ALGHERO INTITOLA GIARDINI A GIANMARCO MANCA CADUTO IN AFGHANISTAN

ALGHERO, 21 APRILE 2017 - La città di Alghero ha intitolato al Caporal Maggiore Scelto Gianmarco Manca, caduto in Afghanistan il 9 ottobre 2010 i giardini pubblici in viale Primo Maggio antistanti la pineta Maria Pia. In forza al 7° Reggimento Alpini, Manca rimase vittima con i colleghi Francesco Vannozzi, Sebastiano Ville e Marco Pedone di un attacco terroristico contro il Lince sul quale viaggiava.
Alla cerimonia di intitolazione, presieduta dal sindaco di Alghero Mario Bruno, hanno partecipato anche il vicecomandante delle Truppe Alpine, il generale di Divisione Marcello Bellacicco, che nel 2009 era al comando della Brigata alpina JULIA e della Regione Ovest della missione Isaf in Afghanistan, colleghi e amici di Gianmarco Manca e autorità militari e civile della Sardegna.
La targa di intitolazione dei giardini è stata scoperta dalla mamma di Gianmarco, Pierina, e dalla sorella Antonella, anche lei militare e in forza alla Brigata SASSARI. I ritmi della cerimonia sono stati scanditi dalle musiche della Banda della Brigata SASSARI.  VEDI VIDEO

PATTUGLIA DEL 3° BERSAGLIERI BLOCCA BORSEGGIATORE A NAPOLI

NAPOLI, 19 APRILE 2017 - Militari dell'Esercito, impegnati nell'Operazione Strade Sicure, sono intervenuti in due distinte occasioni a Napoli consentendo l'arresto di due individui. Nelle prime ore dell'alba, nel centro antico, una pattuglia del 3° Reggimento Bersaglieri della Brigata SASSARI ha notato un giovane rincorso da un altro che chiedeva aiuto. I militari sono intervenuti e hanno bloccato il fuggitivo che aveva appena messo a segno un borseggio. Il fatto era avvenuto poco prima in Piazza Bellini dove due militari liberi dal servizio, un uomo ed una donna, seduti su di una panchina erano stati avvicinati dal giovane malvivente che repentinamente aveva strappato la borsa dalla spalla della donna trascinandola a terra. Il compagno della malcapitata si è precipitato a rincorrere il ladro attirando l'attenzione dei colleghi della pattuglia che si trovava a poca distanza. Il malvivente, un italiano di 26 anni, è stato consegnato ai Carabinieri, chiamati sul posto, ed è stato successivamente posto in arresto.
Poco più tardi, nei pressi di Piazza Garibaldi, militari del Reggimento Cavalleggeri Guide (19°) hanno notato un ragazzo che aveva appena ceduto una bustina ad un giovane allontanatosi frettolosamente. I militari sono intervenuti ed hanno provveduto al fermo ed l'identificazione del sospetto, uno straniero di 30 anni, che è stato trovato in possesso di 18 grammi di Marijuana e 90 euro in contanti. L'uomo è stato successivamente arrestato dalla Polizia per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L'attività di presidio del territorio da parte dei militari dell'Esercito impegnati nell'Operazione Strade Sicure, continua senza sosta, al fianco delle Forze dell'Ordine, per incrementare il livello di sicurezza nelle città.

INTERVENTO ARTIFICIERI 5° GUASTATORI IN BIBLIOTECA UNIVERSITA' SASSARI

SASSARI, 13 APRILE 2017 - Concluse oggi, dagli artificieri del 5° Reggimento Genio Guastatori della Brigata SASSARI, le operazioni di bonifica di due granate e una spoletta, di fabbricazione austriaca, risalenti al Primo conflitto mondiale. Gli ordigni sono stati rinvenuti casualmente dal personale della biblioteca universitaria di Sassari, durante la catalogazione di antichi documenti conservati in una cassa di legno. Gli artificieri del 5° Guastatori hanno messo in sicurezza i residuati bellici, risultati ancora attivi, e li hanno trasportati in una cava nelle vicinanze di Sassari per distruggerli.
L'intervento tempestivo degli uomini del Reggimento Genio della Brigata SASSARI ha permesso la ripresa delle normali attività nella biblioteca universitaria.
L’Esercito, grazie alla capacità “dual-use” dei propri reparti del Genio, oltre all'impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d'intervenire a supporto della comunità in tempi rapidissimi su tutto il territorio nazionale. Gli artificieri della Forza Armata infatti effettuano ogni anno centinaia di interventi di bonifica di ordigni bellici in tutto il territorio nazionale.
In Sardegna, questi compiti sono affidati al 5° reggimento genio guastatori di Macomer che, oltre a mantenere sempre pronta un’aliquota di forze per interventi di pubblica calamità, grazie alla sua peculiare preparazione tecnica, si occupa delle delicate operazioni di messa in sicurezza e bonifica dei residuati bellici.
L’intervento odierno è la seconda operazione di bonifica della settimana: infatti, negli scorsi giorni, i “Sassarini” del 5° Reggimento hanno messo in sicurezza e fatto brillare, un razzo di segnalazione rinvenuto da un pescatore nella foce del Rio Santu Milanu, nei pressi di S. Giovanni Suergiu (Carbonia-Iglesias).
COMANDO BRIGATA SASSARI
SEZIONE PUBBLICA INFORMAZIONE

20 ANNI FA: IL 151° "SASSARI" IN ALBANIA

ROMA, 4 APRILE 2017 - Si è svolta oggi nella Biblioteca Militare Centrale di Palazzo Esercito la commemorazione del 20° anniversario dell’inizio della missione “Alba” in Albania, iniziata il 13 aprile 1997 e terminata il 12 agosto dello stesso anno, nel corso della quale l’Esercito contribuì alla costituzione della Forza Multinazionale di Proiezione (FMP), a guida italiana, schierandosi e operando tra Tirana, Durazzo, Valona e Fier.
Presente alla cerimonia il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, che nel maggio del 1997, con il grado di Tenente Colonnello era al comando del 7° Reggimento “VEGA”, uno dei reparti che costituirono il contingente “Alba”. Hanno presenziato i Comandanti di vertice della Forza Armata, i Comandanti delle unità che hanno costituito il contingente italiano in Albania, gli Ufficiali in servizio allo Stato Maggiore, e illustri ospiti.
Il Generale Errico, nel corso del suo intervento ha ricordato come “in questo complesso e delicato contesto, l’Italia fornì il contributo più consistente alla missione, guidata dal Generale Forlani, tanto in termini numerici – con un contingente formato da circa 3.000 uomini – quanto dal punto di vista capacitivo con la piena responsabilità del comando e controllo, della condotta delle operazioni, della logistica, dei trasporti, terrestri e aerei, dei rifornimenti e delle comunicazioni”.
La missione “Alba” approvata dall’ONU nell’aprile del 1997 e fu la prima forma di intervento multinazionale (con Francia, Turchia, Grecia, Spagna, Romania, Austria e Danimarca) promossa e guidata dall'Italia. L'Esercito, schierato fra Tirana, Durazzo, Valona e Fier, contribuì con la Brigata meccanizzata "Friuli", il 18° Reggimento bersaglieri della Brigata "Garibaldi" (l’attuale 1° reggimento bersaglieri di Cosenza), il 187° Reggimento paracadutisti della "Folgore" e il 151° Reggimento fanteria della Brigata SASSARI, affiancati dagli Incursori del "Col Moschin" e dagli specialisti dell'AVES, Genio, Sanità e Trasmissioni. La presenza dei militari ha consentito di raffreddare la situazione albanese, degenerata all'inizio del 1997 principalmente a causa del fallimento di società di investimento che avevano di fatto bruciato i risparmi di molti cittadini. Con circa 1.700 attività operative, la FMP ha consentito alle Organizzazioni umanitarie di distribuire alla popolazione oltre 5.700 tonnellate di viveri, medicinali, sementi e vestiario e di garantire la sicurezza agli osservatori OSCE durante le elezioni albanesi del 29 giugno e del 6 luglio 1997.

CRI: 8 NUOVI ISTRUTTORI PROTEZIONE CIVILE IN SARDEGNA

CAGLIARI, 4 APRILE 2017 - Al termine di un corso di tre settimane nel Centro Regionale di Formazione CRI della Sardegna a Bosa, sono stati nominati otto Istruttori di Protezione Civile CRI. La struttura del corso si è articolata sull’approfondimento teorico della materia ed esercitazioni pratiche.
Gli Istruttori di protezione Civile CRI saranno delle preziosissime risorse da spendere nella divulgazione della cultura di Protezione Civile, nella formazione di personale interno ed esterno all’Associazione nell’obiettivo di sviluppare nella popolazione una cultura della resilienza.
Il Corso Istruttori IPC è stato occasione di proficuo dialogo tra le istituzioni regionali e la Croce Rossa della Sardegna, nell’ottica di una futura utile collaborazione, volta al rafforzamento delle potenzialità di Protezione Civile, a supporto dell’ausilio dei soggetti colpiti da condizioni di vulnerabilità.
La Presidente Regionale Giovanna Sanna, nell’esprimere soddisfazione per il traguardo raggiunto, ha ringraziato tutti i partecipanti e coloro che hanno prestato le loro altissime competenze per rendere sempre più forte il ruolo della Croce Rossa nel soccorrere chiunque si trovi in condizioni di sofferenza.

STRADE SICURE: BRIGATA SASSARI AL COMANDO
 DEL RAGGRUPPAMENTO LAZIO-UMBRIA-ABRUZZO

ROMA, 31 MARZO 2017 - La Brigata SASSARI ha assunto il comando del raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo dell'operazione “Strade Sicure” dando il cambio alla Brigata AOSTA che per tre mesi, sotto il comando del Generale Roberto Angius, ha presidiato, in concorso con le Forze di Polizia, 180 siti sensibili per la maggioranza ubicati nella Capitale. Ambasciate, luoghi di culto, centri di accoglienza ed anche stazioni ferroviarie e metropolitane oltre ai numerevoli luoghi turistici e di aggregazione della città di Roma.
Un periodo breve ma ricco di impegni e soddisfazioni quello vissuto dai circa 2000 uomini e donne della Brigata AOSTA, con risultati di tutto rispetto. Oltre 30 mila sono state le persone identificate che hanno consentito alle Forze di Polizia di procedere a 20 arresti e 10 denunce a piede libero, di sequestrare circa 300 grammi di sostanze stupefacenti, due armi da fuoco e 8 armi bianche.

I militari della Brigata SASSARI, al comando del Generale Gianluca Carai, continueranno nelle attività di pattugliamento e presidio nell'area del raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo. Il livello di preparazione dei militari impiegati, tutti professionisti, è consolidato ed approfondito a seguito dei ripetuti impieghi non solo in tale tipologia di operazioni, ma anche in quelle “fuori area”, ove sovente i compiti da assolvere e le relative modalità d'azione sono molto simili a quelli adottati sul territorio nazionale pur nel diverso contesto operativo. Grazie all'addestramento, alle specifiche competenze e alla capacità “dual use”, l'Esercito continua a essere saldo punto di riferimento tanto a livello internazionale, quanto per la collettività nazionale, dove si fa carico delle sempre più esigenti richieste di sicurezza interna.

CONCORSO IPPICO NAZIONALE SALTO OSTACOLI AL CAMPO ROSSI

CAGLIARI, 26 MARZO 2017 - Oltre 140 binomi civili e militari hanno partecipato al Concorso Ippico Nazionale di Salto Ostacoli che si è svolto nel Comprensorio Polisportivo Militare “Gastone Rossi”, nel campo ostacoli del Centro Ippico Militare del Comando Militare Esercito Sardegna in via Tramontana a Cagliari. La manifestazione sportiva è stata organizzata dal Centro Ippico Militare del Comando Militare Esercito Sardegna in collaborazione con l’Associazione Nazionale Arma di Cavalleria (ANAC) - Sezione Cavalleggeri di Sardegna e dalla Federazione Italiana Sport Equestri (FISE).
Nell’arco della giornata sono state disputate le gare per le diverse categorie. Per la C140 (a due manche) “Gran Premio FISE Sardegna” e la C115 a tempo era in palio un montepremi di 4.000 euro.
Tra le autorità presenti il Comandante del Comando Militare Esercito Sardegna, Generale di Divisione Giovanni Domenico Pintus, e l’Assessore allo Sport del comune di Cagliari, Yuri Marcialis oltre a autorità civili e militari di Cagliari.

FESTA DEL PAPÀ
 Auguri a tutti i papà Sassarini
 impegnati in Patria e all'estero

19 MARZO 2017 - Il calore dell’abbraccio di un papà non ha eguali, ma quello di un papà che torna a casa dopo tanti mesi è ancora più bello!
Auguri a tutti i papà!
#festadelpapà2017 #noicisiamosempre #EsercitoItaliano

ORDINARIO MILITARE VISITA COMANDO LEGIONE CARABINIERI SARDEGNA

CAGLIARI, 14 MARZO 2017 - L'Ordinario Militare Mons. Santo Marcianò, a Cagliari per presiedere la celebrazione del precetto pasquale per le Forze Armate, ha visitato il Comando Legione Carabinieri Sardegna dove ha incontrato tutti i comandanti regionali e personale in servizio. Mons. Marcianò prima di lasciare la Caserma intitolata alla MOVM Enrico Zuddas, ha visitato l’esposizione museale di cimeli e reperti storici legati al peculiare ruolo svolto dalla Benemerita nella lotta al banditismo nell’isola.

CERIMONIA ALLA MADDALENA PER CONSEGNA GRADO SERGENTI 21° CORSO

LA MADDALENA, 10 MARZO 2017 - Gli allievi del 21° corso Sergenti “Thor” della Scuola Sottufficiali della Marina Militare “Domenico Bastianini” di La Maddalena, hanno ricevuto il grado durante una solenne cerimonia in Piazza Umberto I. La cerimonia, i cui ritmi sono stati scanditi dalle note della Banda della Brigata SASSARI, è stata presieduta dal Comandante delle Scuole della Marina Militare, Ammiraglio di Squadra Salvatore Ruzittu, alla presenza di autorità civili, militari e religiose della Sardegna e rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.
Il 21° corso Sergenti “Thor” nei sei mesi di attività ha permesso ai 57 frequentatori (3 Nocchieri, 12 Tecnici di Macchina, 40 Nocchieri di Porto e 2 Incursori) di approfondire tematiche tecnico-professionali e gestionali nel campo delle risorse materiali ed umane, che saranno fondamentali per lo svolgimento dei futuri incarichi a bordo delle unità navali e nei vari reparti operativi.
Nel corso della cerimonia, l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia insieme con l’Associazione amici dell’Ammiraglio Romualdo Balzano, la Lega Navale Italiana, Sezione di La Maddalena, e l’Istituto Internazionale di Studi Giuseppe Garibaldi, Sezione di La Maddalena, hanno consegnato riconoscimenti e premi al personale che si è particolarmente distinto in attività didattiche e sportivo/marinaresche durante l’anno scolastico 2016/2017.

IL GENERALE GIANLUCA CARAI 43° COMANDANTE DELLA BRIGATA SASSARI

SASSARI, 3 MARZO 2017 - Il Generale Gianluca Carai è diventato oggi il 43° comandante della Brigata SASSARi. La cerimonia di avvicendamento col predecessore, Gen. Arturo Nitti, è avvenuta nel Cortile “Raimondo Scintu” della storica caserma “La Marmora”, in piazza Castello a Sassari, alla presenza del Comandante della Divisione “Acqui”, Generale di Divisione Antonio Vittiglio e di numerose autorità locali, e dei gonfaloni delle città di Tempio Pausania e Sinnai che, il 1 marzo 1915, hanno dato i natali al 152° e al 151° Reggimento Fanteria "Sassari". Schierato un reggimento di formazione con la Bandiera di Guerra del 152°, decorata di un Ordine Militare d'Italia, due Medaglie d'Oro al Valor Militare e una Medaglia d'Oro al Valore dell'Esercito. I ritmi della cerimonia sono stati scanditi dalla Banda della Brigata SASSARI.
Per il Gen. Carai si tratta di un ritorno nei ranghi della SASSARI: da Tenente Colonnello comandò il Battaglione operativo del 151° (2005-2006) e da Colonnello (2010-2012) fu il 55° Comandante del 152°, guidando il Reggimento nell’operazione ISAF (International Security Assistance Force) in Afghanistan, riscuotendo consensi da parte della popolazione, delle autorità civili locali e dei comandi militari e meritando la Croce d'Oro al Merito dell'Esercito.
Il Generale Arturo Nitti ha lasciato l'incarico dopo quasi 30 mesi di intense attività che lo hanno visto alla guida degli uomini e delle donne della SASSARI, coinvolti in numerosi impegni sia in territorio nazionale, sia all’estero. Nel suo discorso di commiato, il gen. Nitti ha ricordato le celebrazioni per il centenario della costituzione della Brigata, l’impegno della SASSARI in soccorso agli abitanti di Olbia dopo l’alluvione dell’ottobre 2015, le numerose attività di bonifica del territorio da residuati bellici, nonché l’impiego nell’operazione “Strade Sicure”, a garanzia dell’ordine pubblico e della sicurezza di alcune tra le maggiori città italiane, che ha visto i “Sassarini” interessati, in maniera quasi ininterrotta, dal 2008. Altri importanti impegni durante il periodo di comando di Nitti, la partecipazione, nel 2015, all’imponente esercitazione Nato “Trident Juncture”, che ha visto schierati oltre 1500 militari in un contesto che registrava l’impegno di 30 Paesi. E poi, per la prima volta sotto le insegne delle Nazioni Unite, i Dimonios hanno preso parte, da aprile ad ottobre 2016, alla missione UNIFIL (United Nation Interim Force in Lebanon) in territorio libanese, attività nella quale il Generale Nitti ha rivestito il ruolo di comandante del contingente nazionale e del Settore Ovest. In tale occasione, la Brigata SASSARI ha saputo dimostrare la sua professionalità e determinazione in un contesto di delicato equilibrio politico, riuscendo ad ottenere risultati di assoluto rilievo nell'operazione volta ad garantire il rispetto della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza dell'ONU. In questo contesto, i “caschi blu” italiani hanno sviluppato numerose attività al fine di mantenere un’adeguata cornice di sicurezza nell’area, monitorando la cessazione delle ostilità e assistendo le Forze Armate Libanesi e supportando la popolazione locale, anche con azioni mirate allo sviluppo dell’area e alla distribuzione di aiuti umanitari. Durante il discorso il Generale Arturo Nitti ha espresso la sua profonda gratitudine agli uomini e alle donne della SASSARI per l’impegno profuso durante il suo periodo di comando.

SU CHENTUCHIMBANTUNU NELLA LEGGENDA DA 102 ANNI 1 Marzo 1915-2017

SINNAI, 1 MARZO 2017 - Il 102° anniversario della costituzione del 151° Reggimento Fanteria "Sassari" è stato celebrato a Sinnai, per iniziativa dell'Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Matteo Aledda, alla presenza del 53° Comandante del 151°, Col. Maurizio Settesoldi. La cerimonia, caratterizzata dalle note della Banda della Brigata SASSARI e dagli onori resi da un picchetto armato del 151°, è cominciata con l'alzabandiera e la deposizione di una corona d'alloro, in memoria dei Caduti, sul monumento che l'Amministrazione comunale ha fatto erigere nel punto in cui, nel 1915, sorse il Deposito del 46° Reggimento Fanteria "Reggio", centro di arruolamento dei coscritti che formarono la forza combattente del 151°. Nei suoi 102 anni di vita, il 151° è entrato nella leggenda, meritando un Ordine Militare d'Italia (1920), due Medaglie d'Oro al Valor Militare (1916 e 1920) e una Medaglia d'Oro al Valore dell'Esercito (2006).
Nelle loro allocuzioni, il Col. Settesoldi e il sindaco Aledda hanno ricordato il momento storico di 102 anni fa e il fortissimo legame che da quel momento lega la città di Sinnai, l'intera Sardegna e l'Italia al 151°. PAGINA SPECIALE

MOVM GIUSEPPE LA ROSA COMMEMORATO A CARBONIA E S.GIOVANNI SUERGIU

SAN GIOVANNI SUERGIU, 24 FEBBRAIO 2017 - Il Magg. Giuseppe La Rosa, caduto in commbattimento in Afghanistan l'8 giugno 2013, è stato ricordato nel corso di due distinte cerimonie a Carbonia e San Giovanni Suergiu organizzate della presidenza regionale dell'Associazione Nazionale Bersaglieri. A Carbonia è stata intitolata alla Medaglia d'Oro al Valor Militare La Rosa la sala prelievi del Centro Trasfusionale dell'Ospedale Sirai. Successivamente nella sala consiliare del Comune di San Giovanni Suergiu, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa, Domenico Rossi, si è svolta la commemorazione dell'ufficiale del TERZO Bersaglieri caduto facendo scudo col proprio corpo ai colleghi per proteggerli dall'esplosione di un ordigno lanciato all'interno del Lince del Military Advisor Team della Transition Support Unit South (TSUS) che stava rientrando nella base di Farah, dopo aver svolto attività in sostegno alle unità dell'esercito afghano. E' stato poi scoperto un quadro donato dalla presidenza regionale dell'Associazione Nazionale Bersaglieri dedicato alla memoria del Magg. La Rosa. I momenti della cerimonia sono stati caratterizzati dalle musiche della Banda della Brigata SASSARI.

MARINA MILITARE COMMEMORA DOMENICO MILLELIRE, PRIMA MOVM

LA MADDALENA, 24 FEBBRAIO 2017 - Ieri 23 febbraio, nei giardini di via Principe Amedeo a La Maddalena, ha avuto luogo la cerimonia commemorativa dei fatti d’arme che si svolsero il 23 Febbraio 1793 nelle acque dell’Arcipelago di La Maddalena. "Per aver ripreso al nemico l'Isola di Santo Stefano e per la valorosa difesa dell'isola di La Maddalena contro gli attacchi della squadra navale della Repubblica Francese": è questa la motivazione con la quale venne assegnata al cittadino maddalenino e Nocchiero di Mezze Galere della Marina Sarda Domenico Leoni detto “Millelire”, la prima medaglia d’oro della Marina Militare.
Durante la cerimonia è stata benedetta e deposta una corona d’alloro ai piedi del monumento intitolato all’eroe isolano da parte del Capitano di Vascello Roberto Fazio Comandante del Presidio Marina Militare e Comandante della Scuola Sottufficiali, del Sig. Roberto Ugazzi in rappresentanza del Comune di La Maddalena e del professore Giuseppe Farina, presidente del Lions Club di La Maddalena.
Cellula PI Scuola Sottufficiali Marina Militare
“M.O.V.M. Domenico Bastianini

GRANATIERI SARDEGNA COMMEMORANO PER LA 241a VOLTA DUCA S.PIETRO

ROMA, 17 FEBBRAIO 2017 - Come da tradizione, anche quest'anno i GRANATIERI di SARDEGNA hanno sfilato in parata per le vie di Roma Capitale, per raggiungere la Basilica Michelangiolesca di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri e celebrare la 241a messa di suffragio di Don Alberto Genovese, Duca di San Pietro.
Il patrizio cagliaritano, figlio di Don Bernardino Antonio Genovese che nel 1744 costitui a sue spese in Cagliari il "Reggimento Sardegna Fanteria", nel 1776 donò al Reggimento di Sardegna centoventimila lire vecchie di Piemonte per il mantenimento del reparto e, in particolare, della musica reggimentale, fissando l'uso della loro rendita in apposito lascito testamentario che prevedeva anche la celebrazione perpetua di una messa di suffragio, tradizione sempre rispettata dai GRANATIERI di SARDEGNA, sia in tempo di pace sia di guerra.
La cerimonia di oggi ha avuto inizio con lo sfilamento delle compagnie del 1° reggimento "Granatieri di Sardegna" dalla Caserma “Macao” in via Castro Pretorio, alle 10, ed è stata svolta in tradizionale Grande Uniforme di Rappresentanza della specialità, alla presenza del Sottosegretario alla Difesa, Domenico Rossi, e del Generale di Corpo d'Armata Luigi Francesco De Leverano, Comandante del Comando Forze Operative Sud, insieme ad autorità militari, civili e religiose. Tradizione consolidata e secolare, ai quali i Granatieri non hanno rinunciato neanche durante i recenti impieghi sul territorio nazionale e all'estero. Attualmente il reggimento più antico d'Italia ed unico per la sua specialità, è impiegato nell'Operazione "Strade Sicure" nella capitale, al comando della Task Force "Roma 1", con circa 200 tra uomini e donne, e contribuisce con diverse unità all'operazione creata a supporto della popolazione del centro Italia, colpita dal sisma.

MARINA MILITARE: GOLFO OLBIA, SOSTITUITI DUE SEGNALAMENTI

LA MADDALENA, 17 FEBBRAIO 2017 - Nave Tavolara, Unità della classe Moto Trasporto Fari della Marina Militare, ha recentemente condotto nel Golfo di Olbia una “Campagna Fari”, in collaborazione con i Palombari del Nucleo SDAI del Gruppo Operativo Subacquei di COMSUBIN e il Comando Fari e Segnalamenti Marittimi (MARIFARI) dell’Isola di La Maddalena.
L’intervento del personale specializzato della Marina Militare ha permesso la sostituzione di due segnalamenti ormai logorati dall’azione corrosiva del mare, posizionati per indicare la presenza di pericolo/bassi fondali ai lati del canale di instradamento di accesso al porto.
Nave Tavolara, lunga 56,7 metri e larga 10, è dotata di specifiche peculiarità che si prestano perfettamente a questo tipo di operazioni. Dispone di una gru della portata di 15t e due gruette da 2,5t e 0.5t con attrezzature marinaresche idonee a trasportare e posizionare elementi di segnalamento marittimo come boe e mede anche di grandi dimensioni.
I Palombari del Nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di COMSUBIN, hanno operato sul fondo marino per assicurare la posa e l’ “ammanigliamento” dei segnalamenti al corrispondente masso immerso. L’attività si inserisce nel più ampio compito istituzionale della Marina Militare di garantire la sicurezza della navigazione in ingresso e in uscita dai porti.
Cellula Pubblica Informazione
Scuola Sottufficiali M.M. La Maddalena

SOLIDARIETA': RSSTA CONSEGNA AIUTI PER 28 MILA EURO

BASE AEREA DECIMOMANNU, 8 FEBBRAIO 2017 - Con una breve ma significativa cerimonia svoltasi nel circolo ufficiali dell'Aeroporto militare intitolato alla Medaglia d'Oro al Valor MIlitare Giovani Farina, sono stati consegnati attrezzature e aiuti, per un valore di 28 mila euro raccolti col "Bazar 2016", destinati alle famiglie bisognose del territorio su cui insiste la base aerea sede del Reparto Sperimentale e di Standardizzazione al Tiro Aereo di Decimomannu.
La manifestazione ha visto la partecipazione del comandante del RSSTA, Col. Michele Ciuffreda, dei Sindaci dei Comuni limitrofi e di varie autorità locali. Gli aiuti che è stato possibile acquistare il "Bazar 2016" sono stati molteplici: materiali tecnico-sanitari, quali gli importanti defibrillatori e un elettrocardiografo, destinati a associazioni sportive, di volontariato e persino a un importante ospedale cagliaritano. Attrezzature antincendio sono state consegnate invece alle organizzazioni della protezione civile, mentre suppellettili quali attrezzature da cucina, una asciugatrice, un computer sono state assegnate alla Caritas e agli oratori parrocchiali. Consegnati anche quasi duecento buoni spesa, da devolvere alle famiglie bisognose delle comunità locali attraverso i rispettivi Sindaci.
Il “Bazar” del RSSTA, giunto quest’anno alla 32ª edizione, è un evento di beneficienza organizzato su base annuale dal Reparto, in collaborazione col personale tedesco della German Air Force, al quale contribuiscono anche i familiari del personale in forza e a riposo. Il personale del RSSTA, che con la propria attività istituzionale garantisce il supporto ai gruppi di volo in attività di addestramento, non è nuovo ad attività di carattere umanitario: infatti è spesso chiamato anche in compiti di soccorso, come l’aiuto garantito puntualmente dal soccorso aereo dell’ 80° Gruppo SAR e dall’intervento effettuato durante le recenti calamità delle alluvioni. Inoltre, anche il personale della componente tedesca si è sempre contraddistinto con grandi esempi di generosità, quali la donazione di sangue a favore dei pazienti affetti da talassemia e un costante impegno in attività a sfondo di beneficenza.

RACCOLTA SANGUE IN BASE AEREA DECIMOMANNU

BASE AEREA DECIMOMANNU, 8 FEBBRAIO 2017 - Il personale del RSSTA di Decimomannu, rispondendo all’allarme lanciato dagli ospedali del capoluogo cagliaritano, ha aderito alla campagna di raccolta di sangue. I militari dell’Aeronautica Militare di stanza nella Base di Decimomannu hanno effettuato le donazioni grazie ad una autoemoteca messa a disposizione dall’AVIS provinciale di Cagliari.
Il personale di Decimomannu non è nuovo a questo tipo di iniziative: infatti il Reparto ha sempre organizzato regolarmente, con la preziosa collaborazione della componente tedesca della German Air Force, campagne di donazione finalizzate ad aiutare in particolare i pazienti affetti da talassemia.
Dal 1978 ad oggi, la sola componente tedesca dell’associazione per la talassemia, ha fornito attraverso “il ponte di sangue” oltre 47.000 sacche di sangue per un valore di oltre 4 milioni di euro.

"COMO CHE SEMUS NOIS (ORA CI SIAMO NOI)" A SHAMA

SHAMA, 6 FEBBRAIO 2017 - Nell'ottobre scorso la Brigata SASSARI ha lasciato la guida del Sector West di UNIFIL alla POZZUOLO DEL FRIULI. Ma a Shama, sia nella missione UNIFIL sia in quella MIBIL (la missione italiana bilaterale in Libano), si parla ancora in limba grazie una folta pattuglia di Sardi che rappresentano tutte le regioni geografiche della nostra isola. Abbiamo ricevuto i loro messaggi di saluto e le loro foto scattate accanto al nuraghe e alla navicella nuragica che la SASSARI ha lasciato come segno della sua presenza nella terra dei cedri.  "Sono fiero e onorato - dice Adriano Moi, di Sinnai, in forza al Reggimento Lagunari "Serenissima", decano dei sardi in Libano e IMC (comandante plotone infrastrutture camp site) - come da tradizione di noi sardi, di custodire la nostra bandiera dei quattro mori e il nuraghe, fatto costruire dal Generale Nitti, Comandante della gloriosa Brigata SASSARI. Costruito con sacrificio e fierezza dai suoi uomini sardi, simbolo architettonico della civiltà nuragica alla quale noi sardi tutti siamo legati, a prescindere dal luogo in cui si vive o si opera. Un saluto grande di cuore vorrei estenderlo alla mia terra, ai miei conterranei e al mio paese natale, Sinnai, che tanto mi ha dato e insegnato, che porterò sempre nel mio cuore. Un saluto sincero formulo a tutti gli amici della classe 1967 che quest'anno raggiungeranno, come lo scrivente ha già raggiunto, il traguardo dei 50 anni con l'augurio di sempre migliori fortune. Viva la Sardegna, viva l'Esercito, viva l'Italia". Nella pagina speciale, realizzata grazie alla collaborazione della Cellula Pubblica Informazione del Contingente italiano, abbiamo raccolto i messaggi di saluto dei sardi ora al lavoro a Shama.

3° BERSAGLIERI: SORI LASCIA SERVIZIO, SABEDDU SOTTUFFICIALE CORPO

CAPO TEULADA, 27 GENNAIO 2017 - Il Primo Maresciallo Massimiliano Sabeddu è il nuovo sottufficiale di corpo del TERZO Bersaglieri della Brigata SASSARI: ha raccolto il "testimone" dal Luogotenente Roberto Sori che oggi ha lasciato il servizio attivo dopo sette lustri e un'ultima impegnativa missione all'estero. Al nuovo sottufficiale di corpo del Glorioso TERZO gli auguri del giornale della Famiglia Sassarina. A Roberto Sori un grande abbraccio e la nostra riconoscenza per il servizio prestato e per l'attenzione che ha sempre riservato al nostro giornale online. Nelle foto di Sebastiano Soggiu il passaggio di consegne tra Sori e Sabeddu e il saluto alla Bandiera di Guerra del TERZO Bersaglieri che con due Ordini Militari d'Italia, tre Medaglie d'Oro e tre d'Argento al Valor Militare, una d'Argento al Valore dell'Esercito, tre Medaglie di Bronzo al Valor Militare ed una di Bronzo al Merito Civile è la più decorata delle Forze Armate Italiane.

AERONAUTICA E CNSAS SOCCORRONO TRE ALLEVATORI BLOCCATI DALLA NEVE

BASE AEREA DECIMOMANNU, 20 GENNAIO 2017 - Nella tarda mattinata di ieri un elicottero AB 212 dell’80° Centro Combat SAR (Search And Rescue) di Decimomannu, del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare, ha soccorso tre allevatori bloccati nelle loro aziende dalla neve caduta copiosamente in Ogliastra e in tutta l'isola.
A seguito dell’attivazione da parte del Comando delle Operazioni Aeree di Poggio Renatico l’elicottero è decollato dalla base aerea di Decimomannu nel primo pomeriggio con a bordo una squadra del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico. Le operazioni di soccorso sono state particolarmente difficoltose a causa delle avverse condizioni meteo e dal considerevole strato nevoso. Una volta raggiunte l'area di intervento, l’equipaggio ha provveduto al recupero dei tre uomini che si trovavano in zone particolarmente impervie. Completati i recuperi l'elicottero si è diretto presso il campo sportivo di Urzulei dove ha sbarcato i soccorsi.
L’80° Centro C/SAR è uno dei reparti del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, inoltre concorre ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi.
Al termine delle operazioni l’elicottero è rientrato nella base di Decimomannu.

IL GEN. FRANCESCO OLLA 104° COMANDANTE
DELLA BRIGATA GRANATIERI DI SARDEGNA
 

ROMA, 13 GENNAIO 2017 - Si è svolta oggi, nella Caserma “Gandin” di Roma, sede del Comando Brigata Granatieri di Sardegna e del 1° reggimento Granatieri di Sardegna, la cerimonia di cambio del Comandante della Brigata tra il Generale di Brigata Gaetano Lunardo, cedente, e il parigrado Francesco Olla, subentrante. Alla cerimonia, presieduta dal Comandante della Divisione Acqui, Generale di Divisione Antonio Vittiglio, erano presenti il Sottosegretario alla Difesa, On. Domenico Rossi e il Comandante delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d'Armata Francesco Luigi De Leverano oltre alle autorità civili e militari della città.
Il Generale Lunardo ha lasciato l'incarico dopo quasi due anni d'intense attività che hanno visto gli uomini e le donne della Granatieri impiegati nell'Operazione "Strade Sicure" per l'ordine e la sicurezza pubblica, in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia, durante il Giubileo straordinario della Misericordia, a Roma, nel Lazio e nelle vicine regioni di Umbria e Abruzzo. La Brigata Granatieri di Sardegna inoltre è stata impegnata in una serie di attività addestrative nell'ambito dello sviluppo dei sistemi di simulazione per l'addestramento (SIAT), in attività di alta rappresentanza istituzionale in favore del cerimoniale di Stato e nell'emergenza sisma nel centro Italia, dove i reparti della Granatieri sono giunti per primi e con tempestività nelle zone colpite dal sisma per aiutare a scavare fra le macerie, allestire attendamenti, distribuire pasti, medicine e portare gli aiuti anche nelle zone più impervie.
Il Generale Vittiglio, nel suo intervento di saluto, ha sottolineato che la Brigata Granatieri si è dimostrata all'altezza dei compiti ricevuti, confermandosi una risorsa pregiata per la Forza Armata e per tutto il Paese. Il generale Olla, proveniente dallo Stato Maggiore dell’Esercito, sarà quindi il 104° Comandante della Brigata. A lui il compito di guidare gli uomini e le donne della Granatieri nei futuri impegni addestrativi ed operativi del 2017. VEDI IL VIDEO
sezione pubblica informazione
comando brigata granatieri di sardegna

Il generale Olla è nato a Carbonia il 16 settembre 1967. Ha frequentato il 168° corso dell'Accademia Militare di Modena e la Scuola di Applicazione di Torino dove ha conseguito la laurea in Scienze dell’Informazione.
Nominato Tenente, è assegnato al 45 ° Battaglione Fanteria “Arborea” a Macomer dove svolge il periodo di Comando di Plotone Reclute (1991). Successivamente è trasferito al 1° Reggimento Corazzato / 1° Battaglione Corazzato di Teulada con l’incarico di Comandante di Plotone carri (1991-1994).
Laureato nel 1994 in "Scienze dell'Informazione".
Promosso al grado di Capitano, nel 1995 è comandato quale Comandante di Compagnia di formazione presso il 152° Reggimento Fanteria “Sassari” per lo svolgimento dell’Operazione “Vespri Siciliani” (1995). Rientrato in sede, ha assunto l’incarico di Comandante della Compagnia Comando e Servizi del 1° Reggimento Corazzato/Reparto Comando (1995-1996). Terminato il periodo di comando, è transitato all’Ufficio Operazioni Addestramento e Informazioni del 1° Reggimento Corazzato dove ha ricoperto l'incarico di Capo Sezione OAI (1997-1998). 
Tra la fine del 1998 e l’inizio del 1999 ha frequentato il 125° Corso di Stato Maggiore presso la Scuola di Guerra di Civitavecchia. Al suo rientro al 1° Reggimento Corazzato ha assunto l’incarico di Capo Ufficio OAI (1999–2002). Al termine del corso selettivo per la frequenza del 6° Corso all’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI) consegue il Master in Scienze Strategiche (2003). Nello stesso anno e fino a giugno del 2004, frequenta il 6° Corso ISSMI, al termine del quale ha conseguito il Master Internazionale in Studi Strategico-Militari, concesso dalle Università LUISS di ROMA e UNIMI di MILANO, e la qualifica di Consigliere Giuridico in Diritto Internazionale Umanitario e Diritto delle Operazioni Militari.
Al termine del Corso ISSMI è assegnato allo Stato Maggiore dell'Esercito - Reparto Impiego delle Forze, Ufficio Dottrina, Addestramento e Regolamenti (DAR) (2004-2006). Ha comandato il 1° Battaglione Corazzato / 1° Reggimento Corazzato di Teulada (2006- 2007). Ha ricoperto l’incarico di Capo Sezione Addestramento presso lo Stato Maggiore dell’Esercito - III Reparto Impiego delle Forze/Centro Operativo Esercito, Ufficio Addestramento (2007-2011). Ha partecipato all’Operazione ISAF XII nel Teatro operativo afghano con l’incarico di Ufficiale di Staff Addetto ai Piani. Ha comandato l’8 Reggimento LANCIERI DI MONTEBELLO" dal 10 giugno 2011 al 11 luglio 2012. A disposizione del Sottocapo di SME dal 12 luglio 2013 al 2 settembre 2013. Capo Ufficio del Sottocapo di SME dal 3 settembre 2013 al 3 novembre 2016. Capo Gruppo di Lavoro per la Missione LEONE - Libano. Comandante della Brigata GRANATIERI SI SARDEGNA dal 13 gennaio 2017.
Il generale Olla sposato con la Signora Anna Maria e ha due figli: Andrea e Silvio.

2016: UN ANNO CON LA BRIGATA SASSARI

 

  © 2017 - CON LA BRIGATA SASSARI - TUTTI I DIRITTI RISERVATI - ALL RIGHTS RESERVED
AUT. TRIB. CAGLIARI N. 9/13 DEL 9 LUGLIO 2013 - DIRETTORE RESPONSABILE PAOLO VACCA

 

 2017

PER ANNO

2016

2015

2014

2013

2012

2011

 

liNK UTILI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Speciali

GIUSEPPE LA ROSA

Sa mezzus gioventude

ABBRACCI

Il Glorioso TERZO


SLIDESHOW