecnologico di Pula, è stato sottoscritto oggi dal vicepresidente della SOGAER, Gabor Pinna, e dalla presidente del CRS4 Annalisa Bonfiglio. La convenzione quadro prevede la sinergia tra le attività di ricerca del Centro e quelle operative di SOGAER con l'obbiettivo di ideare e sviluppare soluzioni innovative sia per i passeggeri, sia per tutte le altre attività che ruotano attorno al mondo aeroportuale.
L'aeroporto cagliaritano è sempre stato attento alle innovazioni tecnologiche, come ha sottolineato il vicepresidente della SOGAER Gabor Pinna, ricordando che è l'unico scalo europeo ad essersi dotato, dal 2009, di una "smart runway", una pista intelligente che attraverso sensori posizionati sotto la pavimentazione è in grado di registrare tutte le variazioni della superfice a causa delle sollecitazioni provocate dagli atterraggi, decolli e rullaggio dei velivoli. Il progetto è stato realizzato in collaborazione tra SOGAER e le Università di Cagliari e dell'Illinois.
Coordinatori e responsabili dell’accordo SOGAER-CRS4 sono Massimo Rodriguez, Post Holder Progettazione Infrastrutture e Sistemi di SOGAER, e Pietro Zanarini, direttore ICT & Business Development del CRS4. Sin dalla sua nascita, il settore di ricerca "ICT-Information Society" del CRS4 è stato impegnato in ricerca e sviluppo su possibili "future" applicazioni di tecnologie allo stato dell’arte, il cui obiettivo è catalizzare innovazione nelle aziende sarde, attrarre aziende internazionali e stimolare collaborazioni, facilitare la nascita di spin-off e start-up. "Le opportunità che offre un aeroporto in termini di sviluppo e sperimentazione di applicazioni innovative sono immense - ha detto in conferenza stampa la presidente del CRS4 Annalisa Bonfiglio - sia per quanto riguarda i passeggeri sia per la gestione stessa dell’aeroporto e delle sue attività commerciali”. Aggiunge Pietro Zanarini: “Un primo tassello sarà l’apertura, nei prossimi giorni, all’interno dell’area Imbarchi, del Social Wall, la parete interattiva sviluppata dal CRS4 con cui i passeggeri potranno interagire attraverso varie applicazioni informative o di intrattenimento”.
Con estremo piacere attiviamo la collaborazione con CRS4 - ha detto Gabor Pinna, vice presidente di SOGAER  - la società di gestione dell'aeroporto mette a disposizione le risorse e le competenze specifiche in campo aeroportuale affinché questa sinergia possa, attraverso nuove tecnologie, migliorare l’offerta dei servizi offerti ai passeggeri. Aumentare lo standard di qualità è un elemento fondamentale per uno scalo che, grazie a una rigorosa programmazione del network collegamenti - capace di portare a Cagliari 36 vettori per la Summer 2017, caratterizzata da voli per un totale di 78 destinazioni, di cui 55 internazionali distribuite su 19 Paesi - punta a raggiungere e superare i 4 milioni di passeggeri nel 2017”. VEDI IL VIDEO

SOGAER: +12% TRANSITI E +33% PASSEGGERI SU VOLI INTERNAZIONALI
ALL’AEROPORTO DI CAGLIARI-ELMAS NEI PRIMI SEI MESI DEL 2017

CAGLIARI, 5 LUGLIO 2017 - Tra arrivi e partenze, dal 1° gennaio al 30 giugno, i passeggeri nell'aeroporto di Cagliari, il principale della Sardegna, sono stati 1.751.536, 185.924 in più rispetto al primo semestre 2016, per una crescita di traffico pari a +12%. In evidenza sopratutto l’incremento semestrale dei passeggeri trasportati su voli internazionali: +33% rispetto al 2016, per un totale di 311.424 unità, grazie alle nuove rotte internazionali e ai nuovi mercati attivati dall’inizio dell’anno con la presenza di compagnie aeree che hanno ampliato il proprio network. Lo ha reso noto l'ufficio Relazioni Esterne della SOGAER, la società di gestione del "Cagliari Airport".
L’avvio della programmazione estiva aveva dato importanti segnali di crescita del traffico: in aprile e maggio il totale viaggiatori saliva rispettivamente del +20% e del +17% rispetto allo scorso anno. Segno meno solo a febbraio, chiuso con un -2% (ma il 2016 era bisestile). Positivi, nei primi sei mesi dell’anno in corso, anche i movimenti degli aeromobili: +8%. Per quanto riguarda, invece, il mese di giugno appena concluso - prosegue il comunicato della SOGAER - l’Aeroporto di Cagliari registra un incremento rispetto allo stesso mese del 2016 di 68.008 viaggiatori, per una crescita percentuale del +17%. Anche in questo caso, sale soprattutto il numero di passeggeri internazionali che sono stati 109.246, ovvero +46% se confrontati con lo stesso mese dello scorso anno. La crescita in doppia cifra era iniziata già a marzo, chiuso con un incremento del 21%, seguito da aprile che chiudeva a +47% e maggio che si attestava su +34%.
Anche il mese di luglio inizia con numeri importanti: nel primo fine settimana, tra arrivi e partenze, sono stati 41mila i passeggeri transitati nello scalo del capoluogo, ovvero +26% rispetto allo stesso periodo del 2016. In crescita sia il segmento nazionale (che fa registrare un incremento del 17%), sia quello internazionale (che sale del 56%). Sul fronte dei voli nazionali, per il periodo gennaio-giugno 2017 la crescita del volume di passeggeri anno su anno è pari a +8%. Nel mese di giugno appena trascorso sono stati 344.144 i transiti, ovvero +11% rispetto allo stesso mese del 2016. Importante, pur con volumi inferiori di arrivi e partenze, anche il contributo di aprile (+15%) e maggio (+12%).
Il trend positivo del “Mario Mameli”, che punta a raggiungere i quattro milioni di passeggeri nel 2017, è frutto di un’accorta programmazione del network collegamenti che ha portato a Cagliari 36 vettori per l'estate 2017, caratterizzata da voli per un totale di 78 destinazioni, di cui 55 internazionali distribuite su 19 Paesi. L’offerta di posti sui mercati internazionali è aumentata del 41% rispetto allo stesso periodo del 2016.

STRADE SICURE: BRIGATA SASSARI HA CEDUTO COMANDO
 RAGGRUPPAMENTO "LAZIO-UMBRIA-ABRUZZO"

ROMA, 30 GIUGNO 2017 - Dopo tre mesi di intenso lavoro nella Capitale alla guida del Raggruppamento "Lazio-Umbria-Abruzzo", la Brigata SASSARI ha passato il testimone alla GRANATIERI DI SARDEGNA.
Nel corso di una cerimonia che ha avuto luogo nella Caserma “MOVM Antonio Gandin” è avvenuto il passaggio di consegne tra il Comandante della Brigata SASSARI, Generale Gian Luca Carai, ed il Generale Paolo Raudino. Parole di plauso per l’operato dei “Sassarini” sono state pronunciate dal Comandante della Divisione ACQUI, Generale Antonio Vittiglio, che ha presenziato all’evento: “Per l’assolvimento della missione assegnata, tanto è stato fatto in questi anni, tanto è stato fatto dalla Brigata SASSARI alla guida del Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo nella piazza di Roma, notoriamente impegnativa. Sono stati raggiunti risultati eccellenti, non affidati al caso, ma alla preparazione e al duro lavoro”.
I circa 2000 uomini e donne dell'Esercito, schierati principalmente nella Capitale e che presidiano quotidianamente circa 170 siti, hanno infatti raggiunto, in questo periodo, risultati decisamente di rilievo: oltre 30 mila persone identificate, un considerevole quantitativo di sostanze stupefacenti sequestrate, e, grazie alla sinergia con le Forze di Polizia, una ventina di arresti per diverse tipologie di reato e altrettante denunce a piede libero.
L’operazione Strade Sicure, iniziata nel 2008, vede l’Esercito, quale risorsa a servizio della collettività, impegnato nel contrastare la microcriminalità, in concorso e congiuntamente con le Forze di Polizia, nelle aree densamente popolate in diverse città italiane. Da allora, gli uomini e le donne della Forza Armata sono posti a presidio di siti sensibili, luoghi di culto, monumenti appartenenti al patrimonio artistico e culturale nazionale, ambasciate, porti, aeroporti, stazioni ferroviarie e metropolitana.

PAGINA SPECIALE

GIRO DEL MONDO: RIPARTITA DA CAGLIARI PRIMA DONNA PILOTA AFGHANA

CAGLIARI, 26 GIUGNO 2017 - E' ripartita alla volta di Atene dall'aeroporto "Mario Mameli" di Elmas, settima tappa del suo viaggio dopo una sosta di poco meno di 24 ore, Shaesta Waiz, la prima donna pilota afghana impegnata nel giro del mondo in solitario nell'ambito del progetto "Dreams Soar" che la porterà attraverso i cinque continenti e 28 città per spiegare alle ragazze che è possibile realizzare i propri sogni, indipendentemente dalle sfide e dalle tradizioni che si debbono affrontare, e promuovere l'importanza dell'istruzione scientifica, tecnologica, ingegneristica e matematica.
Al suo arrivo a Elmas col suo Beechcraft Bonanza A36 proveniente da Madrid, Shaesta Waiz, che ha 29 anni, è stata accolta dal vice presidente della Sogaer, Gabor Pinna (nella foto di Carlo Dedoni con Shaesta), dall'assessore comunale alle Pari Opportunità di Elmas Marcella Sitzia, e dal direttore regionale Enac Marco di Giugno. Incontrando i giornalisti, Shaesta Waiz ha raccontato di essere nata in un campo profughi in Pakistan dopo che tutta la famiglia era fuggita dall'Afghanistan dopo l'invasione sovietica. Arrivata picolissima negli Stati Uniti è cresciuta con cinque sorelle a Richmond, in California. Nonostante le difficili condizioni economiche della famiglia Shaesta non ha rinunciato ai suoi sogni e ha intrapreso, prima nella sua famiglia, il percorso che l'ha portata a conseguire il diploma di laurea e il master nell'università aeronautica Embry-Riddle e a diventare la prima donna afghana col brevetto di pilota.
Shaesta ha creato la fondazione "Dreams soar" (i sogni volano) per sostenere le giovani donne che perseguono un'istruzione nell'aviazione e nell'ingegneria e per condividere la sua storia con le donne in tutto il mondo, per far sapere che è possibile raggiungere i propri sogni. Il giro del mondo di Shaesta si concluderà a settembre con l'ultima tappa che la porterà dalle Hawaii alla California. Il volo di Shaesta può esseree seguito su Facebook e Twitter .

20 GIUGNO 1942 MUORE A TOBRUK GIOVANNI LECCIS MOVM

SASSARI, 21 GIUGNO 2017 - Giuliano Chirra, autore del libro "Mortos in sas Africas" (vedi: http://www.conlabrigatasassari.sardinia.it/CHIRRA.HTM), ci ricorda la data del 20 Giugno 1942. Conquista di Tobruk; i guastatori del XXXI battaglione aprono per primi i varchi. Giovanni Leccis, da Gonnosfanadiga, muore tra i reticolati. Medaglia d'Oro al Valor Miltare. Oggi in questa Italia eroi dimenticati.
Medaglia d'oro al valor militare GIOVANNI LECCIS
Caporal maggiore, 10 raggruppamento speciale genio guastatori.
motivazione:

"Di tempra unica per l’ardore, la disciplina e l’ascendente, sempre volontario nelle più dure imprese, si distingueva diverse volte nella difesa ad oltranza, lasciando avvicinare gli elementi avanzati nemici per poi annientarli col tiro infallibile delle sue armi e delle bombe a mano. Prescelto quale portatubi all’assalto di forte posizione e destinato al settore più delicato, si lanciava generosamente alla testa dei suoi uomini, calmo e sprezzante fra l’imperversare della reazione nemica. Dopo aver individuato e disarmato diverse mine che sbarravano l’accesso ai reticolati, giungeva primo sotto gli stessi e attirava su di sé il fuoco creando, con preciso lancio di bombe a mano, la cortina fumo gena. Visto cadere un compagno portatubi, s’impadroniva del suo ordigno e lo faceva brillare, col proprio, sotto il reticolato, creando una prima breccia. Poi, con veemente slancio, portava un altro tubo per ampliare il varco e veniva ferito da pallottola di fucile. Sanguinante, raccoglieva con sforzo supremo tutte le sue forze, ormai allo stremo, ed al compagno che gli si era avvicinato per soccorrerlo, sdegnosamente rifiutando ogni cura, strappava di mano il tubo esplosivo, si dirigeva ancora sotto i grovigli ed accendeva la terza carica. Nel compimento del sublime gesto, un colpo di cannone anticarro lo colpiva in pieno petto smorzando gli sulle labbra le invocazioni alla Patria e stroncando l’ardente giovinezza nella visione della vittoria. Fulgido esempio di guastatore degno degli eroi leggendari della terra sarda. - Fronte di Tobruk, 20 giugno 1942".

18 GIUGNO

1836-2017: 181 ANNI DI STORIA E AVERE SEMPRE VENT'ANNI.
AUGURI BERSAGLIERI! Con un pensiero particolare rivolto ai bersaglieri del Glorioso TERZO  in servizio in Patria e all'estero.

GIANBERNARDO SULIS RICORDATO AL 151° A 10 ANNI MORTE

CAGLIARI, 16 GIUGNO 2017 - Ricordato nella Caserma "Monfenera" Gian Bernardo Sulis, il sergente del 151° Reggimento Fanteria "Sassari" morto a 34 anni la notte tra il 15 e 16 Giugno 2007, schiacciato dalla cabina di un camion che stava cercando di riparare al termine di una giornata di beneficenza, svoltasi nel comprensorio sportivo militare "Campo Gen. Gastone Rossi", promossa dall'Esercito italiano per raccogliere i fondi necessari a garantire la partecipazione di un gruppo di disabili sardi agli Special Olympics World Summer Games di Shanghai.

BRIGATA SASSARI: CORSO KARATE PER I DIMONIOS DEL 152°

SASSARI, 8 GIUGNO 2017 - Prosegue la collaborazione tra la FIJLKAM Sardegna e la Brigata SASSARI con il 4° corso di karate dedicato ai militari del 152° Reggimento fanteria “Sassari” nato dalla collaborazione della Forza Armata con la Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali (FIJLKAM).
Il percorso formativo, che si è svolto per tutto il mese di maggio nella caserma Gonzaga di Sassari, ha permesso di implementare l’addestramento militare attraverso la pratica del Karate ed arricchire la preparazione fisica, tipica del soldato dell’Esercito esaltando doti quali coraggio, equilibrio e razionalità, virtù tipiche di chi pratica le arti marziali. L’importante supporto offerto dalla scuola Master Club Karate di Sennori (Sassari), guidata dal Maestro Giovanni Angelo Fais con l’ausilio di qualificati collaboratori, ha consentito al personale del 152° reggimento di acquisire alcune tra le più efficaci tecniche di difesa personale, eseguendo esercizi mirati al controllo e al disarmo di un aggressore armato di arma da fuoco o da taglio, competenze utili ai militari nei più svariati contesti operativi, sia in Patria che all’estero.
A chiusura del corso gli allievi si sono esibiti in un saggio finale sulle tecniche di difesa apprese, ricevendo il plauso sia del Presidente della FIJLCAM Sardegna, Gavino Piredda, sia dei rappresentanti del 152° reggimento che, insieme, hanno consegnato a tutti gli allievi un attestato di partecipazione.
SEZIONE PUBBLICA INFORMAZIONE
COMANDO BRIGATA SASSARI

CELEBRATA A CAGLIARI GIORNATA PERSONALE CIVILE DIFESA

CAGLIARI, 8 GIUGNO 2017 - Si è tenuta stamane nella sala “A. Versari” del Palazzo “De La Vallèe”, sede del Comando Militare Esercito Sardegna,la “Giornata del personale civile dell’Amministrazione della Difesa”, con la consegna di riconoscimenti a coloro che hanno prestato servizio ininterrotto nell’Amministrazione della Difesa. La cerimonia interforze si è svolta alla presenza del Generale di Divisione Giovanni Domenico Pintus, Comandante del Comando Militare Esercito Sardegna, delle più alte Autorità Militari dell’isola, dei Comandanti e dei Direttori degli Enti e dei Reparti di stanza in Sardegna.
Dopo la lettura del messaggio del Ministro della Difesa, sono interventi il Contrammiraglio Francesco Sollitto, Comandante del Comando Supporto Logistico della Marina Militare di Cagliari e a seguire il Generale di Brigata Aerea Giorgio Francesco Russo, Comandante del Poligono Interforze del Salto di Quirra (PISQ), che hanno ringraziato e rivolto parole di vivo apprezzamento a tutto il personale civile della Difesa, evidenziando l’importanza che riveste la componente civile nel dicastero della Difesa.
Nel corso della cerimonia, sono stati premiati 69 impiegati civili, in servizio presso gli Enti, Direzioni e Reparti delle Forze Armate, e in particolare sono state consegnate 1 medaglia d’oro (per aver prestato ininterrottamente 40 anni, 51 medaglie argento (per aver prestato ininterrottamente 30 anni di servizio) e 17 medaglie di bronzo (per aver prestato ininterrottamente 20 anni di servizio). La celebrazione, giunta alla sua 54ª edizione, fu istituita negli anni ’60, con il nome di “festa degli anziani del lavoro degli stabilimenti militari”, per premiare gli operai che allora prestavano servizio presso gli stabilimenti e gli arsenali militari, e nel 1978 venne estesa a tutti i dipendenti dell’Amministrazione della Difesa. Il Generale Pintus, concludendo la cerimonia, ha evidenziato “la spiccata professionalità e dedizione al servizio che contraddistingue i dipendenti civili dell’Amministrazione della Difesa, sempre più amalgamati e integrati con la compagine militare dei rispettivi Reparti”.
COMANDO MILITARE ESERCITO SARDEGNA
SEZIONE PUBBLICA INFORMAZIONE

203° ANNIVERSARIO ARMA CARABINIERI, CERIMONIA A CAGLIARI

CAGLIARI, 6 GIUGNO 2017 - Celebrato ieri anche a Cagliari, nella Caserma intitolata alla Medaglia d'Oro al Valor Militare Enrico Zuddas, sede del Comando Legione Carabinieri Sardegna, il 203° anniversario della fondazione dell'Arma, alla presenza della Bandiera di Guerra del 9° Battaglione Carabinieri "Sardegna", decorata di Medaglia d'Argento al Merito Civile, del Gonfalone della Città di Cagliari, decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare, e di quello della Regione Autonoma della Sardegna.
Alla sobria cerimonia, presieduta dal comandante regionale dei Carabinieri, Generale di Brigata Paolo Nardone, hanno partecipato autorità civili, militari, religiose e le associazioni combattentistiche e d'arma,
Nella sua allocuzione, il gen. Nardone ha tracciato il bilancio dell'attività svolta e sottolineato il calo dei reati e ribadito l'impegno dell'Arma.VEDI IL VIDEO

MARINA MILITARE: 71° ANNIVERSARIO REPUBBLICA A LA MADDALENA
A CAPRERA OMAGGIO A GARIBALDI NEL 135° ANNIVERSARIO DELLA MORTE

LA MADDALENA, 6 GIUGNO 2017 - Il 2 Giugno, 71° anniversario della nasciata della Repubblica Italiana, alla Maddalena si è svolta la cerimonia di deposizione e benedizione di una corona d’alloro alle lapidi dei Caduti poste sulla facciata principale del Municipio in Piazza Garibaldi da parte del Comandante del Presidio Marina Militare e Comandante della Scuola Sottufficiali capitano di vascello Roberto Fazio e del Sindaco di La Maddalena avvocato Luca Carlo Montella, presenti Autorità Militari, Civili e Religiose della sede e delle Associazioni Combattentistiche, d’Arma e Garibaldine. La Marina Militare era presente con una quota di personale schierato e con il picchetto di Allievi frequentatori del 24° Corso Volontari Ferma Prefissata Quadriennale.
Il programma della mattinata è terminato poi nel Compendio Garibaldino di Caprera, dove è stata deposta una corona sulla tomba del generale Giuseppe Garibaldi per ricordare il 135° Anniversario della morte dell'"Eroe dei due mondi", appellativo attribuitogli per le sue imprese militari compiute sia in Europa sia in America Meridionale. Omaggio è stato reso anche ai monumenti del Maggior Leggero e di Anita Garibaldi, per commemorare due figure particolarmente importanti nella vita di Giuseppe Garibaldi.

MARINA MILITARE: "GIORNATA PERSONALE CIVILE" ALLA MADDALENA

LA MADDALENA, 26 MAGGIO 2017 - Nell’Aula Magna “Primo Longobardo” della Scuola Sottufficiali Marina Militare “MOVM Domenico Bastianini” di La Maddalena, si è celebrata la “Giornata del Personale Civile dell’Amministrazione della Difesa” per la consegna delle medaglie e dei diplomi di servizio al personale civile.
I riconoscimenti sono stati consegnati dal Comandante della Scuola Sottufficiali della Marina Militare di La Maddalena e Comandante del Presidio Marina Militare, capitano di vascello Roberto Fazio, alla presenza dei titolari dei comandi militari locali. Dopo la lettura del messaggio augurale del Ministro della Difesa, sono stati consegnate le medaglie e i diplomi di servizio in onore di quei lavoratori che hanno tagliato il traguardo dei 20, 30 e 40 anni di servizio nell’amministrazione.
Il personale civile delle Forze Armate costituisce da sempre una preziosa risorsa, rappresentando un essenziale ed irrinunciabile “trait-d’union” con il personale militare del comparto Difesa. La “Giornata del personale civile dell’amministrazione della difesa” risale all’anno 1963 quando, con il nome “Festa degli Anziani del Lavoro degli Stabilimenti Militari”, la cerimonia venne celebrata per la prima volta. Le onorificenze però venivano assegnate esclusivamente agli operai della Difesa e agli impiegati civili degli Arsenali e Stabilimenti Militari. In seguito, nel 1988, un nuovo regolamento ne estese l’efficacia, senza distinzioni, a tutti i dipendenti civili della Difesa e la cerimonia assunse il nome di “Festa degli Anziani della Difesa”. Nel corso della cerimonia, i Dipendenti dell’Amministrazione Difesa premiati sono stati in totale 25 (due medaglie d’oro e 23 medaglie d’argento).
Cellula PI
Scuola Sottufficiali Marina Militare
 “MOVM Domenico Bastianini”

CAT/SIAT CAPO TEULADA: MOZIONE 239 SARA' DISCUSSA IN 1a COMMISSIONE

CAGLIARI, 24 MAGGIO 2017- Del nuovo e avveniristico Sistema Integrato per l'Addestramento Terrestre (SIAT) di Capo Teulada si occuperà la 1a Commissione del Consiglio Regionale. L'Aula, accogliendo una richiesta dell'on. Gianluigi Rubiu, primo firmatario della mozione 239 che doveva essere discussa oggi dopo quasi un anno di rinvii, ha deciso per l'approfondimento in commissione del delicato tema. In commissione, grazie all'accordo raggiunto tra minoranza e maggioranza, saranno sentiti rappresentanti delle Forze Armate e specialisti sull'utilizzo delle ultime tecnologie informatiche che, impiegando le frequenze per la trasmissione dati, GPS, telefonia mobile e trasferimento dati senza fili (Wi-Fi), consentono la preparazione delle unità, a livello di Reggimenti e Brigate operative, con un realismo mai raggiunto in precedenza grazie all'utilizzo dei simulatori, eliminando i condizionamenti di sicurezza che erano imposti dall’impiego di munizionamento reale. L'esame del progetto SIAT dovrebbe cominciare subito dopo la scadenza elettorale prevista nella prima decade di giugno. La seduta del Consiglio regionale si era aperta con un minuto di silenzio per le vittime dell'attentato terroristico di Manchester. VEDI LE NOTIZIE SUL SIAT

 
VIDEO - L'INTERVENTO DELL'ON. GIANLUIGI RUBIU

ENCOMI A CARABINIERI COMPAGNIA CARBONIA

CAGLIARI, 19 MAGGIO 2017 - Durante la cerimonia di intitolazione della sala d'ordini della Legione Carabinieri Sardegna alla memoria della MOVM Generale Enrico Barisone, il comandante regionale dei carabinieri, gen. Paolo Nardone, ha consegnato encomi ad alcuni militari della Compagnia di Carbonia protagonisti di importanti operazioni di polizia giudiziaria volte a contrastare il narcotraffico e di interventi a tutela della pubblica incolumità. Tra i premiati due marescialle della Compagnia.

MARE APERTO 2017: RITROVATI ALTRI RESIDUATI BELLICI IN GOLFO DI CAGLIARI

CAGLIARI, 17 MAGGIO 2017 - Continua l’attività addestrativa nel Golfo di Cagliari della Squadra Navale della Marina Militare nell’ambito dell’esercitazione interforze e internazionale Mare Aperto 2017. Durante le attività nell’area designata ALFA dall’ordinanza della Capitaneria di Porto, situata a sud ovest di Cagliari sono state ritrovate ulteriori cinque mine e un proiettile da artiglieria, risalenti alla Seconda Guerra Mondiale.
Anche questi ordigni, ancora con esplosivo all’interno, verranno resi inoffensivi in coordinamento con il Comando di Supporto Logistico della Marina Militare, la Direzione Marittima e la Prefettura di Cagliari.
L’attività addestrativa dei cacciamine della Marina Militare e dei gruppi NATO e UE, continuerà fino a domani 18 maggio.

MARE APERTO 2017: RITROVATI IN GOLFO CAGLIARI RESIDUATI 2a GUERRA

CAGLIARI, 13 MAGGIO 2017 - Durante l’attività addestrativa nel Golfo di Cagliari della Squadra Navale, nell’ambito dell’esercitazione Mare Aperto 2017, sono state ritrovate tre mine della seconda guerra mondiale. Le mine sono state rinvenute in un area designata BRAVO da un’ordinanza della Capitaneria di Porto, situata a sud est di Cagliari. Nell’area, le navi cacciamine, nazionali, della Forza Marittima Europea e NATO, stanno operando per addestrarsi e, nel contempo, effettuare una puntuale mappature del fondale, con il concorso di due navi idrografiche.
Le mine, ancora con esplosivo all’interno, verranno rese inoffensive, come previsto dalla normativa vigente, in coordinamento con il Comando di Supporto Logistico della Marina Militare, la Direzione Marittima e la Prefettura di Cagliari.
Le attività di mappatura del fondo, di controllo delle rotte di ingresso dei principali porti italiani e la bonifica dei fondali, sono parte dei compiti istituzionali della Marina Militare e sono volte ad assicurare la sicurezza della navigazione e delle attività economiche svolte sul mare, nell’occasione a favore della flotta peschereccia sarda.
L’attività addestrativa nelle aree BRAVO e CHARLIE, come da accordi con la Regione Autonoma della Sardegna, si concluderà il 14 maggio, con circa una settimana di anticipo rispetto al termine inizialmente previsto.

I SASSARINI DI STRADE SICURE DAL PAPA

ROMA, 10 MAGGIO 2017 - I militari dell'Esercito Italiano attualmente impiegati a Roma nell'ambito dell'operazione Strade Sicure sono stati ricevuti dal Santo Padre nel corso della tradizionale udienza generale del mercoledì. Il Comandante della Brigata SASSARI, Generale Gianluca Carai, in testa ad una delegazione di Sassarini e di altri componenti del raggruppamento Lazio–Umbria–Abruzzo, unitamente ai loro familiari, si sono recati in piazza San Pietro per partecipare all’udienza generale del Santo Padre e ricevere la benedizione impartita da Papa Francesco.
La giornata, di grande impatto emotivo, è stata caratterizzata da momenti di profonda riflessione e di preghiera. Al Pontefice è stata donata una scultura in metallo rappresentante la testa del Cristo, realizzata da un “artista con le stellette” appartenente alla Brigata SASSARI.
Il Santo Padre, al termine del discorso, ha sottolineato l’importanza del lavoro svolto dai militari: “saluto la Brigata SASSARI ed il Raggruppamento Lazio–Umbria–Abruzzo dell’Operazione Strade Sicure, che ringrazio per il servizio di sicurezza svolto nella adiacenze della Città del Vaticano e delle Basiliche Papali”.
Il Comando della Brigata SASSARI è infatti impegnato dal primo aprile scorso a Roma alla guida dei 2000 militari del raggruppamento Lazio–Umbria–Abruzzo nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure, attività che prevede l’impiego di personale dell’Esercito per specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione della criminalità, a presidio di luoghi di culto, monumenti, ambasciate, aeroporti, stazioni ferroviarie e della metro, presenti principalmente nella Capitale.

MEDAGLIA D'ORO VITTIMA TERRORISMO A SERGIO LUISI
FERITO IN ATTENTATO IN AFGHANISTAN NEL 2012

NUORO, 9 MAGGIO 2017 - In occasione del “Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo interno e internazionale, e delle stragi di tale matrice”, il prefetto di Nuoro Daniela Parisi ha consegnato la Medaglia d'Oro di vittima del terrorismo a Sergio Luisi, Caporale Maggiore Scelto della Brigata SASSARI. Il militare dell’Esercito, effettivo al 5° Reggimento Genio Guastatori di Macomer ed impegnato in Afghanistan nell’ambito della missione ISAF, il 26 gennaio 2012 era rimasto ferito nell’esplosione di un ordigno improvvisato celato sul terreno. Per il valore ed il coraggio dimostrati in servizio in tale frangente è stata riconosciuta al militare la condizione di “Vittima del terrorismo”.
Alla cerimonia hanno preso parte il prefetto Daniela Parisi, il Sindaco di Genoni, Roberto Soddu, il comandante del 5° Reggimento, Colonnello Marco De Crescenzo, familiari, amici e commilitoni del Caporale Maggiore Scelto Luisi, sottolineando orgogliosamente, in un clima di festa, il plauso che la società riserva a chi si espone, anche a rischio della vita, a difesa dei principi e della libertà dello Stato.
Parole di stima sono state rivolte dalla dottoressa Parisi al Caporale Maggiore Scelto Luisi, sottolineando come la ricorrenza del 9 maggio sia nata “a seguito di un episodio terribile della vita del nostro Paese, il ritrovamento della salma di Aldo Moro, per cui lo Stato ha deciso di istituire questa giornata dedicata alle vittime del terrorismo sia in Italia, sia all’estero".

NATO: OPEN DAY UNITÀ NAVALI IN SOSTA PORTO CAGLIARI

CAGLIARI, 6 MAGGIO 2017 - Sono in sosta da ieri, e resteranno in porto sino a lunedì 8 maggio, la fregata Scirocco (F573), unità sede del Comando delle Forze di Contromisure Mine ed Idrografiche, i cacciamine italiani Termoli (M5555), Chioggia (M5560), Crotone (M5558) e Alghero (M5556), gli spagnoli Tajo (M36) e Sella (M32), il francese Orion (M645) ed il turco Erdek (M263), le navi idrografiche Ammiraglio Magnaghi (A5303) ed Aretusa (A5304), la nave ausiliaria Lipari (A5352) e la nave polacca Kontradmiral Xawery Czernicki (511). Le unità straniere appartengono al gruppo permanente NATO di contromisure mine (Standing NATO Mine Counter Measure Group 2). La sosta avviene nell’ambito di una importante esercitazione di specialità e in preparazione per una importante esercitazione nazionale. Le Unità Cacciamine ed Idrografiche, nell’ambito dell’attività addestrativa, svolgeranno anche operazioni di eventuale localizzazione di residuati storici e di ricognizione dei fondali, dalle quali scaturiranno i successivi aggiornamenti delle carte nautiche locali. E proprio la Nave Ammiraglio Magnaghi oggi è stata quella più visitata dai molti sardi che hanno voluto manifestare il loro affetto per le donne e gli uomini della Marina.
Alcune tra le unità ormeggiate sono aperte al pubblico: sabato 6 maggio dalle 15 alle 17 (eccetto Nave Scirocco) e domani 7 maggio, dalle 10 alle 12, e dalle 16 alle 18:30. Domenica 7 sarà aperta al pubblico anche la nave polacca Czernikcki dalle 10 alle 12.

MORTO A ROMA IL GEN. RAMPONI, COMANDO' REGIONE MILITARE SARDEGNA

ROMA, 5 MAGGIO 2017 - E' morto nell'ospedale Celio a Roma, dov'era ricoverato, il generale Luigi Ramponi che negli anni '80 aveva comandanto la Regione Militare Sardegna. Ramponi era nato a Reggio Emilia il 30 maggio del 1930 ed era entrato all'Accedemia Militare di Modena nel 1949. Nominato sottotenente dei Bersaglieri nel 1951, ha ricoperto tutti gl incarichi di comando previsti dal grado e, dopo aver frequentato la Scuola di Guerra dell'Esercito, ha avuto incarichi di Stato Maggiore nell 5° Corpo d'armata e, dal 1977 al 1980, ha ricoperto l'incarico di Addetto Militare dell'Ambasciata d'Italia a Washington. Dopo aver comandanto la la Brigata meccanizzata GARIBALDI dal 1982 al 1985 è stato Comandante della Regione Militare della Sardegna. Nominato Sottocapo di Stato Maggiore della Difesa nell'aprile 1988, nel gennaio successivo al 31 agosto 1991 è stato Comandante generale della Guardia di Finanza e dal 20 agosto 1991 al 21 luglio 1992 è stato direttore del SISMI.
Nel 1994 è stato eletto per la prima volta con AN al Senato e ha ricoperto l’incarico di Vicepresidente della Commissione bicamerale antimafia. Nel 2001 è stato eletto sempre con An alla Camera dei Deputati ed è stato presidente della IV Commissione Difesa. Al Senato della Repubblica è stato rieletto prima nel 2006 con An e nel 2008 con il Pdl, restando in carica sino al 2013. Nella  foto il generale Luigi Ramponi nel 1983 con i giornalisti a Capo Teulada..

LA CERIMONIA A CAGLIARI NELLA CASERMA "MONFENERA" - I VIDEO

CAGLIARI, 4 MAGGIO 2017 - Sono passati 156 anni da quando, il 4 maggio 1861, il Ministro della Guerra Manfredo Fanti, con nota n.76, comunicò "a tutte le Autorità, Corpi e Uffici militari" che "l’antica denominazione d’Armata Sarda” veniva abolita e sostituita con quella di "Regio Esercito Italiano", destinato a divenire erede delle tradizioni dell'Armata Sarda, della Lega Militare degli Stati dell’Italia Centrale, del Corpo dei Volontari Garibaldini e delle truppe delle Due Sicilie.
L'anniversario è stato ricordato a Cagliari nella caserma “Monfenera”, sede del 151° Reggimento fanteria della Brigata SASSARI, con una cerimonia alla quale ha presenziato la più alta autorità militare dell’isola, il Comandante del Comando Militare Esercito Sardegna, Generale di Divisione Giovanni Domenico Pintus. Dopo la lettura dei messaggi istituzionali pervenuti dal Presidente della Repubblica, dal Capo di Stato Maggiore della Difesa e dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, il Generale Pintus ha tenuto una breve allocuzione nella quale, dopo aver rievocato gli accadimenti storici, ha evidenziato i motivi che sono alla base dell’orgoglio e del profondo senso di appartenenza che distingue i soldati di oggi, eredi di fatti d’arme caratterizzati da grande valore, ma anche da intima sofferenza. “Noi ci siamo stati, ci siamo e ci saremo sempre, al servizio della Nazione - ha concluso il gen. Pintus - per garantire la sicurezza di tutti”.

MARINA: ALLA MADDALENA PROGETTO SCUOLA-LAVORO PER STUDENTI

LA MADDALENA, 3 MAGGIO 2017 - Il 2 maggio 2017 è stato avviato nella Scuola Sottufficiali della Marina Militare di La Maddalena il progetto per “l’alternanza scuola lavoro” a favore degli studenti del locale Istituto d’Istruzione Superiore Giuseppe Garibaldi.
Il progetto condiviso tra il Comandante della Scuola Sottufficiali, capitano di vascello Roberto Fazio, e la Dirigente Scolastica dell’Istituto, Professoressa Bianca Maria Morgi, permetterà agli studenti di affiancarsi al personale del “Servizio Supporto”, operante in banchina presso la Sezione Velica della Scuola della Marina, per apprenderne le professionalità e le tecniche impiegate nelle varie lavorazioni marinaresche e garantire loro un'esperienza ''sul campo'' a valle del percorso formativo svolto nel mondo scolastico.
Al progetto parteciperanno sei studenti per un totale di 16 ore, da effettuarsi nelle ore mattinali affiancati da tutor, che permetteranno ai giovani studenti di apprendere tecniche di manutenzione di imbarcazioni a vela e motore, messa a punto di motori fuoribordo, lavori su alberature e derive e lavorazioni su vetroresina.
cellula PI
scuola sottufficiali marina militare
"movm domenico bastianini"

ONORI MILITARI A SANT'EFISIO
MARTIRE GUERRIERO DA 1800 ANNI PROTETTORE DEI SARDI

CAGLIARI, 1 MAGGIO 2017 - Dal lontano 1657, ininterrottamente ogni primo di maggio, Cagliari rinnova il voto fatto al martire guerriero Sant'Efisio, portando in processione la statua del Santo sul luogo del martirio a Nora. Prima di essere decapitato, Efisio, ufficiale dell'imperatore Diocleziano inviato in Sardegna per perseguitare i cristiani, ma convertitosi alla loro fede, invocò la protezione del Signore su Cagliari e sulle genti di Sardegna. E da 1800 anni è diventato il protettore dell'Isola, dando ripetute prove della sua intercessione e conquistando il cuore dei fedeli. Sant'Efisio ha sempre accompagnato i militari sardi e oggi i suoi fedeli gli hanno rivolto un silenzioso omaggio prima dell'inizio del servizio in tutte le località in Patria e all'estero dove sono impegnati. Nel video gli onori militari resi da una Compagnia interforze (Esercito, Marina, Aeronautica e Carabinieri) all'uscita del simulacro del Santo Martire Guerriero dalla sua chiesa di Stampace, quartiere storico del capoluogo sardo. Alla 361a processione in onore di Sant'Efisio hanno partecipato i costumi tradizionali di 120 comuni con 89 associazioni di devoti. Il corteo a piedi è stato preceduto dalla sfilata di "traccas", gli antichi carri trainati dai buoi, e da 255 cavalieri in costume e 56 miliziani campidanesi scorta d'onore al cocchio del Santo. VEDI IL VIDEO

ALGHERO INTITOLA GIARDINI A GIANMARCO MANCA CADUTO IN AFGHANISTAN

ALGHERO, 21 APRILE 2017 - La città di Alghero ha intitolato al Caporal Maggiore Scelto Gianmarco Manca, caduto in Afghanistan il 9 ottobre 2010 i giardini pubblici in viale Primo Maggio antistanti la pineta Maria Pia. In forza al 7° Reggimento Alpini, Manca rimase vittima con i colleghi Francesco Vannozzi, Sebastiano Ville e Marco Pedone di un attacco terroristico contro il Lince sul quale viaggiava.
Alla cerimonia di intitolazione, presieduta dal sindaco di Alghero Mario Bruno, hanno partecipato anche il vicecomandante delle Truppe Alpine, il generale di Divisione Marcello Bellacicco, che nel 2009 era al comando della Brigata alpina JULIA e della Regione Ovest della missione Isaf in Afghanistan, colleghi e amici di Gianmarco Manca e autorità militari e civile della Sardegna.
La targa di intitolazione dei giardini è stata scoperta dalla mamma di Gianmarco, Pierina, e dalla sorella Antonella, anche lei militare e in forza alla Brigata SASSARI. I ritmi della cerimonia sono stati scanditi dalle musiche della Banda della Brigata SASSARI. VEDI VIDEO

PATTUGLIA DEL 3° BERSAGLIERI BLOCCA BORSEGGIATORE A NAPOLI

NAPOLI, 19 APRILE 2017 - Militari dell'Esercito, impegnati nell'Operazione Strade Sicure, sono intervenuti in due distinte occasioni a Napoli consentendo l'arresto di due individui. Nelle prime ore dell'alba, nel centro antico, una pattuglia del 3° Reggimento Bersaglieri della Brigata SASSARI ha notato un giovane rincorso da un altro che chiedeva aiuto. I militari sono intervenuti e hanno bloccato il fuggitivo che aveva appena messo a segno un borseggio. Il fatto era avvenuto poco prima in Piazza Bellini dove due militari liberi dal servizio, un uomo ed una donna, seduti su di una panchina erano stati avvicinati dal giovane malvivente che repentinamente aveva strappato la borsa dalla spalla della donna trascinandola a terra. Il compagno della malcapitata si è precipitato a rincorrere il ladro attirando l'attenzione dei colleghi della pattuglia che si trovava a poca distanza. Il malvivente, un italiano di 26 anni, è stato consegnato ai Carabinieri, chiamati sul posto, ed è stato successivamente posto in arresto.
Poco più tardi, nei pressi di Piazza Garibaldi, militari del Reggimento Cavalleggeri Guide (19°) hanno notato un ragazzo che aveva appena ceduto una bustina ad un giovane allontanatosi frettolosamente. I militari sono intervenuti ed hanno provveduto al fermo ed l'identificazione del sospetto, uno straniero di 30 anni, che è stato trovato in possesso di 18 grammi di Marijuana e 90 euro in contanti. L'uomo è stato successivamente arrestato dalla Polizia per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L'attività di presidio del territorio da parte dei militari dell'Esercito impegnati nell'Operazione Strade Sicure, continua senza sosta, al fianco delle Forze dell'Ordine, per incrementare il livello di sicurezza nelle città.

INTERVENTO ARTIFICIERI 5° GUASTATORI IN BIBLIOTECA UNIVERSITA' SASSARI

SASSARI, 13 APRILE 2017 - Concluse oggi, dagli artificieri del 5° Reggimento Genio Guastatori della Brigata SASSARI, le operazioni di bonifica di due granate e una spoletta, di fabbricazione austriaca, risalenti al Primo conflitto mondiale. Gli ordigni sono stati rinvenuti casualmente dal personale della biblioteca universitaria di Sassari, durante la catalogazione di antichi documenti conservati in una cassa di legno. Gli artificieri del 5° Guastatori hanno messo in sicurezza i residuati bellici, risultati ancora attivi, e li hanno trasportati in una cava nelle vicinanze di Sassari per distruggerli.
L'intervento tempestivo degli uomini del Reggimento Genio della Brigata SASSARI ha permesso la ripresa delle normali attività nella biblioteca universitaria.
L’Esercito, grazie alla capacità “dual-use” dei propri reparti del Genio, oltre all'impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d'intervenire a supporto della comunità in tempi rapidissimi su tutto il territorio nazionale. Gli artificieri della Forza Armata infatti effettuano ogni anno centinaia di interventi di bonifica di ordigni bellici in tutto il territorio nazionale.
In Sardegna, questi compiti sono affidati al 5° reggimento genio guastatori di Macomer che, oltre a mantenere sempre pronta un’aliquota di forze per interventi di pubblica calamità, grazie alla sua peculiare preparazione tecnica, si occupa delle delicate operazioni di messa in sicurezza e bonifica dei residuati bellici.
L’intervento odierno è la seconda operazione di bonifica della settimana: infatti, negli scorsi giorni, i “Sassarini” del 5° Reggimento hanno messo in sicurezza e fatto brillare, un razzo di segnalazione rinvenuto da un pescatore nella foce del Rio Santu Milanu, nei pressi di S. Giovanni Suergiu (Carbonia-Iglesias).
COMANDO BRIGATA SASSARI
SEZIONE PUBBLICA INFORMAZIONE

20 ANNI FA: IL 151° "SASSARI" IN ALBANIA

ROMA, 4 APRILE 2017 - Si è svolta oggi nella Biblioteca Militare Centrale di Palazzo Esercito la commemorazione del 20° anniversario dell’inizio della missione “Alba” in Albania, iniziata il 13 aprile 1997 e terminata il 12 agosto dello stesso anno, nel corso della quale l’Esercito contribuì alla costituzione della Forza Multinazionale di Proiezione (FMP), a guida italiana, schierandosi e operando tra Tirana, Durazzo, Valona e Fier.
Presente alla cerimonia il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, che nel maggio del 1997, con il grado di Tenente Colonnello era al comando del 7° Reggimento “VEGA”, uno dei reparti che costituirono il contingente “Alba”. Hanno presenziato i Comandanti di vertice della Forza Armata, i Comandanti delle unità che hanno costituito il contingente italiano in Albania, gli Ufficiali in servizio allo Stato Maggiore, e illustri ospiti.
Il Generale Errico, nel corso del suo intervento ha ricordato come “in questo complesso e delicato contesto, l’Italia fornì il contributo più consistente alla missione, guidata dal Generale Forlani, tanto in termini numerici – con un contingente formato da circa 3.000 uomini – quanto dal punto di vista capacitivo con la piena responsabilità del comando e controllo, della condotta delle operazioni, della logistica, dei trasporti, terrestri e aerei, dei rifornimenti e delle comunicazioni”.
La missione “Alba” approvata dall’ONU nell’aprile del 1997 e fu la prima forma di intervento multinazionale (con Francia, Turchia, Grecia, Spagna, Romania, Austria e Danimarca) promossa e guidata dall'Italia. L'Esercito, schierato fra Tirana, Durazzo, Valona e Fier, contribuì con la Brigata meccanizzata "Friuli", il 18° Reggimento bersaglieri della Brigata "Garibaldi" (l’attuale 1° reggimento bersaglieri di Cosenza), il 187° Reggimento paracadutisti della "Folgore" e il 151° Reggimento fanteria della Brigata SASSARI, affiancati dagli Incursori del "Col Moschin" e dagli specialisti dell'AVES, Genio, Sanità e Trasmissioni. La presenza dei militari ha consentito di raffreddare la situazione albanese, degenerata all'inizio del 1997 principalmente a causa del fallimento di società di investimento che avevano di fatto bruciato i risparmi di molti cittadini. Con circa 1.700 attività operative, la FMP ha consentito alle Organizzazioni umanitarie di distribuire alla popolazione oltre 5.700 tonnellate di viveri, medicinali, sementi e vestiario e di garantire la sicurezza agli osservatori OSCE durante le elezioni albanesi del 29 giugno e del 6 luglio 1997.

CRI: 8 NUOVI ISTRUTTORI PROTEZIONE CIVILE IN SARDEGNA

CAGLIARI, 4 APRILE 2017 - Al termine di un corso di tre settimane nel Centro Regionale di Formazione CRI della Sardegna a Bosa, sono stati nominati otto Istruttori di Protezione Civile CRI. La struttura del corso si è articolata sull’approfondimento teorico della materia ed esercitazioni pratiche.
Gli Istruttori di protezione Civile CRI saranno delle preziosissime risorse da spendere nella divulgazione della cultura di Protezione Civile, nella formazione di personale interno ed esterno all’Associazione nell’obiettivo di sviluppare nella popolazione una cultura della resilienza.
Il Corso Istruttori IPC è stato occasione di proficuo dialogo tra le istituzioni regionali e la Croce Rossa della Sardegna, nell’ottica di una futura utile collaborazione, volta al rafforzamento delle potenzialità di Protezione Civile, a supporto dell’ausilio dei soggetti colpiti da condizioni di vulnerabilità.
La Presidente Regionale Giovanna Sanna, nell’esprimere soddisfazione per il traguardo raggiunto, ha ringraziato tutti i partecipanti e coloro che hanno prestato le loro altissime competenze per rendere sempre più forte il ruolo della Croce Rossa nel soccorrere chiunque si trovi in condizioni di sofferenza.

STRADE SICURE: BRIGATA SASSARI AL COMANDO
 DEL RAGGRUPPAMENTO LAZIO-UMBRIA-ABRUZZO

ROMA, 31 MARZO 2017 - La Brigata SASSARI ha assunto il comando del raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo dell'operazione “Strade Sicure” dando il cambio alla Brigata AOSTA che per tre mesi, sotto il comando del Generale Roberto Angius, ha presidiato, in concorso con le Forze di Polizia, 180 siti sensibili per la maggioranza ubicati nella Capitale. Ambasciate, luoghi di culto, centri di accoglienza ed anche stazioni ferroviarie e metropolitane oltre ai numerevoli luoghi turistici e di aggregazione della città di Roma.
Un periodo breve ma ricco di impegni e soddisfazioni quello vissuto dai circa 2000 uomini e donne della Brigata AOSTA, con risultati di tutto rispetto. Oltre 30 mila sono state le persone identificate che hanno consentito alle Forze di Polizia di procedere a 20 arresti e 10 denunce a piede libero, di sequestrare circa 300 grammi di sostanze stupefacenti, due armi da fuoco e 8 armi bianche.

I militari della Brigata SASSARI, al comando del Generale Gianluca Carai, continueranno nelle attività di pattugliamento e presidio nell'area del raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo. Il livello di preparazione dei militari impiegati, tutti professionisti, è consolidato ed approfondito a seguito dei ripetuti impieghi non solo in tale tipologia di operazioni, ma anche in quelle “fuori area”, ove sovente i compiti da assolvere e le relative modalità d'azione sono molto simili a quelli adottati sul territorio nazionale pur nel diverso contesto operativo. Grazie all'addestramento, alle specifiche competenze e alla capacità “dual use”, l'Esercito continua a essere saldo punto di riferimento tanto a livello internazionale, quanto per la collettività nazionale, dove si fa carico delle sempre più esigenti richieste di sicurezza interna.

CONCORSO IPPICO NAZIONALE SALTO OSTACOLI AL CAMPO ROSSI

CAGLIARI, 26 MARZO 2017 - Oltre 140 binomi civili e militari hanno partecipato al Concorso Ippico Nazionale di Salto Ostacoli che si è svolto nel Comprensorio Polisportivo Militare “Gastone Rossi”, nel campo ostacoli del Centro Ippico Militare del Comando Militare Esercito Sardegna in via Tramontana a Cagliari. La manifestazione sportiva è stata organizzata dal Centro Ippico Militare del Comando Militare Esercito Sardegna in collaborazione con l’Associazione Nazionale Arma di Cavalleria (ANAC) - Sezione Cavalleggeri di Sardegna e dalla Federazione Italiana Sport Equestri (FISE).
Nell’arco della giornata sono state disputate le gare per le diverse categorie. Per la C140 (a due manche) “Gran Premio FISE Sardegna” e la C115 a tempo era in palio un montepremi di 4.000 euro.
Tra le autorità presenti il Comandante del Comando Militare Esercito Sardegna, Generale di Divisione Giovanni Domenico Pintus, e l’Assessore allo Sport del comune di Cagliari, Yuri Marcialis oltre a autorità civili e militari di Cagliari.

FESTA DEL PAPÀ
 Auguri a tutti i papà Sassarini
 impegnati in Patria e all'estero

19 MARZO 2017 - Il calore dell’abbraccio di un papà non ha eguali, ma quello di un papà che torna a casa dopo tanti mesi è ancora più bello!
Auguri a tutti i papà!
#festadelpapà2017 #noicisiamosempre #EsercitoItaliano

ORDINARIO MILITARE VISITA COMANDO LEGIONE CARABINIERI SARDEGNA

CAGLIARI, 14 MARZO 2017 - L'Ordinario Militare Mons. Santo Marcianò, a Cagliari per presiedere la celebrazione del precetto pasquale per le Forze Armate, ha visitato il Comando Legione Carabinieri Sardegna dove ha incontrato tutti i comandanti regionali e personale in servizio. Mons. Marcianò prima di lasciare la Caserma intitolata alla MOVM Enrico Zuddas, ha visitato l’esposizione museale di cimeli e reperti storici legati al peculiare ruolo svolto dalla Benemerita nella lotta al banditismo nell’isola.

CERIMONIA ALLA MADDALENA PER CONSEGNA GRADO SERGENTI 21° CORSO

LA MADDALENA, 10 MARZO 2017 - Gli allievi del 21° corso Sergenti “Thor” della Scuola Sottufficiali della Marina Militare “Domenico Bastianini” di La Maddalena, hanno ricevuto il grado durante una solenne cerimonia in Piazza Umberto I. La cerimonia, i cui ritmi sono stati scanditi dalle note della Banda della Brigata SASSARI, è stata presieduta dal Comandante delle Scuole della Marina Militare, Ammiraglio di Squadra Salvatore Ruzittu, alla presenza di autorità civili, militari e religiose della Sardegna e rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.
Il 21° corso Sergenti “Thor” nei sei mesi di attività ha permesso ai 57 frequentatori (3 Nocchieri, 12 Tecnici di Macchina, 40 Nocchieri di Porto e 2 Incursori) di approfondire tematiche tecnico-professionali e gestionali nel campo delle risorse materiali ed umane, che saranno fondamentali per lo svolgimento dei futuri incarichi a bordo delle unità navali e nei vari reparti operativi.
Nel corso della cerimonia, l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia insieme con l’Associazione amici dell’Ammiraglio Romualdo Balzano, la Lega Navale Italiana, Sezione di La Maddalena, e l’Istituto Internazionale di Studi Giuseppe Garibaldi, Sezione di La Maddalena, hanno consegnato riconoscimenti e premi al personale che si è particolarmente distinto in attività didattiche e sportivo/marinaresche durante l’anno scolastico 2016/2017.

IL GENERALE GIANLUCA CARAI 43° COMANDANTE DELLA BRIGATA SASSARI

SASSARI, 3 MARZO 2017 - Il Generale Gianluca Carai è diventato oggi il 43° comandante della Brigata SASSARi. La cerimonia di avvicendamento col predecessore, Gen. Arturo Nitti, è avvenuta nel Cortile “Raimondo Scintu” della storica caserma “La Marmora”, in piazza Castello a Sassari, alla presenza del Comandante della Divisione “Acqui”, Generale di Divisione Antonio Vittiglio e di numerose autorità locali, e dei gonfaloni delle città di Tempio Pausania e Sinnai che, il 1 marzo 1915, hanno dato i natali al 152° e al 151° Reggimento Fanteria "Sassari". Schierato un reggimento di formazione con la Bandiera di Guerra del 152°, decorata di un Ordine Militare d'Italia, due Medaglie d'Oro al Valor Militare e una Medaglia d'Oro al Valore dell'Esercito. I ritmi della cerimonia sono stati scanditi dalla Banda della Brigata SASSARI.
Per il Gen. Carai si tratta di un ritorno nei ranghi della SASSARI: da Tenente Colonnello comandò il Battaglione operativo del 151° (2005-2006) e da Colonnello (2010-2012) fu il 55° Comandante del 152°, guidando il Reggimento nell’operazione ISAF (International Security Assistance Force) in Afghanistan, riscuotendo consensi da parte della popolazione, delle autorità civili locali e dei comandi militari e meritando la Croce d'Oro al Merito dell'Esercito.
Il Generale Arturo Nitti ha lasciato l'incarico dopo quasi 30 mesi di intense attività che lo hanno visto alla guida degli uomini e delle donne della SASSARI, coinvolti in numerosi impegni sia in territorio nazionale, sia all’estero. Nel suo discorso di commiato, il gen. Nitti ha ricordato le celebrazioni per il centenario della costituzione della Brigata, l’impegno della SASSARI in soccorso agli abitanti di Olbia dopo l’alluvione dell’ottobre 2015, le numerose attività di bonifica del territorio da residuati bellici, nonché l’impiego nell’operazione “Strade Sicure”, a garanzia dell’ordine pubblico e della sicurezza di alcune tra le maggiori città italiane, che ha visto i “Sassarini” interessati, in maniera quasi ininterrotta, dal 2008. Altri importanti impegni durante il periodo di comando di Nitti, la partecipazione, nel 2015, all’imponente esercitazione Nato “Trident Juncture”, che ha visto schierati oltre 1500 militari in un contesto che registrava l’impegno di 30 Paesi. E poi, per la prima volta sotto le insegne delle Nazioni Unite, i Dimonios hanno preso parte, da aprile ad ottobre 2016, alla missione UNIFIL (United Nation Interim Force in Lebanon) in territorio libanese, attività nella quale il Generale Nitti ha rivestito il ruolo di comandante del contingente nazionale e del Settore Ovest. In tale occasione, la Brigata SASSARI ha saputo dimostrare la sua professionalità e determinazione in un contesto di delicato equilibrio politico, riuscendo ad ottenere risultati di assoluto rilievo nell'operazione volta ad garantire il rispetto della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza dell'ONU. In questo contesto, i “caschi blu” italiani hanno sviluppato numerose attività al fine di mantenere un’adeguata cornice di sicurezza nell’area, monitorando la cessazione delle ostilità e assistendo le Forze Armate Libanesi e supportando la popolazione locale, anche con azioni mirate allo sviluppo dell’area e alla distribuzione di aiuti umanitari. Durante il discorso il Generale Arturo Nitti ha espresso la sua profonda gratitudine agli uomini e alle donne della SASSARI per l’impegno profuso durante il suo periodo di comando.

SU CHENTUCHIMBANTUNU NELLA LEGGENDA DA 102 ANNI 1 Marzo 1915-2017

SINNAI, 1 MARZO 2017 - Il 102° anniversario della costituzione del 151° Reggimento Fanteria "Sassari" è stato celebrato a Sinnai, per iniziativa dell'Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Matteo Aledda, alla presenza del 53° Comandante del 151°, Col. Maurizio Settesoldi. La cerimonia, caratterizzata dalle note della Banda della Brigata SASSARI e dagli onori resi da un picchetto armato del 151°, è cominciata con l'alzabandiera e la deposizione di una corona d'alloro, in memoria dei Caduti, sul monumento che l'Amministrazione comunale ha fatto erigere nel punto in cui, nel 1915, sorse il Deposito del 46° Reggimento Fanteria "Reggio", centro di arruolamento dei coscritti che formarono la forza combattente del 151°. Nei suoi 102 anni di vita, il 151° è entrato nella leggenda, meritando un Ordine Militare d'Italia (1920), due Medaglie d'Oro al Valor Militare (1916 e 1920) e una Medaglia d'Oro al Valore dell'Esercito (2006).
Nelle loro allocuzioni, il Col. Settesoldi e il sindaco Aledda hanno ricordato il momento storico di 102 anni fa e il fortissimo legame che da quel momento lega la città di Sinnai, l'intera Sardegna e l'Italia al 151°. PAGINA SPECIALE

MOVM GIUSEPPE LA ROSA COMMEMORATO A CARBONIA E S.GIOVANNI SUERGIU

SAN GIOVANNI SUERGIU, 24 FEBBRAIO 2017 - Il Magg. Giuseppe La Rosa, caduto in commbattimento in Afghanistan l'8 giugno 2013, è stato ricordato nel corso di due distinte cerimonie a Carbonia e San Giovanni Suergiu organizzate della presidenza regionale dell'Associazione Nazionale Bersaglieri. A Carbonia è stata intitolata alla Medaglia d'Oro al Valor Militare La Rosa la sala prelievi del Centro Trasfusionale dell'Ospedale Sirai. Successivamente nella sala consiliare del Comune di San Giovanni Suergiu, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa, Domenico Rossi, si è svolta la commemorazione dell'ufficiale del TERZO Bersaglieri caduto facendo scudo col proprio corpo ai colleghi per proteggerli dall'esplosione di un ordigno lanciato all'interno del Lince del Military Advisor Team della Transition Support Unit South (TSUS) che stava rientrando nella base di Farah, dopo aver svolto attività in sostegno alle unità dell'esercito afghano. E' stato poi scoperto un quadro donato dalla presidenza regionale dell'Associazione Nazionale Bersaglieri dedicato alla memoria del Magg. La Rosa. I momenti della cerimonia sono stati caratterizzati dalle musiche della Banda della Brigata SASSARI.

MARINA MILITARE COMMEMORA DOMENICO MILLELIRE, PRIMA MOVM

LA MADDALENA, 24 FEBBRAIO 2017 - Ieri 23 febbraio, nei giardini di via Principe Amedeo a La Maddalena, ha avuto luogo la cerimonia commemorativa dei fatti d’arme che si svolsero il 23 Febbraio 1793 nelle acque dell’Arcipelago di La Maddalena. "Per aver ripreso al nemico l'Isola di Santo Stefano e per la valorosa difesa dell'isola di La Maddalena contro gli attacchi della squadra navale della Repubblica Francese": è questa la motivazione con la quale venne assegnata al cittadino maddalenino e Nocchiero di Mezze Galere della Marina Sarda Domenico Leoni detto “Millelire”, la prima medaglia d’oro della Marina Militare.
Durante la cerimonia è stata benedetta e deposta una corona d’alloro ai piedi del monumento intitolato all’eroe isolano da parte del Capitano di Vascello Roberto Fazio Comandante del Presidio Marina Militare e Comandante della Scuola Sottufficiali, del Sig. Roberto Ugazzi in rappresentanza del Comune di La Maddalena e del professore Giuseppe Farina, presidente del Lions Club di La Maddalena.
Cellula PI Scuola Sottufficiali Marina Militare
“M.O.V.M. Domenico Bastianini

GRANATIERI SARDEGNA COMMEMORANO PER LA 241a VOLTA DUCA S.PIETRO

ROMA, 17 FEBBRAIO 2017 - Come da tradizione, anche quest'anno i GRANATIERI di SARDEGNA hanno sfilato in parata per le vie di Roma Capitale, per raggiungere la Basilica Michelangiolesca di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri e celebrare la 241a messa di suffragio di Don Alberto Genovese, Duca di San Pietro.
Il patrizio cagliaritano, figlio di Don Bernardino Antonio Genovese che nel 1744 costitui a sue spese in Cagliari il "Reggimento Sardegna Fanteria", nel 1776 donò al Reggimento di Sardegna centoventimila lire vecchie di Piemonte per il mantenimento del reparto e, in particolare, della musica reggimentale, fissando l'uso della loro rendita in apposito lascito testamentario che prevedeva anche la celebrazione perpetua di una messa di suffragio, tradizione sempre rispettata dai GRANATIERI di SARDEGNA, sia in tempo di pace sia di guerra.
La cerimonia di oggi ha avuto inizio con lo sfilamento delle compagnie del 1° reggimento "Granatieri di Sardegna" dalla Caserma “Macao” in via Castro Pretorio, alle 10, ed è stata svolta in tradizionale Grande Uniforme di Rappresentanza della specialità, alla presenza del Sottosegretario alla Difesa, Domenico Rossi, e del Generale di Corpo d'Armata Luigi Francesco De Leverano, Comandante del Comando Forze Operative Sud, insieme ad autorità militari, civili e religiose. Tradizione consolidata e secolare, ai quali i Granatieri non hanno rinunciato neanche durante i recenti impieghi sul territorio nazionale e all'estero. Attualmente il reggimento più antico d'Italia ed unico per la sua specialità, è impiegato nell'Operazione "Strade Sicure" nella capitale, al comando della Task Force "Roma 1", con circa 200 tra uomini e donne, e contribuisce con diverse unità all'operazione creata a supporto della popolazione del centro Italia, colpita dal sisma.

MARINA MILITARE: GOLFO OLBIA, SOSTITUITI DUE SEGNALAMENTI

LA MADDALENA, 17 FEBBRAIO 2017 - Nave Tavolara, Unità della classe Moto Trasporto Fari della Marina Militare, ha recentemente condotto nel Golfo di Olbia una “Campagna Fari”, in collaborazione con i Palombari del Nucleo SDAI del Gruppo Operativo Subacquei di COMSUBIN e il Comando Fari e Segnalamenti Marittimi (MARIFARI) dell’Isola di La Maddalena.
L’intervento del personale specializzato della Marina Militare ha permesso la sostituzione di due segnalamenti ormai logorati dall’azione corrosiva del mare, posizionati per indicare la presenza di pericolo/bassi fondali ai lati del canale di instradamento di accesso al porto.
Nave Tavolara, lunga 56,7 metri e larga 10, è dotata di specifiche peculiarità che si prestano perfettamente a questo tipo di operazioni. Dispone di una gru della portata di 15t e due gruette da 2,5t e 0.5t con attrezzature marinaresche idonee a trasportare e posizionare elementi di segnalamento marittimo come boe e mede anche di grandi dimensioni.
I Palombari del Nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di COMSUBIN, hanno operato sul fondo marino per assicurare la posa e l’ “ammanigliamento” dei segnalamenti al corrispondente masso immerso. L’attività si inserisce nel più ampio compito istituzionale della Marina Militare di garantire la sicurezza della navigazione in ingresso e in uscita dai porti.
Cellula Pubblica Informazione
Scuola Sottufficiali M.M. La Maddalena

SOLIDARIETA': RSSTA CONSEGNA AIUTI PER 28 MILA EURO

BASE AEREA DECIMOMANNU, 8 FEBBRAIO 2017 - Con una breve ma significativa cerimonia svoltasi nel circolo ufficiali dell'Aeroporto militare intitolato alla Medaglia d'Oro al Valor MIlitare Giovani Farina, sono stati consegnati attrezzature e aiuti, per un valore di 28 mila euro raccolti col "Bazar 2016", destinati alle famiglie bisognose del territorio su cui insiste la base aerea sede del Reparto Sperimentale e di Standardizzazione al Tiro Aereo di Decimomannu.
La manifestazione ha visto la partecipazione del comandante del RSSTA, Col. Michele Ciuffreda, dei Sindaci dei Comuni limitrofi e di varie autorità locali. Gli aiuti che è stato possibile acquistare il "Bazar 2016" sono stati molteplici: materiali tecnico-sanitari, quali gli importanti defibrillatori e un elettrocardiografo, destinati a associazioni sportive, di volontariato e persino a un importante ospedale cagliaritano. Attrezzature antincendio sono state consegnate invece alle organizzazioni della protezione civile, mentre suppellettili quali attrezzature da cucina, una asciugatrice, un computer sono state assegnate alla Caritas e agli oratori parrocchiali. Consegnati anche quasi duecento buoni spesa, da devolvere alle famiglie bisognose delle comunità locali attraverso i rispettivi Sindaci.
Il “Bazar” del RSSTA, giunto quest’anno alla 32ª edizione, è un evento di beneficienza organizzato su base annuale dal Reparto, in collaborazione col personale tedesco della German Air Force, al quale contribuiscono anche i familiari del personale in forza e a riposo. Il personale del RSSTA, che con la propria attività istituzionale garantisce il supporto ai gruppi di volo in attività di addestramento, non è nuovo ad attività di carattere umanitario: infatti è spesso chiamato anche in compiti di soccorso, come l’aiuto garantito puntualmente dal soccorso aereo dell’ 80° Gruppo SAR e dall’intervento effettuato durante le recenti calamità delle alluvioni. Inoltre, anche il personale della componente tedesca si è sempre contraddistinto con grandi esempi di generosità, quali la donazione di sangue a favore dei pazienti affetti da talassemia e un costante impegno in attività a sfondo di beneficenza.

RACCOLTA SANGUE IN BASE AEREA DECIMOMANNU

BASE AEREA DECIMOMANNU, 8 FEBBRAIO 2017 - Il personale del RSSTA di Decimomannu, rispondendo all’allarme lanciato dagli ospedali del capoluogo cagliaritano, ha aderito alla campagna di raccolta di sangue. I militari dell’Aeronautica Militare di stanza nella Base di Decimomannu hanno effettuato le donazioni grazie ad una autoemoteca messa a disposizione dall’AVIS provinciale di Cagliari.
Il personale di Decimomannu non è nuovo a questo tipo di iniziative: infatti il Reparto ha sempre organizzato regolarmente, con la preziosa collaborazione della componente tedesca della German Air Force, campagne di donazione finalizzate ad aiutare in particolare i pazienti affetti da talassemia.
Dal 1978 ad oggi, la sola componente tedesca dell’associazione per la talassemia, ha fornito attraverso “il ponte di sangue” oltre 47.000 sacche di sangue per un valore di oltre 4 milioni di euro.

"COMO CHE SEMUS NOIS (ORA CI SIAMO NOI)" A SHAMA

SHAMA, 6 FEBBRAIO 2017 - Nell'ottobre scorso la Brigata SASSARI ha lasciato la guida del Sector West di UNIFIL alla POZZUOLO DEL FRIULI. Ma a Shama, sia nella missione UNIFIL sia in quella MIBIL (la missione italiana bilaterale in Libano), si parla ancora in limba grazie una folta pattuglia di Sardi che rappresentano tutte le regioni geografiche della nostra isola. Abbiamo ricevuto i loro messaggi di saluto e le loro foto scattate accanto al nuraghe e alla navicella nuragica che la SASSARI ha lasciato come segno della sua presenza nella terra dei cedri.  "Sono fiero e onorato - dice Adriano Moi, di Sinnai, in forza al Reggimento Lagunari "Serenissima", decano dei sardi in Libano e IMC (comandante plotone infrastrutture camp site) - come da tradizione di noi sardi, di custodire la nostra bandiera dei quattro mori e il nuraghe, fatto costruire dal Generale Nitti, Comandante della gloriosa Brigata SASSARI. Costruito con sacrificio e fierezza dai suoi uomini sardi, simbolo architettonico della civiltà nuragica alla quale noi sardi tutti siamo legati, a prescindere dal luogo in cui si vive o si opera. Un saluto grande di cuore vorrei estenderlo alla mia terra, ai miei conterranei e al mio paese natale, Sinnai, che tanto mi ha dato e insegnato, che porterò sempre nel mio cuore. Un saluto sincero formulo a tutti gli amici della classe 1967 che quest'anno raggiungeranno, come lo scrivente ha già raggiunto, il traguardo dei 50 anni con l'augurio di sempre migliori fortune. Viva la Sardegna, viva l'Esercito, viva l'Italia". Nella pagina speciale, realizzata grazie alla collaborazione della Cellula Pubblica Informazione del Contingente italiano, abbiamo raccolto i messaggi di saluto dei sardi ora al lavoro a Shama.

3° BERSAGLIERI: SORI LASCIA SERVIZIO, SABEDDU SOTTUFFICIALE CORPO

CAPO TEULADA, 27 GENNAIO 2017 - Il Primo Maresciallo Massimiliano Sabeddu è il nuovo sottufficiale di corpo del TERZO Bersaglieri della Brigata SASSARI: ha raccolto il "testimone" dal Luogotenente Roberto Sori che oggi ha lasciato il servizio attivo dopo sette lustri e un'ultima impegnativa missione all'estero. Al nuovo sottufficiale di corpo del Glorioso TERZO gli auguri del giornale della Famiglia Sassarina. A Roberto Sori un grande abbraccio e la nostra riconoscenza per il servizio prestato e per l'attenzione che ha sempre riservato al nostro giornale online. Nelle foto di Sebastiano Soggiu il passaggio di consegne tra Sori e Sabeddu e il saluto alla Bandiera di Guerra del TERZO Bersaglieri che con due Ordini Militari d'Italia, tre Medaglie d'Oro e tre d'Argento al Valor Militare, una d'Argento al Valore dell'Esercito, tre Medaglie di Bronzo al Valor Militare ed una di Bronzo al Merito Civile è la più decorata delle Forze Armate Italiane.

AERONAUTICA E CNSAS SOCCORRONO TRE ALLEVATORI BLOCCATI DALLA NEVE

BASE AEREA DECIMOMANNU, 20 GENNAIO 2017 - Nella tarda mattinata di ieri un elicottero AB 212 dell’80° Centro Combat SAR (Search And Rescue) di Decimomannu, del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare, ha soccorso tre allevatori bloccati nelle loro aziende dalla neve caduta copiosamente in Ogliastra e in tutta l'isola.
A seguito dell’attivazione da parte del Comando delle Operazioni Aeree di Poggio Renatico l’elicottero è decollato dalla base aerea di Decimomannu nel primo pomeriggio con a bordo una squadra del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico. Le operazioni di soccorso sono state particolarmente difficoltose a causa delle avverse condizioni meteo e dal considerevole strato nevoso. Una volta raggiunte l'area di intervento, l’equipaggio ha provveduto al recupero dei tre uomini che si trovavano in zone particolarmente impervie. Completati i recuperi l'elicottero si è diretto presso il campo sportivo di Urzulei dove ha sbarcato i soccorsi.
L’80° Centro C/SAR è uno dei reparti del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, inoltre concorre ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi.
Al termine delle operazioni l’elicottero è rientrato nella base di Decimomannu.

IL GEN. FRANCESCO OLLA 104° COMANDANTE
DELLA BRIGATA GRANATIERI DI SARDEGNA
 

ROMA, 13 GENNAIO 2017 - Si è svolta oggi, nella Caserma “Gandin” di Roma, sede del Comando Brigata Granatieri di Sardegna e del 1° reggimento Granatieri di Sardegna, la cerimonia di cambio del Comandante della Brigata tra il Generale di Brigata Gaetano Lunardo, cedente, e il parigrado Francesco Olla, subentrante. Alla cerimonia, presieduta dal Comandante della Divisione Acqui, Generale di Divisione Antonio Vittiglio, erano presenti il Sottosegretario alla Difesa, On. Domenico Rossi e il Comandante delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d'Armata Francesco Luigi De Leverano oltre alle autorità civili e militari della città.
Il Generale Lunardo ha lasciato l'incarico dopo quasi due anni d'intense attività che hanno visto gli uomini e le donne della Granatieri impiegati nell'Operazione "Strade Sicure" per l'ordine e la sicurezza pubblica, in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia, durante il Giubileo straordinario della Misericordia, a Roma, nel Lazio e nelle vicine regioni di Umbria e Abruzzo. La Brigata Granatieri di Sardegna inoltre è stata impegnata in una serie di attività addestrative nell'ambito dello sviluppo dei sistemi di simulazione per l'addestramento (SIAT), in attività di alta rappresentanza istituzionale in favore del cerimoniale di Stato e nell'emergenza sisma nel centro Italia, dove i reparti della Granatieri sono giunti per primi e con tempestività nelle zone colpite dal sisma per aiutare a scavare fra le macerie, allestire attendamenti, distribuire pasti, medicine e portare gli aiuti anche nelle zone più impervie.
Il Generale Vittiglio, nel suo intervento di saluto, ha sottolineato che la Brigata Granatieri si è dimostrata all'altezza dei compiti ricevuti, confermandosi una risorsa pregiata per la Forza Armata e per tutto il Paese. Il generale Olla, proveniente dallo Stato Maggiore dell’Esercito, sarà quindi il 104° Comandante della Brigata. A lui il compito di guidare gli uomini e le donne della Granatieri nei futuri impegni addestrativi ed operativi del 2017.  VEDI IL VIDEO
sezione pubblica informazione
comando brigata granatieri di sardegna

Il generale Olla è nato a Carbonia il 16 settembre 1967. Ha frequentato il 168° corso dell'Accademia Militare di Modena e la Scuola di Applicazione di Torino dove ha conseguito la laurea in Scienze dell’Informazione.
Nominato Tenente, è assegnato al 45 ° Battaglione Fanteria “Arborea” a Macomer dove svolge il periodo di Comando di Plotone Reclute (1991). Successivamente è trasferito al 1° Reggimento Corazzato / 1° Battaglione Corazzato di Teulada con l’incarico di Comandante di Plotone carri (1991-1994).
Laureato nel 1994 in "Scienze dell'Informazione".
Promosso al grado di Capitano, nel 1995 è comandato quale Comandante di Compagnia di formazione presso il 152° Reggimento Fanteria “Sassari” per lo svolgimento dell’Operazione “Vespri Siciliani” (1995). Rientrato in sede, ha assunto l’incarico di Comandante della Compagnia Comando e Servizi del 1° Reggimento Corazzato/Reparto Comando (1995-1996). Terminato il periodo di comando, è transitato all’Ufficio Operazioni Addestramento e Informazioni del 1° Reggimento Corazzato dove ha ricoperto l'incarico di Capo Sezione OAI (1997-1998). 
Tra la fine del 1998 e l’inizio del 1999 ha frequentato il 125° Corso di Stato Maggiore presso la Scuola di Guerra di Civitavecchia. Al suo rientro al 1° Reggimento Corazzato ha assunto l’incarico di Capo Ufficio OAI (1999–2002). Al termine del corso selettivo per la frequenza del 6° Corso all’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI) consegue il Master in Scienze Strategiche (2003). Nello stesso anno e fino a giugno del 2004, frequenta il 6° Corso ISSMI, al termine del quale ha conseguito il Master Internazionale in Studi Strategico-Militari, concesso dalle Università LUISS di ROMA e UNIMI di MILANO, e la qualifica di Consigliere Giuridico in Diritto Internazionale Umanitario e Diritto delle Operazioni Militari.
Al termine del Corso ISSMI è assegnato allo Stato Maggiore dell'Esercito - Reparto Impiego delle Forze, Ufficio Dottrina, Addestramento e Regolamenti (DAR) (2004-2006). Ha comandato il 1° Battaglione Corazzato / 1° Reggimento Corazzato di Teulada (2006- 2007). Ha ricoperto l’incarico di Capo Sezione Addestramento presso lo Stato Maggiore dell’Esercito - III Reparto Impiego delle Forze/Centro Operativo Esercito, Ufficio Addestramento (2007-2011). Ha partecipato all’Operazione ISAF XII nel Teatro operativo afghano con l’incarico di Ufficiale di Staff Addetto ai Piani. Ha comandato l’8 Reggimento LANCIERI DI MONTEBELLO" dal 10 giugno 2011 al 11 luglio 2012. A disposizione del Sottocapo di SME dal 12 luglio 2013 al 2 settembre 2013. Capo Ufficio del Sottocapo di SME dal 3 settembre 2013 al 3 novembre 2016. Capo Gruppo di Lavoro per la Missione LEONE - Libano. Comandante della Brigata GRANATIERI SI SARDEGNA dal 13 gennaio 2017.
Il generale Olla sposato con la Signora Anna Maria e ha due figli: Andrea e Silvio.

2016: UN ANNO CON LA BRIGATA SASSARI

 

  © 2017 - CON LA BRIGATA SASSARI - TUTTI I DIRITTI RISERVATI - ALL RIGHTS RESERVED
AUT. TRIB. CAGLIARI N. 9/13 DEL 9 LUGLIO 2013 - DIRETTORE RESPONSABILE PAOLO VACCA

 

 2017

PER ANNO

2016

2015

2014

2013

2012

2011

 

liNK UTILI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Speciali

GIUSEPPE LA ROSA

Sa mezzus gioventude

ABBRACCI

Il Glorioso TERZO


SLIDESHOW